Immobili
Veicoli
Archivio Keystone
SVIZZERA
14.08.20 - 11:470

Svizzera più povera a causa della libera circolazione

Lo sostiene uno studio commissionato da una fondazione che finanzia anche l'attività politica dell'UDC

BERNA - La libera circolazione delle persone ha reso la Svizzera più povera. È quanto emerge da uno studio pubblicato oggi dall'istituto di ricerca londinese Europe Economics, commissionato dalla Fondazione per una politica borghese (Stiftung für bürgerliche Politik), che finanzia direttamente e indirettamente l'attività politica dell'UDC.

Stando agli autori, gli altri accordi presenti nel pacchetto dei bilaterali I hanno potuto compensare questa «perdita di prosperità» solo in minima parte.

Lo studio si chiede se la Svizzera debba o meno riacquistare unilateralmente il «controllo dell'immigrazione» - votando sì all'iniziativa per la limitazione il 27 settembre - anche se ciò andrebbe a scapito dell'Accordo sulla libera circolazione delle persone e di altri accordi tra Berna e Bruxelles inclusi nei bilaterali I.

Secondo gli autori dell'indagine, la risposta sembra essere affermativa, poiché in base alla loro analisi queste intese non hanno alcun effetto positivo sul prodotto interno lordo (PIL) elvetico. L'immigrazione nel periodo tra il 2002 e il 2017 sarebbe per esempio costata 4,4 punti percentuali di crescita del PIL pro capite. I ricercatori attribuiscono alla libera circolazione delle persone un PIL inferiore dello 0,7% per persona autoctona.

Sull'altro versante, l'agevolazione degli scambi nell'Accordo di abolizione degli ostacoli tecnici al commercio ha aggiunto circa lo 0,2% al PIL pro capite, e l'Accordo sul trasporto aereo ha portato a un aumento del PIL pro capite dello 0,1-0,2%.

In quattro dei sette accordi gli autori non hanno invece trovato alcun effetto. Nel complesso, stando agli autori, non si può pertanto dire che i bilaterali abbiano avuto conseguenze positive, come dimostrato da altri studi.

Il governo vede le cose in modo diametralmente opposto. Secondo uno studio presentato a fine giugno dalla Segreteria di Stato dell'economia (Seco), l'Accordo sulla libera circolazione delle persone ha fornito un «contributo significativo alla crescita economica e al benessere in Svizzera». Se la Confederazione vuole continuare a prosperare, deve farlo collaborando con l'Ue, aveva affermato ai media la direttrice della Seco Marie-Gabrielle Ineichen-Fleisch.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA 
11 min
Prezzi dei farmaci, una perizia critica gli accordi segreti
Il Consiglio federale mira a segretare gli "sconti" negoziati con le aziende farmaceutiche.
ZURIGO
14 min
«Hanno insultato e aggredito l'autista del bus»
Tre giovani sono stati fermati dalla polizia a seguito di un alterco con un conducente
VALLESE
2 ore
Aliante contro le rocce, il pilota ha perso la vita
La polizia ha confermato il decesso di un 57enne vodese: era l'unica persona a bordo
BERNA
3 ore
Il disperso “illustre” genera un'ondata di recensioni negative
Diversi utenti con nomi indonesiani hanno preso di mira il fiume Aar dopo la scomparsa di un concittadino
VAUD
12 ore
Cade dalla finestra del suo alloggio sociale
Lo sventurato è stato trovato in gravi condizioni dopo un volo di una decina di metri
FOTO
VALLESE
13 ore
In diecimila per i mondiali del monopattino elettrico
La seconda manche dell'evento ha avuto luogo in questi giorni in Vallese
SVIZZERA
14 ore
La Svizzera ha ora troppi vaccini anti-Covid?
Contro il Covid ormai si vaccinano in pochi, ma Berna ha a disposizione 34 milioni di dosi
VALLESE
16 ore
Un aliante si schianta in Vallese
È successo oggi nella regione di Sanetsch. Non è noto se vi siano vittime o feriti
SVIZZERA
18 ore
Primati di calore e ora la minaccia di «effetti fatali»
Da marzo a maggio le temperature sono state di circa 2,5 gradi superiori alla norma
BERNA
22 ore
Vacanze estive, pochissimi resteranno in Svizzera
Un terzo di coloro che resteranno in patria, intendono trascorrere le ferie in Ticino.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile