Immobili
Veicoli
Archivio Keystone
BASILEA
12.01.21 - 12:310

A Basilea 500'000 dosi di vaccino contro l'ebola

Si tratta di una riserva pronta a essere utilizzata per interventi di emergenza in caso di future epidemie

BASILEA - La creazione di una riserva globale di vaccini contro l'ebola per assicurare una risposta alle epidemie è stata annunciata da quattro fra le principali organizzazioni umanitarie e sanitarie internazionali: Unicef, Oms, Ifr e Medici Senza Frontiere. Le scorte - 500'000 dosi - saranno stoccate a Basilea, pronte per essere spedite nei paesi per interventi di emergenza.

La riserva permetterà ai paesi, con il sostegno delle organizzazioni umanitarie, di contenere le future epidemie di ebola, garantendo tempestivamente i vaccini per le popolazioni a rischio durante le epidemie. Il vaccino iniettabile monodose per l'ebola è prodotto da Merck, Sharp & Dohme (MSD) Corp. e sviluppato con il sostegno finanziario del governo statunitense.

L'Agenzia europea per i medicinali ha autorizzato il vaccino nel novembre 2019: il vaccino è ora prequalificato dall'Oms, autorizzato dalla Food and Drug Administration statunitense e da otto paesi africani. Prima di ottenere la licenza, il vaccino è stato somministrato a più di 350'000 persone in Guinea e nei focolai di ebola del 2018-2020 nella Repubblica Democratica del Congo in base a un protocollo per «uso compassionevole».

«La pandemia da Covid-19 ci ricorda l'incredibile potere dei vaccini di salvare vite umane da virus mortali», ha dichiarato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'Oms. «I vaccini contro l'ebola hanno reso prevenibile una delle malattie più temute sulla terra. Questa nuova riserva è un eccellente esempio di solidarietà, scienza e cooperazione tra le organizzazioni internazionali e il settore privato per salvare vite umane».

L'Unicef gestisce la scorta per conto dell'ICG che, come per le scorte di vaccini contro il colera, la meningite e la febbre gialla, sarà l'organo decisionale per la sua assegnazione e il suo rilascio. La decisione di assegnazione del vaccino sarà presa entro 48 ore dal ricevimento di una richiesta da parte di un Paese: i vaccini saranno messi a disposizione dal produttore insieme a un imballaggio che mantiene una catena ultrafredda per la spedizione. L'obiettivo del tempo di consegna complessivo dal magazzino ai Paesi è di sette giorni.

«Siamo orgogliosi di far parte di questo sforzo senza precedenti per contribuire a mettere rapidamente sotto controllo i potenziali focolai di ebola», ha dichiarato Henrietta Fore, direttore generale dell'Unicef. «Sappiamo che quando si tratta di epidemie, la preparazione è fondamentale. Questa riserva di vaccino contro l'ebola è un risultato notevole, che ci permetterà di consegnare i vaccini a chi ne ha bisogno il più rapidamente possibile».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
24 min
Medicamento anti Covid, presentata la domanda di omologazione
Il farmaco Paxlovid si compone di due principi attivi sintetici: Nirmatrelvir e Ritonavir.
BERNA
33 min
«Il picco potrebbe essere stato raggiunto»
Da Berna, gli esperti della Task Force federale fanno il punto sulla situazione pandemica in Svizzera
ZUGO
34 min
Ritrovato morto dopo più di dieci mesi
Il corpo senza vita del 39enne è stato ritrovato sabato scorso sul Rigi da alcuni alpinisti.
SVIZZERA
1 ora
In Svizzera altri 29'142 contagi in ventiquattro ore
Nelle cure intense del nostro paese, il 30,3% dei posti letto è occupato da pazienti Covid
FOTO
SVIZZERA
4 ore
«Non usatela, non protegge»
La Suva ha deciso di richiamare il prodotto: «La scarsa efficacia protettiva potrebbe risultare dannosa per la salute».
SVIZZERA
8 ore
Malati che muoiono a causa del rinvio di interventi chirurgici
Il settore sanitario è sotto pressione. Si temono gravi conseguenze sulle condizioni dei pazienti
SVIZZERA
16 ore
Covid-pass aggiornato? Ora non ci si dovrà più mettere il dito
Niente più verifica manuale, ora l'app Covid Certificate esegue il refresh automaticamente.
SVIZZERA / MONDO
18 ore
«Vaccinare il mondo per fermare la pandemia»
Il messaggio del segretario generale dell'Onu Antonio Guterres al WEF di Davos.
SVIZZERA
20 ore
Sostegno al 2G, ma solo sino a fine febbraio
Le risposte dei cantoni alla consultazione federale sui provvedimenti anti-coronavirus
ZURIGO
22 ore
Quadruplicati gli attacchi di panico, gli esperti sono preoccupati
Depressione, ansia e paura: sono tutte conseguenze della pandemia, che colpiscono in particolare i giovani.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile