Deposit - foto d'archivio
BASILEA CITTÀ
15.05.20 - 06:010
Aggiornamento : 09:55

«Zero comprensione dalla scuola, devo lasciare la Svizzera»

La decisione drastica di una mamma che ha deciso di non mandare la figlia a scuola, per salvaguardare il fratellino.

«Dopo 12 anni avrei ricevuto il passaporto svizzero. Ma ora devo andarmene»

BASILEA - «Per la mia famiglia correre il rischio non è un’opzione percorribile. E non ci sono state date alternative». Inizia così il lungo sfogo di una donna di origini italiane ma residente a Basilea da 12 anni. Lei, a un passo dalla cittadinanza svizzera, ha deciso di tornare a vivere oltreconfine. Il motivo? La riapertura delle scuole e la sua scelta di tenere a casa la figlia più grande, in procinto di finire la prima elementare, per salvaguardare la salute del più piccolo, nato quasi cinque mesi fa.

Il bimbo è nato nel periodo natalizio. La gioia si è tramutata quasi subito in terrore, perché non respirava. È stato intubato ed è rimasto in ospedale per settimane. Con il passare del tempo è migliorato ed è tornato a casa, ma nonostante ben otto pagine di cartella clinica, non è stato possibile emettere una chiara diagnosi. Quando a fine febbraio è scoppiata anche in Svizzera l’epidemia, la paura della famiglia è tornata, considerato poi che il Covid-19 crea problemi respiratori.

La mamma si è quindi recata dalla pediatra chiedendo un certificato medico che indicasse il piccolo come “persona a rischio”, per giustificare l’assenza da scuola della figlia maggiore e scongiurare il rischio di contagio. «Con l’insegnamento a distanza, da metà marzo, la bimba ha fatto molti progressi. Nonostante tutto può concludere la prima elementare avendo acquisito le competenze richieste».

Ma l’angoscia è tornata quando è stata annunciata la riapertura delle scuole per l’11 maggio. «Vige l’obbligo scolastico - spiegava nelle faq l’UFSP -. I genitori devono mandare i figli a scuola. La scuola può trovare soluzioni individuali per i bambini i cui genitori sono persone particolarmente a rischio». Ma qui a rischio non sono i genitori e neppure la bambina di prima elementare. E «non c’è nulla che attesti che il nostro bimbo di 5 mesi sia ufficialmente nella “categoria a rischio” - aggiunge la madre -, perché causa lockdown non è stato possibile effettuare tutti gli accertamenti. Non essendoci una diagnosi precisa e definita, la pediatra non può farci alcun certificato e la scuola non accetta che teniamo la bambina a casa». 

La famiglia teme il contagio più di ogni altra cosa e si sente costretta a ricorrere alla soluzione più estrema: andarsene. L’Italia accetta il rimpatrio per gravi e urgenti motivi di salute. «Per cui, dopo 12 anni in Svizzera e a un passo dalla cittadinanza, il nostro percorso elvetico si conclude a malincuore qui. Rimarrà solo mio marito, con il suo lavoro». Mamma e tre bambini si trasferiranno a casa dei nonni, la bambina inizierà la didattica a distanza fino a giugno e non perderà l’anno.

«In questo periodo ho letto e sentito di un sacco di casi come il mio - conclude la donna -. Credo di essere l'unica ad aver preso una scelta così drastica, ma quello che mi è successo a dicembre mi ha segnato parecchio. Mi auguro con tutto il cuore che la situazione rimanga sotto controllo e che il mio sia stato un eccesso di cautela».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
55 min
Anziani: più problemi di salute mentale a causa del Covid
Il centro svizzero-tedesco per i reclami della terza età lo scorso anno è stato contattato 697.
SVIZZERA
3 ore
Pericolo listeriosi dall'insalata
I lotti interessati dovrebbero essere stati venduti alle Migros di Vaud, Vallese e Ginevra
SVIZZERA
4 ore
Anche i media online riceveranno dei contributi
Il plenum ha deciso di fissare al 60% del giro d'affari la percentuale massima del contributo
ZURIGO
5 ore
Passaporto vaccinale? «Stiamo guardando all'Europa»
Alain Berset in visita nel Canton Zurigo fa il punto sulla pandemia
SVIZZERA
5 ore
Gli insegnamenti della pandemia: la salute passa dalla psiche
Secondo l'Accademia di medicina umana, troppo spesso ci si concentra solo sul fisico, dimenticando la mente
BERNA
6 ore
«Non abbiamo ancora abbastanza vaccini»
I negozi svizzeri sono aperti. In diretta da Berna gli esperti della Confederazione e dei Cantoni.
SVIZZERA
7 ore
Coronavirus in Svizzera, 1'130 contagi e 16 decessi
Nelle ultime ventiquattro ore l'ospedalizzazione si è resa necessaria per 57 persone col Covid
SVIZZERA
8 ore
Il Covid-19 affossa le auto... ma le elettriche sorridono
In un 2021 straziante per quanto riguarda la vendita dei veicoli, c'è chi ha sofferto meno
SVIZZERA
8 ore
Scatta l'inchiesta sull'aereo precipitato nel Lago di Costanza
L'indagine è stata ufficialmente avviata dal Servizio d'inchiesta svizzero sulla sicurezza
ZURIGO 
9 ore
Multa milionaria per il collezionista d'arte Schwarzenbach
Il miliardario è accusato di aver importato in Svizzera 83 opere senza sdoganamento.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile