TiPress - foto d'archivio
SVIZZERA
04.02.21 - 17:430

«La posta continuerà a essere consegnata tutti i giorni»

La precisazione di Roberto Cirillo arriva dopo l'ipotesi che per risparmiare si stia pensando a due giorni per la PostaA

BERNA - La Posta continuerà a consegnare ogni giorno la corrispondenza. Un cambiamento della prassi è «fuori discussione». Lo afferma il gigante giallo in risposta a quanto apparso sui giornali e i portali del gruppo CH Media.

Nell'articolo viene citato un rapporto dell'Ufficio federale delle comunicazioni (UFCOM) che indica come dal 2025 la Posta potrebbe trovarsi in difficoltà finanziarie. Per questo motivo, scrive il giornalista di CH Media, i clienti dovranno probabilmente fare delle concessioni.

Secondo i media del gruppo argoviese ci sarebbero diverse misure attualmente allo studio, come l'aumento delle tariffe delle lettere, il sovvenzionamento con soldi pubblici del servizio di base e l'ulteriore diminuzione del numero di uffici postali. Un altro provvedimento sul tavolo sarebbe il dilatamento a due giorni dei tempi per la consegna della Posta A. I risparmi sarebbero nell'ordine di 90 milioni di franchi all'anno a partire dal 2030. Una proposta simile era già stata avanzata lo scorso agosto da Avenir Suisse.

Quest'ultima speculazione ha fatto reagire la Posta. Citato in una nota, il CEO del gigante giallo Roberto Cirillo afferma: «Non mettiamo in questione il recapito giornaliero della corrispondenza a domicilio».

La Posta, prosegue il comunicato, garantisce il servizio universale in maniera capillare su tutto il territorio nazionale. In questo servizio «rientra tanto il recapito di lettere e pacchi almeno cinque giorni alla settimana quanto il recapito di quotidiani in abbonamento sei giorni alla settimana», viene sottolineato nella nota.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 10 mesi fa su tio
Ma non si capisce: quando chiudono le autorità dicono che è una decisione dell'azienda e non possono fare nulla. Ora le autorità vorrebbero dilazionare il servizio, imponendo una ulteriore misura di "meno servizio" , e mentre l'azienda casca dalle nuvole. A Berna cosa pretendono? Che un servizio come la posta porta ulteriori lauti guadagni al calderone federale? Ma vergognatevi di come state trattando il servizio pubblico.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BASILEA CITTÀ
54 min
Fiamme in una residenza assistita: grave un 86enne
Le cause dell'incendio sono al vaglio della polizia
FRIBURGO
5 ore
Ritorna l'obbligo di mascherina nelle scuole medie
Il provvedimento scatterà lunedì e sarà in vigore fino alle vacanze di Natale
SVIZZERA
9 ore
Swiss congela i voli per Hong Kong
La decisione è stata presa a causa delle rigide misure di quarantena previste per i membri dell'equipaggio
SVIZZERA
11 ore
Unia: «Si riduca l'orario di lavoro per tutti, referendum se aumenta l'età pensionabile»
Ecco cosa è emerso dall'assemblea dei delegati del sindacato, oggi a Berna
SVIZZERA
12 ore
«Misure tardive, andiamo verso una catastrofe»
L'infettivologo Andreas Widmer, presidente di Swissnoso: «Servono più restrizioni per i non vaccinati»
SVIZZERA
14 ore
«Senza una proposta della Svizzera, non ci sarà mai un piano B»
Un pacchetto bilaterale con l'Ue? Parla l'esperto Nicolas Levrat: «Berna sa che esistono alternative all'accordo quadro»
SVIZZERA
14 ore
«Diffondono il virus senza rendersene conto»
L'epidemiologa Susi Kriemler suggerisce la via dei test regolari per tracciare e contenere i contagi tra i giovanissimi
SVIZZERA
1 gior
«La gente rischia di perdere la fiducia»
Ospedali al limite, trasporto pubblico in difficoltà. I sociologi sono preoccupati per l'impatto sull'opinione pubblica
Ginevra
1 gior
Crivella di colpi l'amico, condannato a 16 anni
I fatti risalgono al 2016, quando un 42enne in seguito a un alterco aveva giustiziato un uomo in una sala da tè
SVIZZERA
1 gior
Nuove misure anti-Covid: la soddisfazione di bar e club
Il Consiglio federale «ci ha ascoltati» si legge in un comunicato, che parla di «segnale importante» per il settore
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile