Immobili
Veicoli
Critiche alle FFS: «Mancano macchinisti, e loro cancellano collegamenti»
Tipress
BERNA
28.08.20 - 09:340
Aggiornamento : 11:14

Critiche alle FFS: «Mancano macchinisti, e loro cancellano collegamenti»

Dopo la presentazione del nuovo orario arrivano le critiche. Le prime sono quelle dell'Ufficio federale dei trasporti.

BERNA - L'Ufficio federale dei trasporti (UFT) rimprovera alle FFS di aver cancellato decine di collegamenti ogni giorno a causa della mancanza di macchinisti. "Una tale riduzione della frequenza dei collegamenti è per noi inaccettabile", ha dichiarato oggi alla radio svizzerotedesca SRF Michael Müller dell'UFT.

Mercoledì le Ferrovie federali svizzere (FFS) hanno presentato l'orario per il 2021 e annunciato che dal 7 settembre fino al cambiamento dell'orario ci saranno diverse limitazioni dell'offerta. Così, nei giorni lavorativi, circa 200 degli oltre 9000 treni in servizio saranno cancellati. In alcuni casi si dovranno utilizzare autobus sostitutivi, il che comporta tempi di viaggio più lunghi.

Attualmente alle FFS mancano 210 macchinisti, hanno indicato le FFS spiegando i motivi delle misure. La loro formazione è stata ritardata a causa del virus corona.

In una lettera, il direttore dell'UFT Peter Füglistaller si è ora lamentato. L'UFT ha espresso comprensione sul fatto che alcune riduzioni dell'offerta introdotte nel periodo di lockdown vengano mantenute. Ma il fatto che le FFS vogliano ora interrompere temporaneamente intere linee delle S-Bahn non è accettabile: "Non possiamo tollerare questa linea di condotta", cita la radio SRF dalla lettera.

Se le FFS non garantiranno le prestazioni stabilite per il trasporto regionale di persone, la Confederazione non pagherà nulla. Non solo, le FFS dovranno finanziare da sole il servizio sostitutivo. "La Confederazione non paga per questi autobus sostitutivi, questo è affare delle FFS", ha detto il portavoce dell'UFT.

Come la Confederazione, anche i Cantoni hanno richiesto prestazioni alle FFS e le hanno cofinanziate. E anche loro stanno considerando le conseguenze della riduzione dei servizi.

"Se le FFS si limitano a interrompere unilateralmente queste prestazioni, si pone la questione di sapere se il cliente possa avanzare pretese finanziarie nei loro confronti. Dobbiamo chiederci se ci possono essere rivendicazioni di responsabilità", ha dichiarato a radio SRF il presidente dei direttori cantonali dei trasporti pubblici, Hans-Peter Wessels (PS), membro del governo di Basilea. Pertanto, se le FFS dovessero ora ridurre le loro prestazioni, i Cantoni dovrebbero esaminare la possibilità di chiedere un indennizzo alle FFS.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
KilBill65 1 anno fa su tio
Tra le FFS e la Confederazione fanno a gara a prenderci tutti in giro!!!...Ma arrivera' il giorno in cui le pagheranno tutte....Siamo noi che votiamo….Buttiamoli fuori questi disonesti!!!......
KilBill65 1 anno fa su tio
Berna non ha ancora capito che ci sono degli incompetenti a livello di direzione? Cosa aspetta ad intervenire?....
Meck1970 1 anno fa su tio
Importante è fare utili tagliando dappertutto, anche nella formazione. Mi venite a dire che negli anni passati non sono riusciti a prevedere quanti macchinisti ci sono bisogno?
sedelin 1 anno fa su tio
test blog
tip75 1 anno fa su tio
ahahhaha che novita
prophet 1 anno fa su tio
e organizzare una scuola in Ticino?
francox 1 anno fa su tio
I manager colpevoli oramai avranno cambiato ditta dopo aver preso ancora un bel "paracadute" milionario. Hanno capito che al giorno d'oggi basta cambiarsi di posto l'un l'altro dopo ogni disastro e si arricchiscono ancora più in fretta. Tanto paghiamo noi.
gigipippa 1 anno fa su tio
Fortunatamente le previsioni erano sbagliate. Fortunatamente è ancora l`uomo a condurre con grande responsabilità la locomotiva. Sfortunatamente ancora non si è capito quali siano le figure professionali indispensabili.
Tato50 1 anno fa su tio
@gigipippa Preferibilmente con un attestato di capacità quale meccanico in genere e almeno qualche nozione delle lingue. Una volta era così, adesso non so se ci sono stati cambiamenti e prendono quello che c'è ;-))
Tato50 1 anno fa su tio
@gigipippa Una volta dovevi essere meccanico in genere e nozioni delle lingue nazionali. Adesso che la tecnologia ha fatto passi da gigante credo che seguire un corso d'istruzione sia sufficiente-;))
Tato50 1 anno fa su tio
@gigipippa Scusami è quasi un doppione ma non vedevo il Post pubblicato-;))
centauro 1 anno fa su tio
@Tato50 Adesso ci vuole laurea in informatica, specializzazione in economia, conoscenza di almeno 3 lingue straniere, esperienza decennale nel settore meccanico, master in pianificazione aziendale e nozioni di pilotaggio di velivolo da combattimento.
Tato50 1 anno fa su tio
@centauro Ecco perché non ne trovano più-;)))
skorpio 1 anno fa su tio
cari governatori di Berna: siete ridicoli, dovete fare solo Mea Culpa per aver accettato la privatizzazione delle FFS. stesso discorso per la Posta. Questo non toglie che i dirigenti di entrambe le società dovrebbero essere impalati in pubblico per aver licenziato migliaia di impiegati e adesso tolgono i servizi per mancanza di personale. VERGOGNATEVI TUTTI!
lollo68 1 anno fa su tio
@skorpio Sono d'accordo: ci sono dei servizi che devono rimanere pubblici! Nel privato si vuole solo guadagnare e ci perdono tutti.
francox 1 anno fa su tio
Se si paga per un servizio che poi non viene fornito, ci deve essere un rimborso, mi sembra ovvio. Per ora le FFS stanno prendendo esempio dalle Swisscom, speriamo che non si ispirino anche alla Swissair. Ah, che grandi responsabilità hanno questi manager...
gp46 1 anno fa su tio
Ovviamente i responsabili di tale mancanza di personale sono ancora comodamente seduti ai loro posti, lautamente ricompensati...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Il voucher "per la normalità" non piace a tutti
L'idea: un buono da 200 franchi per ogni svizzero, da spendere in ristoranti e cultura. Ma la politica storce il naso
VALLESE
7 ore
Caduta fatale a Zermatt
Uno sciatore spagnolo di 46 anni ha perso la vita ieri pomeriggio sul comprensorio vallesano.
SVIZZERA
7 ore
Oltre 87mila contagi e 35 decessi nel weekend svizzero
In salita i pazienti ricoverati a causa del virus, che occupano ora l'8,3% dei posti letto complessivi.
SVIZZERA
11 ore
I dati di migliaia di clienti Swiss Pass liberamente accessibili
A inizio gennaio è stata scoperta una falla di sicurezza nella piattaforma per la vendita dei biglietti
ZURIGO
12 ore
Da certificato Covid a documento per controllarti?
Alain Berset attende con ansia la fine del suo utilizzo, che potrebbe arrivare per marzo.
SVIZZERA
12 ore
In Svizzera la vaccinazione dei bambini stenta a decollare
La quota nazionale è del 5,2%. L'adesione più alta si registra a Basilea Campagna e Basilea Città
SVIZZERA
12 ore
L'esercito distribuisce mascherine scadenti?
Giacciono da mesi nei magazzini militari. E vengono vendute ai Cantoni a prezzo simbolico. È polemica
SVIZZERA
13 ore
Prova sirene alle porte, ecco quando non dovrete spaventarvi
Il test, essenziale per verificare il loro corretto funzionamento in caso di emergenza, avrà luogo mercoledì 2 febbraio.
SVIZZERA
15 ore
Aiuto ai media: si profila un classico Röstigraben
In Romandia le misure di sostegno statale sono viste meglio rispetto alla Svizzera tedesca
SVIZZERA / RUSSIA
1 gior
Il conflitto russo-ucraino, un rischio anche per la Svizzera
L'Europa (e anche il nostro paese) potrebbero restare senza il gas proveniente dalla Russia. Ecco gli scenari
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile