Keystone
SVIZZERA
04.09.20 - 14:130
Aggiornamento : 19:02

«Malgrado l'aumento dei casi la situazione è stabile»

Stefan Kuster non è preoccupato per l'evoluzione degli ultimi giorni. Ma fare previsioni è difficile.

Il responsabile delle malattie trasmissibili è intervenuto questo pomeriggio in conferenza stampa.

BERNA - Benché oggi il numero di nuove infezioni abbia superato, per la prima volta da metà aprile, i 400 casi, la situazione non è ancora preoccupante. La settimana scorsa sono state testate oltre 70 mila persone. I tre quarti dei soggetti trovati positivi ha meno di 40 anni.

Lo ha dichiarato oggi ai media Stefan Kuster, responsabile delle malattie trasmissibili presso l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP).

Il tasso di riproduzione, ha aggiunto, è inferiore a 1. Ciò significa che il tasso di riproduzione del virus non è ancora esponenziale. Oltre a ciò, ha aggiunto Kuster, la situazione per quanto riguarda i decessi e le ospedalizzazioni rimane stabile. «In questo momento non parliamo di una seconda ondata, bensì di una lenta progressione del numero d'infezioni», ha specificato l'alto funzionario.

Per Kuster, insomma, gli sforzi profusi sia dai Cantoni che dalla popolazione stanno dando i frutti sperati. Difficile però fare previsioni sull'evoluzione della situazione pandemica. Molto dipenderà dal numero di persone che rientreranno dalle vacanze, dalle ripercussioni della decisione governativa di consentire grandi manifestazioni e anche dall'incipiente arrivo dell'autunno.

Stando a Kuster, tutti - Confederazione, Cantoni e i singoli - devono dare il massimo per evitare una forte progressione del virus. Da parte sua, l'UFSP fa di tutto affinché il risultato del test possa essere consegnato alla persona interessata 24 ore dopo l'apparizione dei primi sintomi. Tra l'altro, gli specialisti sperano di avere a disposizione test sempre più veloci.

A tale proposito, Virginie Masserey, che presso l'UFSP si occupa del controllo delle malattie infettive, ha dichiarato che saranno sottoposti a verifica i test veloci, compresi quelli di Roche, per capire dove potranno essere utilizzati. Non si sa ancora quanto tempo sarà necessario a Swissmedic e ai laboratori per fare simili esami. «Probabilmente si tratterà di qualche settimana», ha spiegato Masserey.

Nessuna novità per quanto per quanto riguarda la Francia, dove l'infezione rialzato la testa. La situazione - come dichiarato mercoledì dal ministro della sanità, Alain Berset, - viene esaminata attentamente e le discussioni sono ancora in corso, ha spiegato Masserey. Nella lista dei Paesi a rischio sono invece finite dieci altre nazioni, tra cui la Croazia e l'Ucraina.

L'idea di accorciare la durata della quarantena portandola a cinque giorni - invece di dieci come in Svizzera - attualmente al vaglio delle autorità germaniche non è al momento un argomento di riflessione, ha sostenuto Masserey. «Un periodo d'isolamento di dieci giorni è importante per spezzare le catene di contagio».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
MIM 1 anno fa su tio
La cosa importante è che questi positivi stanno bene, poi possono fare tutti i tamponi che vogliono per avere i numeri che cercano.
spank77 1 anno fa su tio
@MIM Ha detto che la situazione è sottocontrollo e che le misure preventive stanno funzionando... O sbaglio?
Heinz 1 anno fa su tio
Anche se sembra impossibile alla maggior parte degli svizzeri, la svizzera non è un paese speciale, segue un evoluzione del tutto simile a quello degli altri paesi. Quindi chiudersi dentro i confini è solo un conforto psicologico che da sicurezza alla popolazione. Da paese alpino vede nella frontiera, nelle creste alpine etc la difesa da tutti i mali. Questa volta è un bel placebo...
spank77 1 anno fa su tio
@Heinz Per questo sono d'accordo. La prevenzione la stanno facendo ovunque. Quindi basta rispettare le regole dentro e fuori la Svizzera se si viaggia. Per non uccidere il turismo
miba 1 anno fa su tio
Circo, circo ed ancora circo e lo show continua :):):)
sedelin 1 anno fa su tio
@miba un circo che fa ancora paura agli psicolabili
pillola rossa 1 anno fa su tio
@sedelin Purtroppo c'è anche chi ha deciso di lasciare questo mondo a causa di questa, purtroppo per alcuni insostenibile, (de)pressione. Si prendessero le loro responsabilità...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
17 min
Tonnellate di CO2 in meno... solo allungando la vita dei prodotti
Ha luogo oggi la seconda edizione del Secondhand Day, per sensibilizzare gli svizzeri sui propri consumi
ZURIGO
20 min
«Non siamo no-vax, siamo contro le restrizioni»
Ha avuto luogo oggi pomeriggio una manifestazione autorizzata contro le misure anti Covid
SVIZZERA
4 ore
Gratis o no: altre due settimane di litigi
Il governo ha rimandato al 10 ottobre la decisione. I partiti e la popolazione sono spaccati
SVIZZERA
6 ore
È esplosa la corsa ai test
La richiesta è raddoppiata con l'obbligo del certificato Covid. E il governo teme che non si arresterà
Lucerna
6 ore
Schianto frontale in moto, grave una 17enne
La collisione ha coinvolto altri due motociclisti che si trovavano sulla strada
SVIZZERA
7 ore
Oggi gratis, domani a 75 franchi?
Il test antigenico potrebbe diventare a pagamento dall'11 ottobre. Gli addetti ai lavori speculano sui possibili prezzi
ZURIGO
8 ore
Al rettore non piace il certificato
All'università di Zurigo l'accesso è vietato agli studenti senza pass. «Una scelta dolorosa» per Michael Schaepman
SVIZZERA
9 ore
Test in regalo da Maurer
Antigenici gratuiti fino alla revoca del certificato Covid: questa sarebbe la posizione del ministro UDC
SVIZZERA
18 ore
«Se la consegna avviene in ritardo, ci tagliano lo stipendio»
Il delivery va forte, soprattutto con la pandemia. Ma un corriere Smood vuota il sacco: «Pessime condizioni di lavoro»
SVIZZERA / FRANCIA
19 ore
Omicidio di una prostituta a Sullens, condanna aumentata a 30 anni
Il killer è un ex lavoratore frontaliere francese
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile