keystone-sda.ch (URS FLUEELER)
LUCERNA
17.08.20 - 19:350
Aggiornamento : 22:02

Mascherine a scuola. Alcuni genitori non ci stanno

Circa 60 persone hanno firmato a Lucerna una lettera per il direttore del Dipartimento dell'educazione.

Secondo loro si tratta di strumenti creati per un uso professionale nel settore sanitario, non nelle scuole.

LUCERNA - Indossare una mascherina sul volto, se la distanza di un metro e mezzo non può essere mantenuta, è obbligatorio per gli studenti delle scuole post-obbligatorie in undici cantoni. Ma attorno alla misura sta già sorgendo una certa opposizione.

Una sessantina di persone nel Canton Lucerna, perlopiù genitori degli studenti, ha firmato una lettera contro l'obbligo all'attenzione di Marcel Schwerzmann, consigliere di Stato e direttore del Dipartimento educazione del Canton Lucerna.

Nella missiva, di cui 20 Minuten ha preso visione, i genitori sostengono che le mascherine siano un fardello per gli studenti. Si tratta di strumenti «creati per un utilizzo professionale nel settore sanitario» e «certamente non» per un uso nelle scuole, si legge.

Secondo i genitori, l'utilizzo di questi dispositivi di protezione a scuola comporta inoltre «importanti conseguenze di salute e psicologiche». I problemi citati sono la mancanza di fiato, vertigini, nausea, disturbi alla pelle e, non da ultimo, problemi di concentrazione. A questi si somma poi la questione psicologica e il costante segnale del «tutti sono in pericolo», scrive il gruppo, che prende in considerazione anche di adire le vie legali per evitare l'obbligo.

Il direttore del Dipartimento dell'educazione lucernese, Marcel Schwerzmann, ha spiegato al tg regionale della SRF che le mascherine sono rese necessarie dalla situazione particolare che stiamo vivendo. «Vogliamo anche noi un insegnamento faccia a faccia e la maggiore normalità possibile a scuola» ha detto, aggiungendo che nelle prossime settimane risponderà alla lettera.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GRIGIONI
21 min
Fermato senza patente domenica. Lo ritrovano al volante giovedì
Il 51enne è incappato in un controllo radar sulla strada del Maloja
SVIZZERA
1 ora
Sabine Keller-Busse nuova responsabile di UBS Svizzera
Prima di entrare in UBS nel 2010 ha guidato la divisione clientela privata di Credit Suisse per Zurigo.
SVIZZERA
1 ora
Sunrise-UPC: svelati i nomi della nuova direzione
Sono figure di entrambe le aziende originarie: «Ora possiamo contare su una squadra eccezionale».
SVIZZERA
2 ore
Dieci persone, ma da due nuclei familiari al massimo
Sarebbe, secondo indiscrezioni, una delle misure che il Consiglio federale annuncerà oggi
ZURIGO
9 ore
Svizzera o Austria: chi sta facendo meglio nella lotta al Covid?
A differenza della Confederazione, l'Austria ha optato per un altro lockdown in autunno.
SOLETTA
12 ore
Lo stupratore di Olten: disoccupato e spacciava droga
Il vicinato parla del presunto autore dell'aggressione di domenica. Aveva già aggredito altre donne.
SVIZZERA
17 ore
Il Covid si riconosce dal respiro
Ricercatori dell'EPFL hanno sviluppato un algoritmo che permette di diagnosticarne la gravità
GRIGIONI
17 ore
I Grigioni chiudono i ristoranti per (almeno) due settimane
Con un tasso di riproduzione di 1,02, il quarto più alto in Svizzera, il Governo corre ai ripari prima delle festività
VAUD
17 ore
La scuola privata più costosa al mondo organizza feste illegali
Sabato è stata allestita un'attrazione presso l'Institut Le Rosey, sul Lago di Ginevra.
SONDAGGIO
BERNA
18 ore
«Parlarne. Trovare aiuto»: la salute mentale ai tempi del coronavirus
Il 10 dicembre si terrà una giornata per richiamare l'attenzione sulla delicata e quanto mai attuale tematica.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile