keystone
BERNA
17.01.21 - 16:140
Aggiornamento : 18.01.21 - 00:01

Da mezzanotte la Svizzera con misure più severe

Come noto i provvedimenti precedenti, come la chiusura dei ristoranti, sono stati prolungati di cinque settimane.

L'inasprimento delle misure è stato deciso non tanto per l'attuale numero di casi, quanto per le nuove varianti del virus più infettivo che sono arrivate in Svizzera dalla Gran Bretagna e dal Sudafrica.

BERNA - Dalla prossima mezzanotte in Svizzera entrano in vigore le nuove misure contro il Covid-19 decise mercoledì dal Consiglio federale: i negozi che non vendono beni di uso quotidiano rimarranno chiusi, ci sarà l'obbligo generale del telelavoro e al massimo cinque persone possono incontrarsi per eventi privati.

I provvedimenti precedenti, come la chiusura dei ristoranti, sono stati prolungati di cinque settimane. A differenza della chiusura nella primavera del 2020, le scuole rimarranno aperte e i negozi potranno vendere un po' più di merce.

"Colpa" delle varianti - L'inasprimento delle misure almeno fino al 28 febbraio è stato deciso non tanto per l'attuale numero di casi, quanto per le nuove varianti del virus più infettivo che sono arrivate in Svizzera dalla Gran Bretagna e dal Sudafrica. L'obiettivo è quello di prevenire una terza forte ondata epidemica nel mese di febbraio, ha spiegato il ministro della Sanità Alain Berset.

Cosa cambia - Fatto sta che domani molti pendolari non potranno più recarsi al lavoro a causa dell'obbligo dell'attività da remoto. Se i datori non possono introdurre il lavoro a domicilio, è necessario utilizzare una maschera igienica se c'è più di una persona nello stesso locale.

Le persone particolarmente a rischio devono ricevere una protezione speciale, con il cosiddetto "homeoffice" o con un lavoro sostitutivo o con l'esenzione dall'obbligo di lavoro. In questi casi si ha diritto all'indennità di perdita di guadagno per il coronavirus.

Da domani i negozi che non vendono beni di consumo giornaliero dovranno chiudere, ma i clienti potranno ordinare la merce e poi passare a ritirarla in negozio.

Rimangono aperti negozi di alimentari, chioschi, panetterie, benzinai, farmacie, ottici, negozi di apparecchi acustici, fornitori di servizi di telecomunicazione, artigiani per riparazioni e manutenzione, negozi di fai-da-te e giardinaggio nonché fioristi. Possono aprire anche fornitori di servizi come banche, uffici postali, parrucchieri, estetiste e agenzie di viaggio.

Limiti anche alla vita privata - La vita privata delle persone sarà ulteriormente limitata. Ora ci si può incontrare al massimo in cinque, contando i bambini. La disposizione si applica sia in ambito privato che pubblico. Si raccomanda di limitare gli incontri privati a due nuclei famigliari.

Fino almeno al 28 febbraio restano chiusi ristoranti e bar, discoteche e sale da ballo, locali culturali, impianti sportivi e palestre nonché locali per il tempo libero. Nell'università deve proseguire l'insegnamento a distanza.

I Cantoni continueranno a decidere in merito all'apertura di stazioni sciistiche e alberghi. Possono consentire l'apertura solo se la situazione epidemiologica lo consente e se vi è una capacità sufficiente per i test, la ricerca di contatti e posti negli ospedali. Gli affollamenti del dopo-sci sono vietati.

L'esecutivo federale chiede poi di rimanere a casa e di limitare i contatti sociali al minimo, nonché di astenersi da viaggi e gite non indispensabili.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 1 mese fa su tio
Ma lasciamo perdere di ironizzare sulle piste di sci. Pensiamo alle figuracce del nostro consiglio di stato: oramai tutti suonano la loro campana personale . A mò do esempio si potrebbe citare quel consigliere di stato che vorrebbe la chiusura dei confini per limitare il turismo che attraversa la barriera alle dogane nostrane. Per non parlare poi di quello che continua altezzosamente a dichiarare che la scuola non ha contagi e gli allievi sono esenti dal virus. È tempo e ora di chiudere le scuole e attivarsi per l'insegnamento a distanza. Assembramenti poco responsabili si vedono quotidianamente tra gli studenti e allievi. Hanno chiuso i negozi non "indispensabili": ma che giro di clienti hanno quotidianamente questi? Il magro beneficio che avrebbero potuto generare limitando il diffondersi del virus, è già stato bruciato nei 3 giorni di extra saldi prima della chiusura. E allora diciamocelo apertamente: nuovo giro di vite che non porta alcun miglioramento. E ora tanti diranno che gli infettati diminuiscono: sì , ma tanti per non farsi isolare non fanno i tamponi. Gli studenti rimangono a casa senza andare dal medico. Ma che danno da pensare sono i decessi. E ora vedremo nelle prossime settimane se davvero abbiamo superato la crisi, o se è soltanto una pausa.
blob 1 mese fa su tio
A quando la variante trovata a Kiribati ..............
pillola rossa 1 mese fa su tio
@blob Prima i nostri, largo alla variante ticinese 😁
seo56 1 mese fa su tio
Bene anche se si poteva fare meglio
pillola rossa 1 mese fa su tio
"L'esecutivo federale chiede poi di rimanere a casa..." Ricatta moralmente
Viperus 1 mese fa su tio
...e pensate di raggiungere qualcosa con queste misure ridicole? Come sempre arrivate con 2 mesi di ritardo...ridicoli...
ceresade36@gmail.com 1 mese fa su tio
Ecco prego era quello che volevano misure più severe Come si comporta la gente di male disobbedire alle misure di securezza 🌍avete voluto la bicicletta ? Cominciate a pedalare tutti 🚲🛴🦼🦽🛵🚦
ArAcNo_J 1 mese fa su tio
Piú severe... Ma se é quasi tutto aperto... Chi decide queste regole deve aver studiato alla scuola Dimitri...
Gif 1 mese fa su tio
non chiudiamo più nulla, stiamo rovinando il futuro dei nostri figli e delle prossime generazioni! Anche loro hanno diritto di sperare in una vita normale come l'abbiamo avuta noi ed i nostri anziani, senza dover pagare una montagna di debiti e senza aver avuto una formazione scolastica adeguata.
Fester 1 mese fa su tio
@Gif Quoto!
MrBlack 1 mese fa su tio
Se si continua a lasciar giocare o bambini attaccati nelle scuole, posso chiudere tutto quello che vogliono, i casi aumenteranno in febbraio anche senza negozi e ristoranti.
gabola 1 mese fa su tio
ma se mio figlio compie gli anni puo invitare i compagni d'asilo che vede tutti i giorni x 7 ore sl giorno,per mezz'ora?
briciola68 1 mese fa su tio
Lasciare aperte le agenzie di viaggio, ora che non viaggia nessuno, è una vigliaccata per non doverli pagare!
marco17 1 mese fa su tio
L'importante è che rimangano aperti i blog, affinché i covidioti possano sfogarsi contro i loro bersagli preferiti: tutti virologhi scafati, consiglieri federali sprecati, esperti in tuttologia applicata.
Galium 1 mese fa su tio
@marco17 Condivido in pieno. Una cagnara assurda che non porta nulla di concreto
Wunder-Baum 1 mese fa su tio
https://www.tio.ch/dal-mondo/cronaca/1486924/covid-secondi-regno-unito-pressione
Wunder-Baum 1 mese fa su tio
Mi consenta, non è una barzelletta, se il virus inglese si propaga come in Inghilterra, ci sarà poco da ridere, ma de preoccuparsi. Al posto di continuare a lamentarci cerchiamo di apprezzare quello che si sta facendo e, dal lato nostro, dare anche il nostro contributo piccolo o grande che sia.
F/A-19 1 mese fa su tio
Interessante è che anche le agenzie di viaggio possono rimanere aperte, sembra una presa per i fondelli.
Mauz 1 mese fa su tio
Finte misure per mostrare al mondo che anche la Svizzera sta agendo .... e che forse, ma forse, daranno dei mezzi risultati.
Luca 68 1 mese fa su tio
misure ridicole e insufficiente, si devono chiudere anche cantieri e scuole e tutte le attività non essenziali!!!! sé non si ferma la gente la variante inglese farà festa !!
Volpino. 1 mese fa su tio
Visto l'andazzo conviene chiudere anche le scuole.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
LUCERNA
4 ore
Solidarietà per il medico "corona-scettico": a Lucerna sfilano in 350
La sospensione di un professionista di Ebikon decretata dal Cantone non è andata giù a diverse persone.
BERNA
4 ore
Piccole tracce di TNT nelle acque sotterranee di Mitholz
Si tratta comunque di concentrazioni ampiamente al di sotto dei valori limite.
LUCERNA
9 ore
Medico si oppone alle misure anti-covid: non può più esercitare
L'autorizzazione gli è stata temporaneamente revocata perché ha violato i suoi doveri professionali.
FOTOGALLERY
SVIZZERA
9 ore
Quante code "non necessarie" fuori dai negozi
Le immagini dei lettori da un capo all'altro della Svizzera: code anche di 500 metri
SVIZZERA
11 ore
Covid fonte di stress per gli infermieri
Un'indagine condotta su 4100 infermieri ha evidenziato che durante la pandemia lo stress è notevolmente aumentato.
SVIZZERA
13 ore
Covid-19: 2'560 casi nel weekend svizzero
Sono 16 i decessi registrati da venerdì a causa del virus.
SVIZZERA
14 ore
Posta «affidabile» nel 2020: i mesi più difficili, però, non sono stati nemmeno conteggiati
In primavera e in autunno Berna aveva dispensato il Gigante giallo dai vincoli, per garantire i servizi indispensabili.
ARGOVIA
14 ore
Cadavere trovato un anno fa in una grotta: «Fu omicidio»
Il corpo, ritrovato senza vita il 5 aprile 2020 vicino a Brügg, apparteneva a un 24enne zurighese scomparso nel 2019.
SVIZZERA
15 ore
Una pandemia di donne arrabbiate
In Svizzera il Covid ha colpito l'occupazione femminile. Ma le relazioni coniugali ne hanno beneficiato
SVIZZERA
15 ore
«Vogliono zittire la scienza»
I Verdi lanciano un appello in difesa della task-force Covid
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile