Archivio Keystone
SVIZZERA
15.12.20 - 23:050
Aggiornamento : 16.12.20 - 09:28

I Grigioni vogliono riportare a casa gli sciatori feriti

Se gli ospedali arrivano al limite, chi si occupa degli sciatori infortunati sulle piste?

Dal prossimo 22 dicembre gli impianti elvetici potranno restare aperti soltanto se in possesso di un'autorizzazione cantonale

Fonte 20 Minuten / Lucas Orellano
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

COIRA - Per molti le vacanze di Natale sono sinonimo di vacanze sulla neve. Ma ora che le strutture sanitarie sono sotto pressione a causa dei malati di Covid-19, si temono gli incidenti sulle piste. Ed ecco che i Grigioni si chiedono se ci siano sufficienti letti anche per sciatori e snowboarder infortunati. Il Governo retico sta dunque valutando di trasferire i turisti feriti nelle strutture sanitarie del loro cantone di domicilio, come scrive oggi il Tages Anzeiger.

Un'idea, questa, che trova però poco entusiasmo nei cantoni di pianura. Anche i loro ospedali sono infatti al limite della capacità. «Abbiamo contattato diverse strutture sanitarie nei cantoni di provenienza dei nostri turisti, chiedendo se avrebbero posto per gli sciatori feriti. Le risposte sono state deludenti» afferma Peter Peyer, direttore della sanità grigionese, interpellato dal quotidiano zurighese.

Della questione si è parlato anche lunedì, nell'ambito dell'incontro tra il consigliere federale Alain Berset e la Conferenza dei direttori cantonali della sanità (CDS). È stata sollevata proprio da Peyer. Berset avrebbe risposto che se gli ospedali saranno al limite, allora le stazioni sciistiche dovranno chiudere.

Sulla base della decisione che il Consiglio federale ha preso lo scorso 4 dicembre, per ora le piste possono comunque restare aperte. Ma a partire dal prossimo 22 dicembre dovranno essere in possesso di un'apposita autorizzazione rilasciata dalle autorità cantonali. Un'autorizzazione che potrà essere rilasciata soltanto se le strutture sanitarie sono ancora in grado di accettare sia pazienti col coronavirus sia le persone infortunate sulle piste.

Senza la disponibilità degli altri cantoni, come andrà a finire la stagione sciistica grigionese? Non è attualmente chiaro se saranno date le condizioni per mantenere l'apertura natalizia degli impianti, come scrive ancora il Tages Anzeiger. La decisione spetta al Governo retico, che si chinerà sulla questione il prossimo martedì. «Se non avremo sufficienti riserve nelle cure intense, dovremo limitare o interrompere l'attività degli impianti di risalita» afferma Peyer.

Secondo la Suva, nel 2019 in tutta la Svizzera 14'870 persone si sono ferite sciando. Un numero che è aumentato del 6,9% rispetto all'anno precedente.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Comprato per 8,90 franchi, venduto per 37'500 franchi
C'è sempre tantissimo interesse per la novità messa in circolazione dalla Posta Svizzera, ma qualcuno storce il naso
SVIZZERA
13 ore
Il vaccino sarà più caro
Le casse malati dovranno pagare 25 franchi a dose contro i 5 attuali. Per gli assicurati sarà comunque ancora gratuito.
SVIZZERA
14 ore
Un altro effetto del coronavirus: la rabbia
La pandemia ha reso molte persone più aggressive. A farne le spese è spesso chi lavora in campo medico o nei trasporti.
SVIZZERA
14 ore
Subaffitti: impedire gli abusi
Posti in consultazione tre progetti che riguardano le locazioni. Le reazioni di proprietari e inquilini però divergono.
SVIZZERA
16 ore
Attivista no vax rifiuta di pagare le tasse
Dopo il sì alla Legge Covid, Daniel Trappitsch non intende versare altri contributi.
ARGOVIA
18 ore
Hanno dovuto scegliere chi ricoverare
Il primo caso alla clinica Hirslanden di Aarau, dove metà del reparto è occupato da pazienti Covid.
ARGOVIA
19 ore
Incendio in un appartamento, morta una donna
Il rogo è divampato ieri sera in una casa plurifamiliare a Döttingen. Ancora ignote le cause.
SVIZZERA
21 ore
Più divieti per i non vaccinati: «È un'opzione»
Le parole di Lukas Engelberger. E su un eventuale obbligo vaccinale: «Pericoloso per il rapporto tra Stato e cittadini»
SVIZZERA
21 ore
«Misure incoerenti. Svizzeri discriminati rispetto ai frontalieri»
Viaggi, vaccini e terze dosi. Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale sulle decisioni annunciate venerdì
SVIZZERA
22 ore
La presidenza ci mostrerà un nuovo Ignazio Cassis?
Ne è convinto l'amico Fulvio Pelli in attesa della data storica (per il Ticino) dell'8 dicembre
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile