tipress
SVIZZERA
19.01.21 - 11:270

A Berna le prostitute sono raddoppiate

Il cantone è uno dei pochi sull'altipiano a non avere chiuso i postriboli. E ora ha problemi di affollamento

BERNA - In una settimana le prostitute attive nella città di Berna sono raddoppiate, e sono ora 180. Ciò si spiega con la decisione cantonale di lasciare aperti i postriboli, a differenza di quanto avviene nelle regioni circostanti.

La Confederazione - contrariamente a quando avvenuto durante il primo lockdown della scorsa primavera - consente attualmente l'apertura dei bordelli, anche se con orari di apertura limitati: l'ultimo cliente deve uscire alle 19.00. Per contro, i cantoni di Zurigo, Argovia, Ginevra, Lucerna, Soletta e Turgovia hanno emanato divieti.

Il capo della polizia degli stranieri della città di Berna Alexander Ott ha detto a Keystone-ATS che gli ultimi sviluppi sono problematici: a causa del blocco delle case chiuse negli altri cantoni, molte prostitute hanno perso il loro alloggio e i loro guadagni.

Per questo motivo si sono trasferite nel canton Berna. In alcune strutture fino a tre donne condividono ora la stanza e vi ricevono i clienti. Questo non è problematico solo per motivi igienici, è anche una questione di dignità, sottolinea Ott.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile