Deposit
SVIZZERA / MONDO
26.01.21 - 06:300

Gli svizzeri si ubriacano più spesso dei tedeschi, e quasi il doppio rispetto agli italiani

In media i cittadini elvetici hanno consumato alcol fino alla sbornia oltre 20 volte negli ultimi 12 mesi

Lo indica un sondaggio a livello globale, che conferma nuovamente il problema con l'alcol di scozzesi e inglesi

BERNA / LONDRA - Gli svizzeri si ubriacano più spesso dei russi e dei tedeschi, e quasi il doppio delle volte rispetto agli italiani.

È quanto emerge dai risultati del Global Drugs Survey (GDS) per il 2020, un sondaggio effettuato da un organizzazione di ricerca indipendente con sede a Londra.

Nel complesso, in media, negli ultimi 12 mesi i cittadini elvetici si sono infatti ubriacati in 20,5 occasioni, poco sotto la media globale di 20,8. Un problema, quello legato all'abuso di bevande alcoliche, che non va quindi sottovalutato anche nel nostro paese.

Chi beve, e chi meno - In cima alla classifica si situano scozzesi, inglesi e australiani, seguiti da due paesi scandinavi: Danimarca e Finlandia. Per gli intervistati di questi paesi, la media degli ultimi 12 mesi è di oltre 30 sbornie.

D'altra parte, i partecipanti dei paesi centro- e sudamericani sono coloro che si sono ubriacati meno spesso. Tra loro, Argentina (6,9), Colombia (6,5), e Messico (10). In Europa, invece, sono i cittadini italiani (11,7) e portoghesi (9,3) a ubriacarsi meno spesso. I tedeschi hanno una media di 15,3, e i russi di 19,1.

A livello globale - Solo il 16% degli intervistati ha riferito di non essersi mai ubriacato nel corso degli ultimi 12 mesi. In media gli intervistati hanno riferito che è successo 20,8 volte nell'ultimo anno (un dato che è più alto tra gli uomini sotto i 25 anni (28 volte), e più basso tra le donne dai 25 anni in su (12 volte).

Una tendenza che porta spesso a dover ricorrere a servizi medici d'urgenza. In particolare, sono le giovani donne ad aver bisogno più spesso di un trattamento medico urgente, con un tasso del 3,4% - quasi 3 volte quello di donne (1,2%) e uomini (1,3%) oltre i 25 anni.

E ogni tanto, ci si pente... - In media, gli interpellati hanno riferito di essersi pentiti di essersi ubriacati nel 30% delle occasioni.

I principali comportamenti associati al pentimento sono stati il bere troppo e troppo in fretta, il mescolare troppo le bevande, e lo stare con persone che bevono pesantemente. Il motivo che porta più spesso al rimorso, invece, è il malessere del dopo sbornia, seguito dall'aver detto qualcosa che non si avrebbe voluto.

Il pentimento è stato più alto tra gli intervistati dei paesi che riferiscono di essersi ubriacati meno spesso. 

Il sondaggio - Il GDS definisce l'essere ubriaco come «aver bevuto così tanto che le facoltà fisiche e mentali (equilibrio, parlato) sono compromesse, che non ci si riesce a concentrare chiaramente, e che la conversazione e il comportamento sono diversi da quelli usuali».

I dati sono stati raccolti tra il 7 novembre e il 30 dicembre 2019 (prima dell'arrivo della pandemia) interpellando 110'000 persone provenienti da più di 25 paesi.

Oltre all'alcol, lo studio ha analizzato determinati comportamenti riguardanti anche l'abuso di altre droghe, in particolare cannabis, MDMA e cocaina.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Diablo 1 mese fa su tio
Io ne sono FIERO
marco17 1 mese fa su tio
Siamo sicuri che i sondaggisti fossero sobri? E anche i giornalisti che diffondono queste "notizione".
Thomseb 1 mese fa su tio
E che non reggono!! Garantisco
TOP NEWS Svizzera
FOTO
SAN GALLO
6 ore
«Mi hanno chiamato e mi hanno detto: “Ehi, la tua Ferrari sta bruciando”»
160mila franchi in fumo oggi sulla A13, il racconto del proprietario che... non era il conducente
ARGOVIA
9 ore
Arringa la folla di manifestanti anti restrizioni: docente cantonale licenziato in tronco
Per la direzione, non avrebbe dovuto presentarsi come insegnante. L'interessato: «Rifarei tutto».
FOTO
NEUCHÂTEL
10 ore
Manifestanti anti-misure in corteo a Neuchâtel
È già il secondo corteo quest'anno e c'erano circa 800 manifestanti
LUCERNA
11 ore
Il software per le tasse è un gran pasticcio, il Cantone si scusa in video
A Lucerna tanti problemi per il nuovo programma, soprattutto fra i senior: «Ci dispiace che si siano sentiti insultati»
GRIGIONI
13 ore
Terrazze chiuse? I gestori grigionesi si concedono una piccola proroga
Avrebbero dovuto smantellarle oggi, ma approfitteranno dell'ultimo weekend della stagione.
FOTO
SAN GALLO
14 ore
Una Ferrari distrutta dalle fiamme
Nessun ferito, ma danni per oltre centomila franchi. È il bilancio dell'incendio sull'A13
SVIZZERA
14 ore
Jacqueline rimanda le prove di primavera (ma in Ticino un po' meno)
Al Nord delle Alpi il vento freddo riporta il termometro attorno allo 0, a Sud invece sarà solo un attimo più frescolino
ZURIGO
14 ore
Investito dal tram: morto un 82enne
L'incidente si è verificato oggi a Zurigo alla fermata Talwiesenstrasse
SVIZZERA
15 ore
«Bar e ristoranti vanno riaperti il 22 marzo»
È quanto chiede la Commissione dell'economia e dei tributi del Consiglio nazionale
FRIBURGO / BERNA
17 ore
Con l'auto rubata contro un camion
Si è concluso così un inseguimento che ha avuto luogo nella notte sull'A12 tra Bulle e Berna
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile