Keystone
SVIZZERA
18.01.21 - 16:090
Aggiornamento : 20:18

La scuola reclute a distanza è partita col piede sbagliato

Molti non sono riusciti a connettersi al sistema per colpa di un problema tecnico.

L'inconveniente è poi stato risolto, anche se il programma non è ancora funzionante al 100%.

BERNA - Non è cominciata nel migliore dei modi la scuola reclute per quelle giovani truppe che, a causa del coronavirus, oggi hanno iniziato la loro istruzione da casa. Molti non sono riusciti a connettersi al sistema per colpa di un problema tecnico.

Un inconveniente è sorto nell'e-learning, ha confermato a Keystone-ATS Stefan Hofer, portavoce dell'esercito. Il disguido è stato risolto soltanto all'inizio del pomeriggio. Il programma funziona, ma non è ancora stabile al 100%, ha precisato. L'origine della panne rimane sconosciuta.

Eppure l'esercito si era ben preparato a questa istruzione online, aumentando in anticipo la potenza di trasmissione in rete. I corsi saltati dovranno ora essere recuperati. L'Esercito ha previsto sei ore di formazione al giorno. Paragonato a una giornata "normale" di scuola reclute di 12 ore o più, tale recupero è giudicato sufficiente, ha aggiunto Hofer, tanto più che gli interessati possono organizzare la loro giornata come vogliono.

Circostanze particolari - La prima scuola reclute del 2021 ha preso il via oggi in circostanze un po' particolari, dovute alla pandemia. Su 12'000 reclute, 7'200 hanno dovuto presentarsi normalmente in caserma, mentre per 4'800 l'avventura in grigioverde è iniziata davanti al computer di casa.

Questo secondo gruppo dovrà aspettare l'8 febbraio per entrare fisicamente in servizio, ma nel frattempo si sottoporrà a una sorta di insegnamento a distanza, che rappresenterà una prima infarinatura di conoscenze teoriche e della vita quotidiana militare. Inoltre, dovrà assolvere un allenamento sportivo. Lo scaglionamento è stato pensato per ridurre i rischi di contagi da Covid-19.

Test obbligatori - Nel quadro della visita sanitaria d'entrata obbligatoria, si legge in un comunicato odierno, a ognuna delle reclute e a ognuno dei circa 2'800 quadri verrà eseguito un test del SARS-CoV-2 entro le prime 48 ore. Tutti i militari dovranno trascorrere le prime settimane, inclusi i week-end, nelle caserme.

Per ora è impossibile dire quanti siano gli infettati, afferma Hofer. Ma tutto è pronto per garantire loro assistenza medica. Dei locali sono stati preparati in tutta la Svizzera per accogliere chi dovrà svolgere un periodo di isolamento o di quarantena: «Nessuno sarà rispedito a casa», sottolinea Hofer.

Più donne - Le regole sanitarie in vigore sono le stesse introdotte già nel 2020. La mascherina - le disponibilità sono garantite - è obbligatoria ovunque e sempre, il numero di militi per camera è stato ridotto e gli effettivi saranno divisi in gruppi per i pasti, così da non sovraffollare le mense.

Tra le quasi 12'000 reclute vi sono 190 donne, un numero che ancora una volta è in aumento, dato che nel 2020 erano 171 e nel 2019 120. La percentuale sul totale continua a essere di poco inferiore all'1%. Durante la scuola reclute, 47 comandanti d'unità, 427 capisezione, 206 sottufficiali superiori e 2'177 sottufficiali svolgeranno il loro servizio per il conseguimento del grado.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO 
7 min
Multa milionaria per il collezionista d'arte Schwarzenbach
Il miliardario è accusato di aver importato in Svizzera 83 opere senza sdoganamento.
LUCERNA
25 min
Il medico "corona-scettico" non ci sta
Il dottore di Ebikon giudica «totalmente sproporzionate» le accuse rivoltegli dalle autorità sanitarie.
SVIZZERA
1 ora
La sorella più intelligente di SwissCovid
Si chiama NotifyMe Check-in, è un'app sviluppata dal Politecnico di Losanna e promette bene
BASILEA CITTÀ
1 ora
Vaccinazioni: a Basilea può già annunciarsi chiunque, ma in pochi lo sanno
Chi non rientra nei gruppi prioritari finisce su una lista d'attesa. Anche in altri cantoni è così. Non in Ticino.
FOTO
ZURIGO
3 ore
«Ikea ora fa le vaccinazioni?»
Le lunghe code davanti ai negozi evocano reazioni ironiche e indignate.
BERNA
4 ore
Al Nazionale le sovvenzioni ai portali d'informazione, agli Stati le doppie imposizioni
La Camera dei cantoni tratterà anche l'"iniziativa 99%" della GISO, già bocciata dalla Camera del popolo.
FOTO
LUCERNA
12 ore
Solidarietà per il medico "corona-scettico": a Lucerna sfilano in 350
La sospensione di un professionista di Ebikon decretata dal Cantone non è andata giù a diverse persone.
BERNA
13 ore
Piccole tracce di TNT nelle acque sotterranee di Mitholz
Si tratta comunque di concentrazioni ampiamente al di sotto dei valori limite.
LUCERNA
18 ore
Medico si oppone alle misure anti-covid: non può più esercitare
L'autorizzazione gli è stata temporaneamente revocata perché ha violato i suoi doveri professionali.
FOTOGALLERY
SVIZZERA
18 ore
Quante code "non necessarie" fuori dai negozi
Le immagini dei lettori da un capo all'altro della Svizzera: code anche di 500 metri
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile