Keystone
SVIZZERA
11.08.20 - 09:030

Manca (ancora) il burro svizzero

Per la seconda volta quest'anno l'UFAG dà il via libera all'importazione dall'estero.

Il basso livello delle scorte e una produzione inferiore alla media hanno reso necessario un'ulteriore importazione di 1'800 tonnellate.

BERNA - Per la seconda volta quest’anno, l’Ufficio federale dell’agricoltura (UFAG) aumenterà il contingente per l’importazione di burro. L’Interprofessione Latte (IP Latte) ha infatti deciso di sostenere la domanda per un ulteriore aumento pari a 1'800 tonnellate, un quantitativo che equivale a circa il 4% del volume annuo delle vendite di burro in Svizzera.

L’UFAG aveva già proceduto all’aumento di 1'000 tonnellate lo scorso primo giugno 2020. Ma «dopo approfondite valutazioni del fabbisogno e discussioni», l’IP Latte ha deciso di sostenere una domanda per un ulteriore aumento del contingente di burro dal primo settembre. «Questo secondo aumento - precisa l'UFAG - si è reso indispensabile a causa del basso livello delle scorte e della produzione inferiore alla media».

Garantire l’approvvigionamento fino a fine anno - L’IP Latte ha affrontato la questione dell’approvvigionamento di burro in seno a un gruppo di lavoro composto in modo paritetico con la partecipazione dei produttori di latte. «Il sostegno a questo secondo aumento delle importazioni è motivato dalla flessione della produzione di burro rispetto a un anno fa a fronte di un aumento del consumo».

In base all’esperienza, le scorte di burro a metà anno dovrebbero aggirarsi tra le 4'000 e le 5'000 tonnellate. Ma attualmente si registra un livello «molto basso pari a 400 tonnellate circa». Il primo aumento del contingente di 1'000 tonnellate e le 900 tonnellate di diritti d’importazione della categoria non sono pertanto sufficienti a garantire l’approvvigionamento per tutto l’anno. «Un approvvigionamento sicuro del mercato del burro - conclude l'UFAG - è importante e implica una pianificazione affidabile. In futuro dalla filiera del latte ci si attende una maggiore trasparenza sul mercato del burro».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
GI 5 mesi fa su tio
l'incremento del consumo di burro.....ah quell'ultimo Tango a Parigi.....
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SAN GALLO
4 ore
«Fate molta attenzione agli alberi»
È l'allarme lanciato dalla polizia sangallese
BERNA
4 ore
Da mezzanotte la Svizzera con misure più severe
Come noto i provvedimenti precedenti, come la chiusura dei ristoranti, sono stati prolungati di cinque settimane.
SVIZZERA
4 ore
Ridurre le emissioni? Paga anche economicamente
I maggiori risparmi sono attuabili nel settore dei trasporti e del riscaldamento degli edifici.
SVIZZERA
5 ore
Il tasso di riproduzione è sceso allo 0,83
In Ticino la situazione è ancora migliore rispetto alla media svizzera: il 2 gennaio era dello 0,71.
SVIZZERA
6 ore
«I ragazzi a scuola sono più al sicuro che altrove»
Lo sostiene Stefan Wolter, da qualche settimana membro della task force della Confederazione.
BERNA
8 ore
Vaccino: «La Svizzera ha agito bene, le critiche sono inopportune»
Il responsabile di Moderna loda il lavoro del governo federale: «Ha puntato sui cavalli giusti»
GRIGIONI
8 ore
Due sciatori travolti da una valanga, uno di loro non ce l'ha fatta
L'uomo stava praticando fuoripista su un pendio del monte Casanna, sopra a Klosters.
SVIZZERA
9 ore
Un imprenditore fa causa a Berna: chiede otto milioni di franchi
Urs Ledermann sostiene che la sua impresa di pulizia sia stata rovinata a seguito delle restrizioni anti-covid.
ZURIGO
10 ore
Alcuni operatori della sanità vogliono un'associazione anti-vaccino
Gli interessati si sono organizzati tramite il servizio di messaggistica Telegram.
SVIZZERA
10 ore
Coronavirus e scuole: altro cambiamento di strategia?
L'UFSP sta studiando possibili provvedimenti. Finora era stata lasciata carta bianca ai cantoni.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile