Immobili
Veicoli
Archivio Keystone
Attualità
03.06.20 - 14:370

L'export di materiale bellico «non è un segreto»

Mister Dati ritiene che la SECO debba fornire l'elenco delle esportazioni richiesto da un giornalista

BERNA - La Segreteria di Stato dell'economia (SECO) dovrebbe consegnare a un giornalista l'elenco relativo al materiale bellico esportato da produttori svizzeri. È il parere di Adrian Lobsiger, l'Incaricato federale della protezione dei dati e della trasparenza, secondo cui l'interesse pubblico è preponderante rispetto alla volontà delle aziende di mantenere il riserbo.

Nel maggio dello scorso anno, un giornalista ha chiesto alla SECO di fornire una lista delle esportazioni autorizzate suddivise per categoria e valore, afferma Mister Dati sulla propria pagina web. Il cronista aveva basato la sua domanda sulla Legge sulla trasparenza (LTras).

A essere interessati sono il materiale bellico e altre attrezzature militari speciali nel periodo fra il 2015 e il 2018. Le società coinvolte si sono opposte, ma Lobsiger contesta tale resistenza. A suo avviso, i loro nomi non appartengono alla categoria che richiede una particolare protezione dei dati. Peraltro, la necessità di tutelare sotto questo punto di vista le imprese è inferiore a quanto accade per le persone fisiche.

Stando a Lobsiger, non tutte le divulgazioni di dati portano a una violazione della privacy. Conseguenze minori o semplicemente spiacevoli non bastano a giustificare un interesse privato prevalente. In poche parole, è vero che la pubblicazione di un elenco del genere può avere ripercussioni negative per le aziende nell'immediato (per esempio un'aumentata esposizione mediatica), ma questo non è sufficiente a negare l'accesso.

Per Mister Dati il nome di una società e il tipo di materiale bellico non possono essere considerati segreti d'affari. È per di più difficile immaginare come i produttori pensino di mantenere nell'ombra il ruolo di esportatori e la propria gamma considerando il fatto che ogni anno si tengono fiere a tema bellico e simili, dove le stesse aziende offrono la loro merce.

Per quel che concerne un ipotetico danno d'immagine, Lobsiger rileva che l'export con licenza viene effettuato in conformità ai requisiti di legge e che l'attività commerciale si basa su una libera e consapevole scelta imprenditoriale. Nonostante ciò, vi è da ricordare che la SECO, nell'agosto 2016, ha respinto una richiesta identica a quella attuale ma incentrata sul 2014.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FRANCIA / SVIZZERA
4 ore
«Complice di crimini contro l'umanità». Socia di Holcim sotto accusa
Avrebbe versato diversi milioni nelle casse dello Stato Islamico e ad altre organizzazioni per un impianto di cemento
SVIZZERA
8 ore
Superata la soglia dei 50'000 profughi ucraini in Svizzera
Continua incessante l'esodo di persone in fuga dalla guerra. La SEM: «401 iscrizioni nelle ultime 24 ore».
SVIZZERA
12 ore
Black-out di guerra: ecco il piano
Interruzioni prolungate dell'elettricità avrebbero «conseguenze devastanti» sulla Svizzera. Il governo vuole prevenirle
SVIZZERA
14 ore
Acquisto F-35, Berna non perde tempo (e non aspetta il voto)
Il Consiglio federale, preoccupato del «deterioramento della situazione in materia di sicurezza», corre ai ripari.
FRIBURGO
15 ore
Certificati Covid: chi li regalava, chi li vendeva, chi se li teneva
Le persone interpellate lavoravano tutte al centro di depistaggio di Granges-Paccot.
SVIZZERA
16 ore
«Sorrisi e stereotipi per spingere gli svizzeri a mangiare carne»
L'associazione ambientalista Greenpeace denuncia «le tattiche pubblicitarie sporche» dell'industria della carne
BASILEA CAMPAGNA
17 ore
Trovato un pollice mozzato
Il dito è stato rinvenuto nel retro di un condominio con annesso ristorante. La sua provenienza è tuttavia ignota.
SVIZZERA
17 ore
«Va migliorata la comunicazione in tempo di crisi»
È una delle raccomandazioni del Consiglio svizzero della scienza che ha analizzato la gestione della pandemia
SVIZZERA
17 ore
Stato sociale? Aiuto allo sviluppo? «No, tocca all'esercito»
Per il consigliere agli Stati Werner Salzmann (UDC) l'esercito ha perso capacità negli ultimi anni.
BERNA
1 gior
Cassis tratta «gli scagnozzi di Putin» con i guanti?
La Svizzera non ha comunicato l'espulsione di alcun diplomatico russo. Ciò non vuol dire che siano ancora tutti qui
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile