Ti Press
SVIZZERA
23.09.20 - 12:470

Meno morti sulle piste da sci, di più nello scialpinismo

L'annuale statistica dell'UPI mostra come ci sia stata un'evoluzione nei decessi legati agli sport invernali.

In cima alla triste classifica rimangono trekking ed escursionismo.

BERNA - In Svizzera gli incidenti mortali sulle piste da sci sono diminuiti, ma sono aumentati nello sci-escursionismo. Nel complesso, il maggior numero di morti si conta ancora nel trekking e nell'alpinismo. È quanto constata l'Ufficio prevenzione infortuni (UPI) nella sua statistica annuale degli infortuni sportivi mortali, pubblicata da 20 anni.

Nel corso di questi due decenni, a livello svizzero sono morte in totale 3'676 persone mentre praticavano uno sport. Da un anno all'altro si osservano forti oscillazioni, che negli sport all'aperto come il trekking, lo sci o il nuoto dipendono principalmente da fattori meteorologici, sottolinea l'UPI in una nota odierna.

Inoltre, negli ultimi 20 anni è cambiata la popolarità di alcune discipline sportive. Se nella popolazione un determinato sport viene praticato più frequentemente, la tendenza si rispecchia anche sul numero di incidenti mortali, e viceversa.

Un dato sorprendente riguarda l'evoluzione dello sci, scrive l'UPI. Tra il 2000 e il 2009 sulle piste battute hanno perso la vita 72 persone, a fronte delle 46 tra il 2010 e il 2019. Ciò è in parte merito della prevenzione, ma il dato è anche influenzato dalla leggera diminuzione del numero di giorni di sci sulle piste svizzere: dal 2008, infatti, l'Associazione Funivie Svizzere registra una tendenza al calo dei visitatori.

Fuori dalle piste, la statistica evidenzia la crescita di popolarità dello sci-escursionismo. Tra il 2000 e il 2009 si sono verificati in totale 136 incidenti mortali, e tra il 2010 e il 2019 addirittura 210. Le oscillazioni da un anno all'altro sono forti e dovute soprattutto alle condizioni meteo e relative alla neve, precisa l'UPI.

Il numero più alto di morti si conta però nell'escursionismo e nel trekking, attività in crescente popolarità negli ultimi anni. Dal 2010 al 2019, in totale hanno perso la vita 582 persone, mentre nel decennio precedente erano 459.

Un andamento inverso si registra invece nell'alpinismo, dove il numero di incidenti mortali è sceso da 333 di 20 anni fa, a 238 negli ultimi dieci anni.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Evry 2 mesi fa su tio
che novità !!! grazie anche a questi prepotenti le CM aumentano !!!
Lore62 2 mesi fa su tio
@Evry ...è vero, dai vietiamo anche queste attivit! Si dovrebbe costringere la popolazione a vivere in una campana di vetro, così le casse malati ingrassano senza spendere... XD
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SOLETTA
1 ora
Stupratore di Olten. «Aveva un enorme problema di droga»
Il 37enne è in carcere, accusati di aver aggredito e accoltellato la 14enne trovata nel bosco Olten
SVIZZERA
5 ore
Stazioni sciistiche e shopping natalizio: ecco le risposte ai molti interrogativi
In viste delle Festività, il Consiglio federale ha rafforzato i provvedimenti contro il coronavirus.
SVIZZERA
5 ore
Ritirati il chorizo di Aldi e i filetti di trota affumicati di Lidl
Entrambe le aziende hanno ritirato il prodotto dalla vendita
ZURIGO
5 ore
Ragazzino trascinato dall'autobus per 100 metri, autista assolto
L'uomo era a processo per lesioni colpose. È ripartito senza accorgersi che l'11enne era rimasto incastrato nella porta.
SVIZZERA
7 ore
Le stazioni sciistiche tirano un sospiro di sollievo
Il fatto che le nuove misure non prevedano limitazioni di capacità soddisfa i comprensori.
SVIZZERA
7 ore
In Romandia cinema e teatri riapriranno
Dal 19 dicembre il mondo della cultura potrà tirare un sospiro di sollievo.
ZUGO
7 ore
Glencore, obiettivo emissioni zero nel 2050
Il Ceo Ivan Glasenberg l'anno prossimo lascerà il timone a Gary Nagle
BERNA
9 ore
Berset: «La situazione è preoccupante»
Decise in particolare nuove restrizioni per i negozi. Lo sci sarà consentito, ma a severe condizioni.
BERNA
10 ore
Crimini, dal DNA più informazioni per gli inquirenti
Questo metodo forense sarà sfruttato per incrementare la sicurezza della popolazione.
SVIZZERA
12 ore
Tre regioni italiane saranno zone rosse
Sono Veneto, Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia. Zaia: «La Svizzera non riconosce l'unità d'Italia»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile