Keystone (archivio)
Sono 158 i pazienti ricoverati per Covid-19 nelle strutture ospedaliere neocastellane.
NEUCHÂTEL
13.11.20 - 09:480

Una flebile luce di speranza in fondo al tunnel

L'ente ospedaliero riscontra i primi segnali di stabilizzazione: «Da tre giorni ingressi e dimissioni si compensano».

Il dispositivo è stato tuttavia rafforzato per alleviare i reparti di terapia intensiva dove la situazione resta tesa. «Nonostante l'estensione da 7 a 26 letti, non siamo in grado di assorbire tutti i casi».

NEUCHÂTEL - L'ente ospedaliero neocastellano (RHNe) intravvede i primi segnali di stabilizzazione. Da tre giorni, gli ingressi di pazienti affetti da Covid-19 sono compensati da altrettante uscite dagli ospedali. Il dispositivo è stato tuttavia rafforzato per alleviare i reparti di terapia intensiva dove la situazione resta tesa.

RHNe accoglieva stamane 158 pazienti malati di coronavirus e dieci pazienti che sono in attesa di ricevere il risultato del test Covid. «Il numero di persone positive ricoverate in ospedale si è stabilizzato da quattro giorni a questa parte tra i 160 e i 170», indica l'ente ospedaliero in una nota.

Complessivamente 315 pazienti affetti da Covid-19 sono stati ricoverati al RHNe dall'inizio della seconda ondata. 136 persone hanno potuto lasciare l'ospedale a inizio ottobre. 21 pazienti sono invece deceduti.

«Gli ospedali pubblici possono ancora assorbire pazienti Covid, in caso di bisogno, a condizione che non vi sia un deterioramento della situazione. Parallelamente si prendono a carico casi chirurgici urgenti in proporzioni superiori alla prima ondata», ha precisato RHNe.

Cure intensive: da 7 a 26 letti - «La situazione resta estremamente tesa per quanto riguarda la presa a carico dei casi più gravi. Nonostante l'estensione da 7 a 26 letti nelle cure intensive, non si è in grado di assorbire tutti i casi», ha aggiunto l'ente ospedaliero. La durata media dei ricoveri per insufficienza respiratoria è molto lunga, mentre il numero di pazienti da trattare si mantiene costante.

Per alleviare i reparti di cure intensive, cinque letti con ventilatori non invasivi (VNI) sono disponibili da ieri a La Chaux-de-Fonds. Completano i dieci letti dell'unità specializzata in VNI istituita a inizio novembre sul sito RHNe di Portalès a Neuchâtel. Questi letti, che necessitano di un'assistenza medica e infermieristica molto importante, hanno una rilevanza decisiva nel miglioramento dello stato di salute dei pazienti.

«Con 26 letti nelle cure intensive e 15 dotati di ventilatori non invasivi, RHNe propone oggi uno dei dispositivi più importanti rispetto alla sua popolazione», conclude la nota.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Il Badrutt's Palace chiude (non si sa per quanto)
Il famoso hotel accusa il calo di visitatori e un focolaio di Covid. A casa 440 dipendenti
ARGOVIA
3 ore
Macabra scoperta sulle rive della Limmat
A Würenlos è stato rinvenuto un cadavere, al momento senza identità.
ITALIA / SVIZZERA
3 ore
Un ex manager di UBS per Unicredit?
Il nome di Andrea Orcel ha fatto salire le quotazioni del titolo alla borsa di Milano
SVIZZERA
4 ore
Col telelavoro, la mobilità è crollata
La costante diminuzione degli spostamenti è stata registrata a partire dallo scorso ottobre
GINEVRA 
5 ore
Oms: finita la quarantena gli esperti inizieranno i lavori a Wuhan
«Tra poco cambieremo scenario... se tutto va bene», ha scritto su Twitter una scienziata della squadra.
SVIZZERA
6 ore
Picnic su treni e bus, si valutano regole (e multe)
L'UFSP è in contatto con FFS e AutoPostale per trovare soluzioni a una questione che suscita malumori.
SVIZZERA
6 ore
«È inevitabile: il virus mutato sarà presto quello principale»
Così Martin Ackermann, che ha parlato nell'ambito del consueto punto informativo sulla pandemia
SVIZZERA
6 ore
Meno di 2'000 contagi in 24 ore: sono 1'884
Era da inizio ottobre (weekend e festivi esclusi) che non si registravano così pochi casi in un giorno.
CANTONE / SVIZZERA
8 ore
In Svizzera quasi 200'000 persone vaccinate
Nel nostro cantone le dosi sono state sinora somministrate a 11'815 persone
SVIZZERA
10 ore
Il turismo contro il divieto: «Sarebbe dannoso»
L'industria svizzera del turismo è preoccupata di un'eventuale approvazione dell'iniziativa il prossimo 7 marzo.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile