Emiliano Pellegrino
+3
VAUD
24.03.20 - 12:360

Cinquecento pizze per dire grazie

Un italiano a Losanna ha deciso di dimostrare la sua gratitudine al personale del CHUV.

«Loro salvano vite, io ho chiuso il ristorante ma do da mangiare a loro».

LOSANNA - Semplicemente grazie. A chi in questo periodo si sta prodigando notte e giorno per prendersi cura delle persone che vengono contagiate dal coronavirus, che stanno male e hanno bisogno di cure. In Ticino, ma anche nel resto della Svizzera, si moltiplicano le dimostrazioni di affetto e gratitudine nei confronti del personale che lavora negli ospedali, dai medici agli infermieri, dagli Oss fino a chi si occupa delle pulizie, gli assistenti e anche i militi della protezione civile nelle tendine. 

Applausi ai balconi, striscioni, post sui social. La scorsa settimana avevamo anche parlato di un gesto di solidarietà all’ospedale Civico di Lugano, dove erano state consegnati pizze, panini e brioche per il personale, oltre a acqua, frutte e Red Bull. 

Un’altra bella iniziativa arriva da Losanna, come riferisce Le Matin, dove un italiano che (come tutti gli altri) ha dovuto chiudere il suo ristorante, è pienamente operativo per preparare pizze per il personale del Centro ospedaliero universitario (CHUV). Lui si chiama Emiliano Pellegrino e ieri ha consegnato 100 pizze per pranzo, sufficienti a sfamare un intero piano del nosocomio.

Ma non si ferma. Vuole raggiungere le 500 pizze in tutta la settimana. «Desidero dimostrare loro la nostra gratitudine - spiega a Tio/20minuti -. Le farò pervenire in tutti i reparti. Loro sono lì per salvare le vite e per me è un piacere dargli da mangiare».

Ed è proprio la consegna delle pizze che al CHUV, accolta con grandi sorrisi - seppur dietro alla mascherina -, a dargli la carica: «Supereremo questo momento perché siamo tutti uniti. Io sento il calore delle persone che mi sostengono e con quello del mio forno preparo pizze per chi salva delle vite».

Emiliano Pellegrino
Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVITTO
4 ore
Auto nel pendio, un morto
Grave incidente ieri pomeriggio a Muotathal. Due feriti e un decesso
SVIZZERA
10 ore
Noto attivista Corona-scettico finisce in cure intense con il virus
Il 66enne François de Siebenthal si è opposto pubblicamente alle disposizioni sanitarie decise dal Governo federale.
FOTO
SVIZZERA
13 ore
«Tutte le persone presenti su quell'aereo devono testarsi»
L'UFSP ha scritto un SMS a tutti i passeggeri del volo atterrato questa mattina a Zurigo e proveniente da Johannesburg.
SVIZZERA
14 ore
Nuove Covid-restrizioni a Neuchâtel e San Gallo
Nel cantone romando scatta l'obbligo di mascherina in musei, cinema e chiese. Fortemente raccomandato il telelavoro.
SVIZZERA
15 ore
Licenziati cinque militari no-vax
Facevano parte del Comando forze speciali e senza vaccino non avrebbero potuto effettuare missioni all'estero.
FOTO
ARGOVIA
15 ore
Con il 2.6 per mille combina un disastro
Ieri sera a Mellingen, una 37enne si è messa alla guida della sua automobile completamente ubriaca. Pessima idea.
SVIZZERA
16 ore
La selezione dei pazienti? «È eticamente devastante»
Con le terapie intensive che si riempiono presto i medici dovranno di nuovo effettuare il tanto temuto "triage".
SVIZZERA
19 ore
L'industria degli eventi si prepara alle restrizioni
La regola delle 2G piace alle discoteche. A Zurigo un concerto punk-rock aggiunge il requisito del test antigenico
ZURIGO
1 gior
Quanto è pericolosa Omicron?
Potrebbe essere peggiore della già temibile delta. La parola agli esperti
SVIZZERA
1 gior
Omicron, chiudono i voli diretti con l'Africa australe
La decisione comunicata in serata, dopo l'emergenza della nuova variante, è valida a partire dalle ore 20 di oggi.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile