Keystone (archivio)
ZURIGO
12.12.19 - 15:550
Aggiornamento : 16:44

Una piazza per Köbi Kuhn? «Prima vi sono diverse donne da onorare»

Due consigliere comunali fanno scoppiare la polemica attorno all'idea di dedicare la piazza di Wiedikon all'allenatore della Nazionale da poco scomparso

di Redazione
ats

ZURIGO - Intitolare una piazza a Köbi Kuhn? L'idea di farlo a Zurigo si sta facendo strada - e un cartello non ufficiale (vedi foto) esiste ormai da anni - ma nel frattempo giunge anche l'altolà di due consigliere comunali: vi sono molte donne da onorare, prima di pensare al celebre calciatore e allenatore deceduto di recente.

A Wiedikon, quartiere dove Kuhn è nato e cresciuto, da oltre un decennio esiste una "Köbi Kuhn Platz WM 2006", con tanto di insegna blu non molto dissimile a una autentica, per ricordare la qualificazione della nazionale di calcio elvetica ai campionati mondiali in Germania. Dopo la morte, il 26 novembre scorso all'età di 76 anni, vi è chi vorrebbe ufficializzare la cosa: «La sindaca Corine Mauch ha già espresso pubblicamente la sua simpatia per questa possibilità», ha detto il suo portavoce in dichiarazioni riportate oggi dal Blick.

A contrastare questi piani intervengono però ora aspetti di sensibilità politica femminile. «Ci sono molte donne altrettanto note come Köbi Kuhn e che hanno fatto altrettanto bene», ha detto a Radio Energy Katharina Prelicz-Huber, consigliera comunale e nazionale dei Verdi. Donne che hanno aspettato molto più a lungo la loro piazza. «Ecco perché vogliamo prima le donne e poi volentieri anche Köbi Kuhn». Insieme alla sua collega di partito Elena Marti, la deputata ha presentato un postulato al consiglio comunale chiedendo che le strade e le piazze della città di Zurigo siano intitolate soprattutto a personalità femminili, riferisce il Blick.

Una cerimonia funebre di commemorazione di Kuhn è prevista domani al Grossmünster, il duomo di Zurigo. Figlio di un operaio e cresciuto in condizioni modeste, Kuhn ha sempre goduto di una popolarità che travalicava la sua città. Bandiera dello Zurigo, con cui giocò per 17 anni conquistando sei campionati e cinque coppe, è stato anche centrocampista della nazionale. Ha poi allenato lo Zurigo, la nazionale Under 21 e infine la nazionale maggiore.

Molto seguite dalla stampa furono anche le sue vicende personali. Alla sua morte i commentatori hanno fatto a gara per ricordarlo come personalità d'eccezione ed esponente di un mondo del calcio e della nazionale che non esiste più.

Keystone (archivio)
Guarda le 2 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Esse 7 mesi fa su tio
Se le 2 tizie avevano delle donne meritevoli di onoreficenze e non hanno fatto nulla di efficace per promuoverle dovrebbero prendersela col loro operato non con chi ci riesce
cle72 7 mesi fa su tio
Quanti commenti sessisti! Complimenti a voi...Molto probabilmente a voi manca qualcosa...Lo si evince dalla bassezza dei commenti finali. Frustrazione pura!
volabas 7 mesi fa su tio
@cle72 quello che manca a noi (voi detto da te) non lo sappiamo, e ti saremmo immensamente grati se ce lo fai sapere; per contro quello che manca a te noi lo sappiamo, buon pomeriggio
albertolupo 7 mesi fa su tio
Una piazza per commemorare un allenatore che è riuscito praticamente da solo a far eliminare la sua squadra agli ottavi di finale di un mondiale? Ah beh... Ah no, è vero: è riuscito a fare in modo che un portiere uscisse da un mondiale agli ottavi, senza subire nemmeno un gol nei tempi regolamentari... bravo però.
volabas 7 mesi fa su tio
Qualche giorno fa si parlava su questo blog della tendenza dei possibili regali per natale, si contemplava anche un vibratore...ecco, a queste due verdicchie gioverebbe sicuramente suddetto regalo, magari si stressano meno loro, e non rompono i maroni alla gente.
F.Netri 7 mesi fa su tio
Ste donne rosso-verdi sono insopportabili!
miba 7 mesi fa su tio
@F.Netri Insopportabili perché sono peggio dei fondamentalisti islamici, perché sono probabilmente frustrate e sono frustrate perché gli mancherà qualcosa.... :):):)
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
24 min
Mancano macchinisti, le FFS sopprimono alcuni treni
La crisi del coronavirus ha ulteriormente messo in difficoltà le Ferrovie federali.
SVIZZERA
2 ore
«Il virus sta aumentando». Spagna nella lista nera. A rischio le donne incinte
Dalla decisione sono al momento escluse le Isole Baleari e le Isole Canarie
SVIZZERA
2 ore
Chi torna dalla Spagna dovrà mettersi in quarantena
Chiunque rientrerà dal Paese iberico dovrà annunciarsi alle autorità cantonali.
SVIZZERA
3 ore
Altri 181 casi e un ricovero, ma nessun decesso
Il totale dei contagi dall'inizio dell'emergenza sale a 35'927. I decessi sono 1'706.
SVIZZERA
3 ore
«Molti hanno problemi respiratori anche dopo essere stati dimessi»
L'ospedale di Friburgo ha analizzato i dati dei pazienti ospedalizzati con un'infezione da Sars-CoV2 tra marzo e aprile.
SVIZZERA
4 ore
Migliorano le stime del PIL svizzero
Il KOF prevede ora una flessione leggermente meno marcata di quanto precedentemente ipotizzato.
SVIZZERA
5 ore
«La crisi ha mostrato l'importanza della libera circolazione»
Per l'Usam un sì all'iniziativa "per un'immigrazione moderata" affosserebbe le PMI elvetiche.
SVIZZERA
7 ore
Vaccino, accordo più vicino: «Questione di ore»
La Svizzera sta per concludere un contratto d'acquisto per la fornitura del farmaco che viene sviluppato da Moderna.
VAUD / FRANCIA
17 ore
Sedicenne vodese annegato a Marsiglia
Il giovane si trovava nel sud della Francia con la famiglia. Sotto shock i suoi compagni di classe
SVIZZERA / BELGIO
20 ore
Il Belgio toglie Vaud e Vallese dalla zona rossa
Da domani i cittadini belgi potranno tornare in vacanza nei due cantoni romandi.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile