Keystone
SVIZZERA
16.10.20 - 15:070
Aggiornamento : 15:52

I Cantoni vogliono delle regole uniformi sull'obbligo di mascherina

Lo ha dichiarato la Conferenza delle direttrici e dei direttori cantonali della sanità (CDS)

BERNA - Il mosaico federalista di regole relative all'obbligo di indossare mascherine e altre misure per frenare la diffusione del coronavirus non basta più.

Il comitato direttivo della Conferenza delle direttrici e dei direttori cantonali della sanità (CDS) invita la Confederazione ad introdurre regole a livello nazionale, ha annunciato il comitato stesso al termine di un incontro al quale ha partecipato anche il consigliere federale Alain Berset

La responsabilità di adottare provvedimenti in questa situazione straordinaria spetta ai cantoni, ma la Confederazione può comunque ordinare misure a livello federale. A entrambi i livelli è necessario mettere in atto ogni sforzo possibile per contenere la pandemia e arrestare il più possibile la diffusione del virus, si legge in un comunicato.

Visto che la maggior parte dei cantoni ha introdotto l'obbligo di portare di maschere nei negozi e negli spazi pubblici, e dato il marcato aumento dei contagi, il comitato direttivo della CDS ritiene che questa misura debba essere applicata in tutto il paese. Una regolamentazione federale in materia consoliderebbe le decisioni cantonali.

Anche per quanto riguarda il telelavoro il comitato direttivo ritiene che sia necessario riattivare la raccomandazione a livello federale. L'home office infatti aiuta a ridurre la frequenza e l'intensità dei contatti durante gli spostamenti e sul luogo di lavoro, contribuendo a rallentare la diffusione del virus.

Berna dovrebbe anche stabilire immediatamente una regolamentazione uniforme per gli eventi pubblici e privati fissando un numero massimo di partecipanti che garantisca una vita familiare e sociale.

Per quanto riguarda le raccomandazioni ai cantoni, il comitato della CDS consiglia un inasprimento delle misure imposte a bar, club e discoteche per ridurre i contatti e, se necessario, anche la chiusura. Il contact tracing deve essere mantenuto, ma «la situazione epidemica e le difficoltà nel tracciamento dei contatti portano a chiedersi se possiamo continuare ad autorizzare grandi manifestazioni», si legge nella nota.

Il velocità di diffusione del virus è aumentata in modo esponenziale negli ultimi giorni in gran parte del paese e la Task Force Covid ha ora fatto una previsione allarmante per gli sviluppi futuri se non verranno prese ulteriori misure, ricorda il comitato.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Don Quijote 9 mesi fa su tio
La miglior soluzione per unificare una regola è la sua abolizione.
Heinz 9 mesi fa su tio
Una babale di regole! Mah...
miba2206 9 mesi fa su tio
Che comincino prima ad unificare i premi di cassa malati e le imposte di circolazione!! Avrebbero già dovuto farlo da anni. Nell'Impero romano c'era la caccia ai cristiani, durante l'Inquisizione la caccia alle streghe, durante la seconda guerra mondiale la caccia agli ebrei e nel 2020 la caccia agli asintomatici. Bella roba....
pillola rossa 9 mesi fa su tio
Certo, imponiamo pure la lingua tedesca a tutti, per facilitare il lavoro delle comunicazioni... siamo alla follia.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VAUD
10 min
«Vogliamo abbattere due lupi»
Le autorità vodesi chiedono il permesso alla Confederazione a seguito della predazione di vari vitelli
VALLESE
1 ora
Infortunio sul lavoro: morto un trentenne
L'incidente si è verificato a Zermatt: l'uomo stava effettuando un intervento su una seggiovia
VALLESE
2 ore
Evacuate le terme di Leukerbad, sei feriti
Una fuga di disinfettante ha scatenato il panico alle Alpentherme. Una persona elitrasportata in ospedale
SVIZZERA
2 ore
È stato un Primo Agosto (abbastanza) tranquillo
La polizia non ha dovuto intervenire molte volte durante la festa nazionale: «È stata una notte eccezionalmente calma».
SVIZZERA
3 ore
Covid in Svizzera, nel weekend 2'019 casi
L'Ufficio federale della sanità pubblica segnala anche 24 nuovi ricoveri e tre decessi
URI
4 ore
Axenstrasse riaperta
Da poco prima di mezzogiorno è nuovamente possibile percorrere il tratto stradale
FOTO
ZURIGO
6 ore
Iniziato lo sgombero degli attivisti di Paradeplatz
La polizia è intervenuta per disperdere i manifestanti per il clima che da questa mattina protestavano a Zurigo.
SVIZZERA / SPAGNA
7 ore
Quando la vacanza va storta: «È come essere in prigione»
Due turiste svizzere sono finite nell'Hotel-Quarantena di Ibiza
URI
8 ore
Di nuovo chiusa l'Axenstrasse
Alcuni massi sono precipitati sulla carreggiata tra Sisikon e Flüelen ieri sera.
ZURIGO
9 ore
Attivisti per il clima occupano le banche in Paradeplatz
Circa 200 persone si sono radunate all'entrata delle sedi di UBS e Credit Suisse questa mattina.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile