keystone-sda.ch (JEAN-CHRISTOPHE BOTT)
Al centro della foto, Yves Ravenel scende le scale del Gran Consiglio vodese
VAUD
10.01.20 - 14:250

Lampadine in frantumi e minacce di morte hanno portato alla condanna di Ravenel

Il presidente democentrista del Gran Consiglio vodese ha svelato il decreto d'accusa a suo carico

di Redazione
Ats

LOSANNA - Il presidente del Gran Consiglio vodese Yves Ravenel (UDC) ha consegnato al quotidiano 24 Heures il decreto d'accusa con cui in agosto è stato condannato per le minacce proferite contro la moglie, quando la coppia stava per divorziare. Martedì farà sapere se intende lasciare o meno la propria carica.

Contattato da Keystone-ATS, Ravenel ha suggerito di rivolgersi al presidente della sezione cantonale del partito, Kevin Grangier, il quale ha confermato la trascrizione apparsa sul giornale. Secondo quanto si legge, nel gennaio 2019 il primo cittadino vodese ha rotto alcune lampadine brandendo una scopa fuori dall'abitazione della moglie, dalla quale stava divorziando e di cui era vicino di casa.

Stando al decreto d'accusa, Ravenel era molto innervosito dalle luci esterne accese. Per questo ha distrutto quelle sulla terrazza e quelle sopra la porta d'entrata della donna, che, impaurita, si trovava in casa, a circa un metro da lui. Il politico ha infine lanciato la scopa verso la consorte, un punto che il diretto interessato contesta.

Il sindaco di Trélex (VD) è anche stato condannato per un altro episodio, del settembre 2016. Il decreto d'accusa riporta che Ravenel, in quell'occasione, ha minacciato la moglie dicendole che un giorno l'avrebbe uccisa se avesse continuato ad agire così in merito alle questioni finanziari del divorzio. Sul momento però la donna non si era particolarmente allarmata o spaventata.

Per i due fatti, il Ministero pubblico ha inflitto all'uomo per minaccia qualificata e tentativo di minaccia qualificata una pena pecuniaria di 60 aliquote giornaliere da 80 franchi l'una, sospese con la condizionale per due anni, oltre a una multa di 960 franchi. Dovrà inoltre farsi carico di spese procedurali e indennità alla parte avversa per circa 5000 franchi.

In un primo tempo, il presidente del legislativo cantonale si era opposto alla decisione della procura, il che avrebbe portato a un processo alla fine di gennaio. In un secondo momento ha poi cambiato idea, accettando la condanna per decreto d'accusa.

Lo scandalo, scoppiato qualche giorno fa, ha gettato nel caos l'UDC. Ravenel ha rinunciato a dirigere la seduta del Gran Consiglio di tre giorni fa, precisando poi che martedì annuncerà direttamente ai colleghi in parlamento come intende muoversi. Socialisti, verdi e sinistra radicale invocano le sue dimissioni.

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Il Badrutt's Palace chiude (non si sa per quanto)
Il famoso hotel accusa il calo di visitatori e un focolaio di Covid. A casa 440 dipendenti
ARGOVIA
2 ore
Macabra scoperta sulle rive della Limmat
A Würenlos è stato rinvenuto un cadavere, al momento senza identità.
ITALIA / SVIZZERA
3 ore
Un ex manager di UBS per Unicredit?
Il nome di Andrea Orcel ha fatto salire le quotazioni del titolo alla borsa di Milano
SVIZZERA
4 ore
Col telelavoro, la mobilità è crollata
La costante diminuzione degli spostamenti è stata registrata a partire dallo scorso ottobre
GINEVRA 
5 ore
Oms: finita la quarantena gli esperti inizieranno i lavori a Wuhan
«Tra poco cambieremo scenario... se tutto va bene», ha scritto su Twitter una scienziata della squadra.
SVIZZERA
6 ore
Picnic su treni e bus, si valutano regole (e multe)
L'UFSP è in contatto con FFS e AutoPostale per trovare soluzioni a una questione che suscita malumori.
SVIZZERA
6 ore
«È inevitabile: il virus mutato sarà presto quello principale»
Così Martin Ackermann, che ha parlato nell'ambito del consueto punto informativo sulla pandemia
SVIZZERA
6 ore
Meno di 2'000 contagi in 24 ore: sono 1'884
Era da inizio ottobre (weekend e festivi esclusi) che non si registravano così pochi casi in un giorno.
CANTONE / SVIZZERA
8 ore
In Svizzera quasi 200'000 persone vaccinate
Nel nostro cantone le dosi sono state sinora somministrate a 11'815 persone
SVIZZERA
10 ore
Il turismo contro il divieto: «Sarebbe dannoso»
L'industria svizzera del turismo è preoccupata di un'eventuale approvazione dell'iniziativa il prossimo 7 marzo.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile