Immobili
Veicoli
La sicurezza dei mezzi pubblici svizzeri non è in discussione
Archivio Keystone
SVIZZERA
25.05.20 - 09:590
Aggiornamento : 11:15

La sicurezza dei mezzi pubblici svizzeri non è in discussione

L'Ufficio federale dei trasporti ha pubblicato il suo ultimo rapporto sulla sicurezza dei trasporti pubblici

BERNA - L'elevato livello di sicurezza dei mezzi di trasporto pubblici in Svizzera ha trovato conferma anche nel 2019. Lo riferisce l'Ufficio federale dei trasporti (UFT), che ha pubblicato oggi il suo rapporto sulla sicurezza.

Cifre e cause - Nel 2019 sono stati notificati 212 incidenti gravi che hanno interessato i trasporti pubblici: 25 sono stati i morti e 161 i feriti gravi. Tra le vittime non figura alcun passeggero. Nel confronto quinquennale - precisa l'UFT - il numero degli incidenti gravi e dei feriti gravi risulta relativamente elevato, mentre quello delle vittime è piuttosto basso.

Il maggior numero di incidenti registrati riguarda i bus e i tram. E nella maggioranza dei casi, la causa è da ricercare nel mancato rispetto delle norme stradali da parte di altri utenti. Altre cause ricorrenti sono la disattenzione dei viaggiatori e l'imprudenza.

Più sicuro che mettersi al volante - Viaggiare sui mezzi pubblici in Svizzera risulta quindi molto più sicuro che spostarsi per mezzo del traffico individuale. Una valutazione del periodo 2008–2017 condotta dall'Ufficio federale di statistica mostra che il rischio di perdere la vita in auto è 59 volte maggiore rispetto a chi viaggia in treno se si considerano i passeggeri-chilometri.

In termini di confronto a livello europeo, la Svizzera risulta il secondo paese più sicuro per quanto concerne i mezzi di trasporto pubblici.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
lollo68 2 anni fa su tio
Il prezzo per 3 zone (70 franchi per una famiglia di 6 persone) è 15 volte più caro dell'auto, senza abbonamenti vari e metà prezzo. Con gli abbonamenti andare a Lugano ci costa comunque ancora 46.40 franchi! Chi si può permettere di usare i mezzi pubblici anche se più sicuri?
Maxy70 2 anni fa su tio
Fa la sua parte anche una dis-informazione contraddittoria e caotica: mascherina si, mascherina no, tampone si, tampone no, ogni "asino" dice la sua, a torto o a ragione. Occorre una direttiva chiara, coerente, e soprattutto obbligatoria per tutti. I locali che rispettano distanziamento e controllo degli ingressi ci perdono e chi se ne frega guadagna. Questo é deleterio perchè chi agisce in modo responsabile si sente il "fesso di turno".
Summerer 2 anni fa su tio
@Maxy70 Non c'è disinformazione. Il governo svizzero, attraverso il BAG ha dato chiare informazioni. La mascherina non è obbligatoria ma consigliata. Basta pubblicare psueudo false informazioni... NON è obbligatoria.
Maxy70 2 anni fa su tio
@Summerer Per fortuna! 9 su 10 convinti che la mascherina protegga chi la indossa. È l'esatto contrario, ergo: se non la porto metto in pericolo GLI ALTRI. Non ho il diritto di mettere il mio prossimo in pericolo. Deve essere obbligatoria laddove (= quasi sempre) non sia possibile mantenere la distanza "sociale".
Summerer 2 anni fa su tio
@Maxy70 Se non si garantisce la distanza sociale, si alla mascherina. Per il resto non concordo ed è falso cio' che dici, perché la mascherina non impedisce la propagazione del virus... e non protegge dal virus, è falsa informazione che trovi sui giornalis spazzatura. La mascherina NON protegge... puo' aiutare, ma non protegge. Ecco perché si dice che da una sensazione di protezione, completamente falsa, leggi sul BAG / OMS
Maxy70 2 anni fa su tio
Nessuno ha mai discusso la sicurezza e la qualità dei mezzi pubblici in Svizzera. L'attuale timore, giustificato, é quello di contrarre il COVID, ovviamente! Io li vedo passare stracolmi, nell'ora di punta, e pochissimi passeggeri con la mascherina. Ricordiamo che la mascherina serve quale protezione RECIPROCA, per impedire di diffondere le famose "goccioline", starnutendo, tossendo o starnazzando (almeno questo si potrebbe evitare)!
Norvegianviking 2 anni fa su tio
@Maxy70 Vallo a spiegare al 90% dei ticinesi e al 99% degli zucchini. Forse hanno tutti già scordato la folla nelle terapie intensive. Altrimenti non si giustificherebbe tanta superficialità per strada, sui mezzi pubblici e nei bar e ristoranti.
Summerer 2 anni fa su tio
@Norvegianviking Io sono stanco della tua disinformazione. Ignori le leggi svizzere (regole del WTO / OMS) ed in piu' con arroganza commenti. La Svizzera, con gli svizzeri e gli stranieri residenti, devono seguire le regole del BAG che consiglia ma non obbliga l'uso di mascherine. Se tu vuoi usare la mascherina fallo... ma non obbligare gli altri, inoltre offendendo gli svizzeri (90% TI e 99% zucchini)!
Summerer 2 anni fa su tio
@Norvegianviking non fornischi nessun fatto / non rapporti statistiche o leggi. Nesssuno in Europa obbliga, se non in italia, la mascherina ovunque. Qui non siamo in italia... ma in Svizzera. Non si va al BAR con la mascherina, inutile. Al ristorante? ridicolo... In strada? per piacere inutile. Lasciamo fare a gente che non ha capito l'uso della mascherina.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Vaiolo delle scimmie: terzo caso in Svizzera
Lo ha indicato l'Ufficio federale della sanità pubblica
SVIZZERA
7 ore
Pipistrelli, ratti, scimmie e... cammelli: cosa dobbiamo aspettarci dalle zoonosi del futuro
Ce lo spiega l'epidemiologo dell'Uni di Berna Christian Althaus: «Animali che contagiano l'uomo? Non è una novità»
FOTO
SOLETTA
12 ore
Colpita da una pianta a bordo fiume, grave una donna
L'incidente è avvenuto poco prima di mezzogiorno a Olten, sulle rive dell'Aare.
APPENZELLO ESTERNO
12 ore
Scivola sulla neve, cade e perde la vita
Il corpo del 44enne è stato trovato per caso da alcuni escursionisti sul massiccio dell'Alpstein
SVIZZERA
13 ore
Tanta Ucraina, pochissimo clima e un po' di Bruxelles al WEF
Dopo una pausa di due anni dovuta alla pandemia, è stato un vertice praticamente monotematico quello di Davos.
GRIGIONI
15 ore
In trenta alla manifestazione per il clima
Scarsissima partecipazione all'azione organizzata a margine del Forum economico mondiale.
SVIZZERA
16 ore
Ultimo sprint dopo una maratona durata cinque anni
A Davos, Ignazio Cassis ha promosso «in modo mirato» la candidatura svizzera al Consiglio di sicurezza dell'Onu.
URI
18 ore
A ripulire il monumento ci hanno pensato alcuni cittadini
Il restauro dell'opera presente nelle Gole della Schöllenen rischiava di diventare un vero e proprio caso diplomatico.
SVIZZERA
19 ore
Come ti aggiro le sanzioni
Gli operatori di viaggio della Federazione Russa continuano a offrire vacanze in Europa occidentale, Svizzera compresa.
VAUD
19 ore
Non rispetta la precedenza, deceduto un ciclista
Incidente fatale nel canton Vaud. L'intervento immediato dei soccorsi non ha potuto evitare il peggio.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile