Immobili
Veicoli
Ti Press
SVIZZERA
23.09.20 - 12:470

Meno morti sulle piste da sci, di più nello scialpinismo

L'annuale statistica dell'UPI mostra come ci sia stata un'evoluzione nei decessi legati agli sport invernali.

In cima alla triste classifica rimangono trekking ed escursionismo.

BERNA - In Svizzera gli incidenti mortali sulle piste da sci sono diminuiti, ma sono aumentati nello sci-escursionismo. Nel complesso, il maggior numero di morti si conta ancora nel trekking e nell'alpinismo. È quanto constata l'Ufficio prevenzione infortuni (UPI) nella sua statistica annuale degli infortuni sportivi mortali, pubblicata da 20 anni.

Nel corso di questi due decenni, a livello svizzero sono morte in totale 3'676 persone mentre praticavano uno sport. Da un anno all'altro si osservano forti oscillazioni, che negli sport all'aperto come il trekking, lo sci o il nuoto dipendono principalmente da fattori meteorologici, sottolinea l'UPI in una nota odierna.

Inoltre, negli ultimi 20 anni è cambiata la popolarità di alcune discipline sportive. Se nella popolazione un determinato sport viene praticato più frequentemente, la tendenza si rispecchia anche sul numero di incidenti mortali, e viceversa.

Un dato sorprendente riguarda l'evoluzione dello sci, scrive l'UPI. Tra il 2000 e il 2009 sulle piste battute hanno perso la vita 72 persone, a fronte delle 46 tra il 2010 e il 2019. Ciò è in parte merito della prevenzione, ma il dato è anche influenzato dalla leggera diminuzione del numero di giorni di sci sulle piste svizzere: dal 2008, infatti, l'Associazione Funivie Svizzere registra una tendenza al calo dei visitatori.

Fuori dalle piste, la statistica evidenzia la crescita di popolarità dello sci-escursionismo. Tra il 2000 e il 2009 si sono verificati in totale 136 incidenti mortali, e tra il 2010 e il 2019 addirittura 210. Le oscillazioni da un anno all'altro sono forti e dovute soprattutto alle condizioni meteo e relative alla neve, precisa l'UPI.

Il numero più alto di morti si conta però nell'escursionismo e nel trekking, attività in crescente popolarità negli ultimi anni. Dal 2010 al 2019, in totale hanno perso la vita 582 persone, mentre nel decennio precedente erano 459.

Un andamento inverso si registra invece nell'alpinismo, dove il numero di incidenti mortali è sceso da 333 di 20 anni fa, a 238 negli ultimi dieci anni.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Evry 1 anno fa su tio
che novità !!! grazie anche a questi prepotenti le CM aumentano !!!
Lore62 1 anno fa su tio
@Evry ...è vero, dai vietiamo anche queste attivit! Si dovrebbe costringere la popolazione a vivere in una campana di vetro, così le casse malati ingrassano senza spendere... XD
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
3 ore
A 203 chilometri all'ora sui 120
Pizzicato sulla A1 in territorio di Gurbrü (BE): si trattava di un diciassettenne con licenza per allievo conducente
ZURIGO
3 ore
Vaccini: «Effetti collaterali rari e non sempre segnalati»
Continuano a circolare segnalazioni circa gli effetti collaterali delle vaccinazioni.
ZUGO
3 ore
In polizia per un interrogatorio, si presenta sotto l'effetto di droga
È quanto accaduto martedì a Zugo. Si tratta di un ventenne, che era giunto al volante della sua auto
SVIZZERA
4 ore
La soddisfazione dei Cantoni
Secondo i direttori della sanità, il Consiglio federale ha tenuto conto della consultazione
SAN GALLO
6 ore
Video pedo-pornografici sui profili (hackerati) di Facebook e Instagram
La polizia di San Gallo denuncia diversi casi e avverte: «Anche i proprietari rischiano di subire azioni legali».
BERNA
6 ore
Quarantena e obbligo del telelavoro fino a fine febbraio
Gli altri provvedimenti provvisoriamente fino a fine marzo
SVIZZERA
7 ore
Nuovo record di contagi e 25 decessi in Svizzera
Scendono i pazienti ospedalizzati a causa del virus, che occupano ora il 7,9% dei posti letto complessivi.
SVIZZERA
8 ore
Una miocardite che è già un caso
La velocista vodese Sarah Atcho al centro delle polemiche dopo aver raccontato di essersi ammalata dopo il vaccino
SVIZZERA
9 ore
«Come un jackpot a Las Vegas»
Il giornalista ed ex dirigente del ramo Kurt Zimmermann è molto critico sugli aiuti che voteremo il prossimo 13 febbraio
SVIZZERA
10 ore
Salute compromessa dopo il vaccino: «Sono solo stato sfortunato»
Il granconsigliere argoviese Martin Wernli soffre di problemi di salute da quando ha ricevuto la prima dose.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile