Archivio Keystone
SVIZZERA
07.06.20 - 13:350

L'addio ai combustibili fossili è possibile

Lo sostiene uno studio che parla di un passaggio favorito da un mix energetico e tecnologico

BERNA - Una graduale ma completa eliminazione dei combustibili fossili come fonte di approvvigionamento di calore è possibile e conveniente entro il 2050. È quanto rivela un nuovo studio, secondo cui la rivoluzione termica potrà avere successo una volta fissate le necessarie condizioni quadro.

La ricerca, definita su «larga scala», è stata effettuata dall'alleanza economica Wärme Initiative Schweiz (WIS), che ne riferisce in un comunicato odierno. L'associazione riunisce varie organizzazioni e imprese attive nel settore delle energie rinnovabili.

Secondo lo studio, la conversione totale a una fornitura di calore rinnovabile e neutra in termini di CO2 nei prossimi trent'anni è fattibile seguendo due scenari. Nel primo, gli strumenti e le misure si concentrano su requisiti di legge e regolamenti. Nel secondo, ci si focalizza su incentivi economici e finanziari, come un rapido aumento della tassa sul CO2.

Per entrambi gli scenari serve un mix energetico e tecnologico. Il passaggio dal fossile al rinnovabile potrebbe essere attuato in modo economicamente vantaggioso in gran parte dei settori. Nelle abitazioni, la quota maggiore della fornitura proverrebbe da pompe di calore elettriche efficienti. In generale, bisognerebbe inoltre per esempio espandere i sistemi fotovoltaici, importare energia eolica e ottimizzare le capacità di stoccaggio.

Nella fase di transizione dal 2020 al 2050, la decarbonizzazione comporterebbe costi diretti e indiretti di 1,5 miliardi di franchi all'anno. Si tratta però di un investimento sensato, fa notare la WIS, soprattutto se paragonato ai 13 miliardi che la Confederazione paga ogni anno per importare combustibili fossili. Per di più, a livello di posti di lavoro, verrebbero creati 4000 equivalenti a tempo pieno.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Gli Stati danno ragione a Marina Carobbio: «Servono più medici»
Con una maggioranza risicata la Camera alta ha accolto una mozione della senatrice socialista.
SVIZZERA
1 ora
Altri 391 casi, ma la percentuale dei positivi è in calo
Il totale dei contagi dall'inizio dell'emergenza sale a 51'492. Le vittime sono almeno 1'776.
SVIZZERA
2 ore
Cantone che vai, misure anti-Covid che trovi
Berna dà il via libera ai grandi eventi, ma solo con la mascherina. E nel contempo riapre i "drive in".
SVIZZERA
2 ore
BNS: avanti con il contrasto del franco forte
La valutazione della moneta nazionale rimane «persistentemente elevata». Fusione UBS-CS? Solo «voci».
SVIZZERA
2 ore
Personale di volo e i danni della quarantena
Le associazioni di categoria chiedono di rivedere le norme, altrimenti si rischiano numerosi licenziamenti.
ZURIGO
4 ore
Violenta lite: morto un uomo, ferite due donne
La disputa famigliare è avvenuta nel quartiere zurighese di Wollishofen.
VAUD
4 ore
Da homo sapiens a homo sedens: «Gli open space sono come le carceri»
«L'ufficio, in tutte le sue forme, non rende felice il lavoratore», sostiene l'etnologo Pascal Dibie.
SVIZZERA
6 ore
L'auto non si noleggia, ci si abbona... da Mobilezone
La catena ha instaurato una collaborazione con la start-up per offrire consulenza nei suoi negozi di cellulari
SVIZZERA
6 ore
Parlamento: protezione dati, cambio sesso e cultura
Giornata impegnativa per Consiglio nazionale e Consiglio degli Stati, che lavoreranno fino in serata
SONDAGGIO TAMEDIA
8 ore
Jet, caccia, congedo... Cosa pensate dei temi in votazione?
È sempre più vicino l'appuntamento alle urne: partecipate al sondaggio di 20Minuti e Tamedia
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile