Immobili
Veicoli
Archivio Keystone
SVIZZERA
16.04.20 - 14:240

Il canone radio-tv scende a 335 franchi

Lo ha deciso oggi il Consiglio federale. La novità entrerà in vigore a partire dal 2021

BERNA - Dal 2021 il canone radiotelevisivo scenderà dagli attuali 365 franchi a 335 franchi per tutte le economie domestiche private in Svizzera. È quanto ha deciso oggi il Consiglio federale.

Il precedente sistema del canone prevedeva il pagamento di 451 franchi, importo sceso a 365 franchi il primo gennaio 2019, viene ricordato in un comunicato governativo. A seguito di una verifica delle tariffe, l'esecutivo ha ora deciso un'ulteriore diminuzione dell'importo, che sarà portato appunto a 335 franchi.

Il canone a carico delle collettività, cui sono assoggettate ad esempio le case di riposo, di cura o dello studente, ammonterà a 670 franchi invece degli attuali 730 franchi. Le persone beneficiarie di prestazioni complementari all'AVS/AI continueranno a essere esentate.

La riduzione delle tariffe è possibile grazie al fatto che il numero di economie domestiche assoggettate al pagamento è aumentato di più rispetto a quanto originariamente ipotizzato. In aggiunta, meno persone hanno chiesto l'esonero.

Nuova struttura per le imprese - Il Consiglio federale ha inoltre deciso di affinare la struttura tariffale per le imprese: invece delle 6 attuali categorie ne ha ora definite 18. Tutte le imprese con una cifra d'affari annua inferiore a 500'000 franchi continueranno a essere esonerate dal canone.

Le imprese con un fatturato annuo compreso tra 500'000 e 749'999 franchi pagheranno in futuro un canone di 160 franchi, pari a uno sgravio di 205 franchi. Per il 93% delle aziende circa, la fattura del canone sarà più bassa dal 2021. Nel complesso si tratta di uno sgravio di 53,3 milioni e solo le grandi aziende con un fatturato superiore al miliardo saranno chiamate a pagare di più.

Compensazione calo pubblicità - Il Consiglio federale ha anche deciso di aumentare di 50 milioni di franchi la quota di partecipazione al canone della SSR, permettendole di compensare parzialmente il calo degli introiti pubblicitari. La SSR prevede tuttavia minori ricavi complessivi e l'attuazione di ulteriori misure di risparmio. In futuro la quota di partecipazione al canone sarà di 1,25 miliardi di franchi.

Le emittenti radiotelevisive private titolari di una concessione e con partecipazione al canone continuano a ricevere il 6% dei proventi del canone, ciò che esaurisce il margine di manovra concesso dalla Legge federale sulla radiotelevisione (LRTV). Però, visto il leggero aumento degli introiti, con questo 6% anche le emittenti radiotelevisive private avranno più mezzi a disposizione.

Inoltre, dal 2019 la Confederazione partecipa con un massimo di 2 milioni di franchi ai costi scoperti delle prestazioni dell'agenzia Keystone-ATS aventi diritto al sostegno. Ora il tetto massimo sarà innalzato a 4 milioni di franchi: ciò dovrebbe permettere di reagire a sviluppi sfavorevoli del mercato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
I dati di migliaia di clienti Swiss Pass liberamente accessibili
A inizio gennaio è stata scoperta una falla di sicurezza nella piattaforma per la vendita dei biglietti
ZURIGO
1 ora
Da certificato Covid a documento per controllarti?
Alain Berset attende con ansia la fine del suo utilizzo, che potrebbe arrivare per marzo.
SVIZZERA
1 ora
In Svizzera la vaccinazione dei bambini stenta a decollare
La quota nazionale è del 5,2%. L'adesione più alta si registra a Basilea Campagna e Basilea Città
SVIZZERA
2 ore
L'esercito distribuisce mascherine scadenti?
Giacciono da mesi nei magazzini militari. E vengono vendute ai Cantoni a prezzo simbolico. È polemica
SVIZZERA
3 ore
Prova sirene alle porte, ecco quando non dovrete spaventarvi
Il test, essenziale per verificare il loro corretto funzionamento in caso di emergenza, avrà luogo mercoledì 2 febbraio.
SVIZZERA
5 ore
Aiuto ai media: si profila un classico Röstigraben
In Romandia le misure di sostegno statale sono viste meglio rispetto alla Svizzera tedesca
SVIZZERA / RUSSIA
13 ore
Il conflitto russo-ucraino, un rischio anche per la Svizzera
L'Europa (e anche il nostro paese) potrebbero restare senza il gas proveniente dalla Russia. Ecco gli scenari
SVIZZERA
15 ore
Liberi tutti già il mese prossimo?
Associazioni di categoria e alcuni politici chiederanno la revoca delle restrizioni in vigore già il prossimo mese.
SVIZZERA
1 gior
Boom di suicidi giovanili: «Abbiamo uno stato di emergenza»
Più 50%, rispetto al 2020, alla Clinica universitaria di psichiatria infantile e adolescenziale di Berna.
SVIZZERA
1 gior
Pierin Vincenz alla sbarra
Si aprirà martedì il processo all'ex Ceo di Raiffeisen
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile