Keystone
SVIZZERA
16.01.21 - 21:380

I "corona-scettici" e le minacce online: «Assaltiamo Palazzo Federale»

Alcuni gruppi radicali contrari alle misure anti-coronavirus invocano un attacco a Berna

L'Ufficio federale di polizia (Fedpol) ne è a conoscenza: «Prendiamo sul serio le minacce»

Fonte Daniel Krähenbühl / 20 Minuten
elaborata da Robert Krcmar
Giornalista in formazione

BERNA - «Il Consiglio federale ha tradito il popolo», «il Consiglio federale deve essere fermato», «bisogna tarpargli le ali», «assaltiamo Palazzo Federale!». 

Sono alcune delle frasi di rabbia, d'odio e di minaccia che si leggono negli ultimi giorni su alcuni social media, in particolare su determinati gruppi Telegram in cui si riuniscono i più radicali e più scettici rappresentanti della frangia dei "corona-scettici".

Infatti, la decisione sulla stretta delle misure anti-Covid presa lo scorso mercoledì dalla Confederazione non è andata giù a tutti, e c'è chi è arrivato a minacciare Palazzo Federale: un vero e proprio assalto che prende come modello quello avvenuto al Campidoglio, negli Stati Uniti, lo scorso 6 gennaio.

Per una Svizzera "senza traditori" - Per sfuggire ai «traditori della patria», tra i quali vengono elencati i giornalisti, i poliziotti e le autorità, il nucleo dei più radicali si organizza in piccoli gruppi di Telegram, alcuni dei quali privati. 

Si definiscono "patrioti della Svizzera", l'ultima "solida resistenza" alla "dittatura del Covid", e le minacce sono dirette anche ai Consiglieri federali. Minacce concrete, con tanto di indirizzi pubblicati e condivisi tra gli oltre 50 membri di uno di questi gruppi. 

Minacce prese sul serio - Vista l'escalation di violenza, le crescenti intimidazioni degli scettici del coronavirus hanno raggiunto anche l'attenzione dell'Ufficio federale di polizia (Fedpol).

«Dall'inizio della pandemia si è osservato un aumento delle minacce contro i politici e gli uffici federali» ha confermato la portavoce della Fedpol, Cathy Maret, al quotidiano 20 Minuten. «Questo ci preoccupa molto nell'ambito della protezione del Consiglio federale, dei parlamentari o anche di Palazzo Federale».

L'analisi delle minacce, spiega Maret, tiene conto anche di ciò che accade nel regno digitale, per questo tali minacce vanno prese sul serio. «Le analisi degli attacchi terroristici all'estero dimostrano che i discorsi d'odio nello spazio virtuale possono trasformarsi in violenza nella realtà», ha detto Maret. «Noi analizziamo costantemente la situazione di minaccia per i membri del Consiglio federale e forniamo loro consulenza sulle misure di sicurezza da attuare».

Una bolla ideologica - «Il pericolo rappresentato dai più radicalizzati non va sottovalutato», ha ribadito Marko Kovic, esperto in scienze sociali specializzato in teorie cospirative.

«Alcune di queste persone si stanno riunendo da mesi nei loro gruppi online, isolate dagli altri punti di vista, e si stanno radicalizzando sempre più», ha spiegato Kovic. Insomma, «si comportano come una setta, scambiandosi minacce concrete e di violenza tra di loro e alimentandosi le proprie convinzioni a vicenda».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Ecco perché calano i contagi
La situazione epidemiologica odierna è figlia di diverse motivazioni. Dall'estensione del certificato alle vaccinazioni.
ZURIGO
3 ore
Monta la protesta dei guariti senza Certificato
Secondo alcuni studi, la risposta anticorpale è più duratura tra chi ha avuto il virus rispetto a chi è vaccinato.
SVIZZERA
3 ore
Coronavirus, in Svizzera 1'632 positivi e 5 vittime
Decisamente minore la pressione sugli ospedali, con i pazienti Covid in calo.
SVIZZERA
4 ore
«Volare costa troppo poco, ma le tasse non sono la soluzione»
Doppio “no” del Nazionale a un'imposta sui biglietti aerei e sul cherosene
SVIZZERA
4 ore
Più sicurezza nello sport
In Svizzera si contano ogni anno circa 420'000 infortuni. L'upi chiede un adeguamento delle disposizioni legali
SVIZZERA
5 ore
In Svizzera la pandemia sta rallentando
Contagi e ricoveri sono in calo, secondo il rapporto settimanale dell'UFSP. L'incidenza più bassa in Ticino
SVIZZERA
5 ore
Pazienti più giovani e sani in cure intense: cambiano le regole del triage
L'Accademia svizzera delle scienze mediche ha adeguato le sue linee guida.
ZURIGO
6 ore
Un bar nel mirino dei no-vax
Il Café Elena di Zurigo sta attirando critiche per aver cacciato dal suo locale il coronascettico Nicolas Rimoldi.
SVIZZERA
8 ore
«La pandemia sarà conclusa tra un anno»
Secondo Stéphane Bancel entro la metà del 2022 ci saranno «abbastanza dosi per vaccinare tutto il pianeta».
SVIZZERA
9 ore
Per nuovi allentamenti, «si smetta di trascurare i guariti»
Secondo Felix Schneuwly, esperto di salute di Comparis, «chi è stato infettato è una parte importante della soluzione».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile