Archivio Tipress
SVIZZERA
14.06.20 - 11:140
Aggiornamento : 12:22

I confini elvetici riaprono all'Europa

Da domani è nuovamente possibile l'entrata in Svizzera. E sarà ripristinato il turismo degli acquisti

BERNA - La Svizzera riapre domani le frontiere con tutti gli Stati membri dell'UE, dell'AELS e col Regno Unito. Chiunque può quindi viaggiare all'estero, ma deve rispettare le norme igieniche del paese in cui si trova.

In una videoconferenza informale dei ministri dell'Interno degli Stati Schengen all'inizio di giugno, molti ministri hanno espresso l'auspicio di un ritorno alla normalità e dell'abolizione dei controlli alle frontiere interne in Europa a partire dal 15 giugno. La possibilità di fare del turismo degli acquisti è stata ripristinata, mentre i valichi di frontiera che erano stati chiusi saranno riaperti.

Poiché ogni Paese stabilisce le proprie condizioni d'ingresso, gli svizzeri dovranno informarsi prima del viaggio. In alcuni paesi possono essere richieste anche quarantene all'arrivo o misure come l'uso di una maschera (ad esempio in Lombardia).

Va ricordato che i cittadini svizzeri non potranno viaggiare in tutti i Paesi europei. In particolare la Spagna, la seconda destinazione turistica al mondo, prevede di riaprire i suoi confini con gli altri Paesi dell'Unione europea solo il 21 giugno e con il Portogallo il primo luglio.

La Segreteria di Stato della migrazione (SEM) ha indicato all'agenzia Keystone-ATS che solo i cittadini o le persone con un permesso di soggiorno in un Paese dell'UE o dell'AELS o nel Regno Unito potranno entrare in Svizzera. A un turista proveniente dagli Stati Uniti o dalla Cina verrà negato l'ingresso.

Le restrizioni all'ingresso sono già state allentate lo scorso 16 maggio tra Germania, Austria e Svizzera. Le coppie transfrontaliere possono ora attraversare di nuovo il confine. È anche possibile visitare la famiglia, partecipare a un matrimonio o a un funerale, godersi la seconda casa o il proprio appezzamento di terreno. L'Italia aveva deciso unilateralmente di abolire le restrizioni all'ingresso per gli europei il 3 giugno. La Svizzera, tuttavia, lo ha ritenuto prematuro.

Dal canto suo, mercoledì la Commissione europea ha proposto una riapertura «graduale» delle frontiere esterne dell'UE a partire dal primo di luglio. Da questa data, i 27 prevedono di abolire le restrizioni con alcuni paesi terzi, tenendo conto «di un certo numero di principi e criteri» e sulla base di un «approccio comune» tra gli Stati membri, ha precisato mercoledì il vicepresidente Josep Borrell. Tuttavia, Bruxelles può solo esprimere un parere, la decisione finale spetta a ciascuno Stato membro.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
55 min
Ecco perché calano i contagi
La situazione epidemiologica odierna è figlia di diverse motivazioni. Dall'estensione del certificato alle vaccinazioni.
ZURIGO
2 ore
Monta la protesta dei guariti senza Certificato
Secondo alcuni studi, la risposta anticorpale è più duratura tra chi ha avuto il virus rispetto a chi è vaccinato.
SVIZZERA
3 ore
Coronavirus, in Svizzera 1'632 positivi e 5 vittime
Decisamente minore la pressione sugli ospedali, con i pazienti Covid in calo.
SVIZZERA
4 ore
«Volare costa troppo poco, ma le tasse non sono la soluzione»
Doppio “no” del Nazionale a un'imposta sui biglietti aerei e sul cherosene
SVIZZERA
4 ore
Più sicurezza nello sport
In Svizzera si contano ogni anno circa 420'000 infortuni. L'upi chiede un adeguamento delle disposizioni legali
SVIZZERA
5 ore
In Svizzera la pandemia sta rallentando
Contagi e ricoveri sono in calo, secondo il rapporto settimanale dell'UFSP. L'incidenza più bassa in Ticino
SVIZZERA
5 ore
Pazienti più giovani e sani in cure intense: cambiano le regole del triage
L'Accademia svizzera delle scienze mediche ha adeguato le sue linee guida.
ZURIGO
6 ore
Un bar nel mirino dei no-vax
Il Café Elena di Zurigo sta attirando critiche per aver cacciato dal suo locale il coronascettico Nicolas Rimoldi.
SVIZZERA
8 ore
«La pandemia sarà conclusa tra un anno»
Secondo Stéphane Bancel entro la metà del 2022 ci saranno «abbastanza dosi per vaccinare tutto il pianeta».
SVIZZERA
8 ore
Per nuovi allentamenti, «si smetta di trascurare i guariti»
Secondo Felix Schneuwly, esperto di salute di Comparis, «chi è stato infettato è una parte importante della soluzione».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile