Archivio Depositphotos
SVIZZERA
18.06.20 - 23:300

Al bando il tabacco aromatizzato: una proposta che mette a rischio la shisha

Secondo il consigliere nazionale Benjamin Roduit, l'effetto rinfrescante avvicina i giovani al fumo

I gestori dei locali che offrono la pipa d'acqua non ci stanno: «Potremmo chiudere subito»

BERNA - I tabacchi aromatizzati andrebbero vietati. Una direttiva analoga esiste già nell'Unione europea. E ora il consigliere nazionale Benjamin Roduit (PPD) chiede che venga introdotta anche in Svizzera. Il provvedimento riguarderebbe il tabacco per shisha, ma anche le sigarette al mentolo e con click.

«I prodotti arricchiti con aromi spingono i giovani a fumare, rendendoli più velocemente dipendenti» afferma il deputato. Gli aromi rendono la gola meno sensibile al fumo. «E l'effetto rinfrescante, per esempio del mentolo, porta a inalare più fumo». Tali prodotti si pongono quindi in contrapposizione, sempre secondo Roduit, alla lotta contro il consumo di tabacco. «La Confederazione investe molto nella prevenzione, ma allo stesso tempo permette la vendita di prodotti che promuovono il fumo».

La reazione - Non ci stanno i gestori dei locali che danno la possibilità di fumare la shisha. «Un divieto del genere metterebbe a rischio il settore. Potremmo chiudere subito» afferma Adem Corca, titolare del shisha lounge Binzgarten a Zurigo. Tra le conseguenze si conterebbe quindi un aumento dei disoccupati e di spazi vuoti. E non servirebbe a nulla la possibilità di offrire del tabacco per shisha neutrale. «Non possiamo costringere i clienti a fumare una determinata varietà di tabacco».

Corca ritiene inoltre che il divieto proposto non darebbe nessun contributo alla prevenzione. Sarebbero infatti rare le persone che fumano la shisha quotidianamente. «Non si tratta di una dipendenza, bensì di qualcosa di culturale che riunisce le persone».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
9 min
Non metti tua figlia in quarantena? Arriva la polizia
Gli agenti hanno suonato il campanello alle 21.25 e hanno consegnato al padre la lettera del medico cantonale
SVIZZERA
1 ora
Gli Stati danno ragione a Marina Carobbio: «Servono più medici»
Con una maggioranza risicata la Camera alta ha accolto una mozione della senatrice socialista.
SVIZZERA
2 ore
Altri 391 casi, ma la percentuale dei positivi è in calo
Il totale dei contagi dall'inizio dell'emergenza sale a 51'492. Le vittime sono almeno 1'776.
SVIZZERA
3 ore
Cantone che vai, misure anti-Covid che trovi
Berna dà il via libera ai grandi eventi, ma solo con la mascherina. E nel contempo riapre i "drive in".
SVIZZERA
3 ore
BNS: avanti con il contrasto del franco forte
La valutazione della moneta nazionale rimane «persistentemente elevata». Fusione UBS-CS? Solo «voci».
SVIZZERA
3 ore
Personale di volo e i danni della quarantena
Le associazioni di categoria chiedono di rivedere le norme, altrimenti si rischiano numerosi licenziamenti.
ZURIGO
4 ore
Violenta lite: morto un uomo, ferite due donne
La disputa famigliare è avvenuta nel quartiere zurighese di Wollishofen.
VAUD
5 ore
Da homo sapiens a homo sedens: «Gli open space sono come le carceri»
«L'ufficio, in tutte le sue forme, non rende felice il lavoratore», sostiene l'etnologo Pascal Dibie.
SVIZZERA
7 ore
L'auto non si noleggia, ci si abbona... da Mobilezone
La catena ha instaurato una collaborazione con la start-up per offrire consulenza nei suoi negozi di cellulari
SVIZZERA
7 ore
Parlamento: protezione dati, cambio sesso e cultura
Giornata impegnativa per Consiglio nazionale e Consiglio degli Stati, che lavoreranno fino in serata
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile