Keystone
SVIZZERA
16.01.21 - 21:380

I "corona-scettici" e le minacce online: «Assaltiamo Palazzo Federale»

Alcuni gruppi radicali contrari alle misure anti-coronavirus invocano un attacco a Berna

L'Ufficio federale di polizia (Fedpol) ne è a conoscenza: «Prendiamo sul serio le minacce»

Fonte Daniel Krähenbühl / 20 Minuten
elaborata da Robert Krcmar
Giornalista in formazione

BERNA - «Il Consiglio federale ha tradito il popolo», «il Consiglio federale deve essere fermato», «bisogna tarpargli le ali», «assaltiamo Palazzo Federale!». 

Sono alcune delle frasi di rabbia, d'odio e di minaccia che si leggono negli ultimi giorni su alcuni social media, in particolare su determinati gruppi Telegram in cui si riuniscono i più radicali e più scettici rappresentanti della frangia dei "corona-scettici".

Infatti, la decisione sulla stretta delle misure anti-Covid presa lo scorso mercoledì dalla Confederazione non è andata giù a tutti, e c'è chi è arrivato a minacciare Palazzo Federale: un vero e proprio assalto che prende come modello quello avvenuto al Campidoglio, negli Stati Uniti, lo scorso 6 gennaio.

Per una Svizzera "senza traditori" - Per sfuggire ai «traditori della patria», tra i quali vengono elencati i giornalisti, i poliziotti e le autorità, il nucleo dei più radicali si organizza in piccoli gruppi di Telegram, alcuni dei quali privati. 

Si definiscono "patrioti della Svizzera", l'ultima "solida resistenza" alla "dittatura del Covid", e le minacce sono dirette anche ai Consiglieri federali. Minacce concrete, con tanto di indirizzi pubblicati e condivisi tra gli oltre 50 membri di uno di questi gruppi. 

Minacce prese sul serio - Vista l'escalation di violenza, le crescenti intimidazioni degli scettici del coronavirus hanno raggiunto anche l'attenzione dell'Ufficio federale di polizia (Fedpol).

«Dall'inizio della pandemia si è osservato un aumento delle minacce contro i politici e gli uffici federali» ha confermato la portavoce della Fedpol, Cathy Maret, al quotidiano 20 Minuten. «Questo ci preoccupa molto nell'ambito della protezione del Consiglio federale, dei parlamentari o anche di Palazzo Federale».

L'analisi delle minacce, spiega Maret, tiene conto anche di ciò che accade nel regno digitale, per questo tali minacce vanno prese sul serio. «Le analisi degli attacchi terroristici all'estero dimostrano che i discorsi d'odio nello spazio virtuale possono trasformarsi in violenza nella realtà», ha detto Maret. «Noi analizziamo costantemente la situazione di minaccia per i membri del Consiglio federale e forniamo loro consulenza sulle misure di sicurezza da attuare».

Una bolla ideologica - «Il pericolo rappresentato dai più radicalizzati non va sottovalutato», ha ribadito Marko Kovic, esperto in scienze sociali specializzato in teorie cospirative.

«Alcune di queste persone si stanno riunendo da mesi nei loro gruppi online, isolate dagli altri punti di vista, e si stanno radicalizzando sempre più», ha spiegato Kovic. Insomma, «si comportano come una setta, scambiandosi minacce concrete e di violenza tra di loro e alimentandosi le proprie convinzioni a vicenda».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SAN GALLO
3 ore
«Mai pensavamo che nostro figlio ne fosse capace»
Il 24enne somalo N.O. è sospettato di aver ucciso la sua fidanzata di 22 anni LS.
SOLETTA
3 ore
Sparatoria in stazione, un ferito
Quattro le persone fermate dalla polizia, giunta in forze sul posto
SVIZZERA
7 ore
Il piano di ripartenza estivo di Swiss, ecco cosa c'è da sapere
Su nuove mete, date, rimborsi e sul perché si potrà volare anche su Billund (che non tutti conoscono)
SVIZZERA
8 ore
Fatturato «eccellente» per Zweifel nel 2020
L'anno che ha visto la scomparsa del fondatore è stato chiuso con ricavi pari a 262,6 milioni di franchi, un record
SVIZZERA
8 ore
Il settore degli eventi chiede uno “scudo protettivo”
Contro l'incertezza Expo Event e 15 associazioni si rivolgono al Consiglio federale
SVIZZERA / CANTONE
9 ore
Alcuni cantoni dicono no: le terrazze restano aperte
Berset ha sottolineato più volte che l'apertura delle terrazze sulle piste viola il diritto federale.
SVIZZERA
10 ore
Bambini “esauriti”, 700 chiamate di aiuto al giorno
L'allarme lanciato da Pro Juventute: aumentano i conflitti con i genitori e tra fratelli, ma pure la violenza domestica
SVIZZERA / PAESI BASSI
11 ore
Scontro tra aerei della Patrouille Suisse, accusato il pilota
L’uditore della giustizia militare ha promosso l’accusa dinanzi al tribunale militare
BERNA
12 ore
Cosa fare per tornare al ristorante alla fine di marzo
Nella migliore delle ipotesi se ne parla per il 22 marzo.
BERNA
12 ore
Sì alle mense aziendali per chi lavora all’aperto
L'UFSP ha informati i Cantoni sulle condizioni con le quali concedere l'autorizzazione.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile