SVIZZERA / STATI UNITI
20.09.19 - 09:300

Nino ma che combini? Giù i pantaloni davanti alla Casa Bianca

Schurter ha postato su Instagram (e poi rimosso) uno scatto con Lars Forster, Florian Vogel e Kurt Gross, taggando anche Donald Trump. Ora rischia una sanzione

BERNA - Possibile sanzione in arrivo per Nino Schurter, asso della mountain bike. In servizio per l'esercito a Washington, il grigionese, insieme a due compagni e a un meccanico, ha immortalato in uno scatto pubblicato su Instagram il suo fondoschiena nudo proprio davanti alla Casa Bianca.

L'episodio risale all'inizio di settembre. Nella foto, ora sparita dal social, comparivano insieme a Schurter anche i biker Lars Forster e Florian Vogel, oltre al meccanico Kurt Gross.

L'immagine ritraeva i quattro voltati di schiena con i pantaloni e le mutande calate, con la residenza del presidente statunitense sullo sfondo. Il tutto era accompagnato dalla scritta "Sederi bianchi per la Casa Bianca" e da un link verso l'account ("tag") dell'inquilino del celeberrimo edificio, Donald Trump.

Schurter, pluridecorato specialista del cross country con una serie infinita di medaglie olimpiche e mondiali in bacheca, si trovava nella capitale degli States in qualità di soldato per l'esercito svizzero. «È stato pagato» per quel giorno di servizio, ha spiegato oggi Daniel Reist, portavoce delle forze armate elvetiche, ai giornali del gruppo Tamedia.

Il 33enne rischia dunque una sanzione, anche se l'eventuale «punizione è a discrezione del suo comandante e non sarà resa pubblica», precisa Reist. I protagonisti della vicenda si trovavano negli Usa per partecipare alla tappa finale della Coppa del Mondo, tenutasi a Snowshoe, nella Virginia occidentale, e che ha visto Forster chiudere primo davanti a Schurter.

«La fotografia è stata scattata spontaneamente», si è giustificato la star della mountain bike al Blick, aggiungendo che «l'America è un Paese magnifico e adoro viaggiarci».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
5 ore
Turismo: la situazione è tesa, urgono meno restrizioni
Si è tenuto oggi il secondo vertice sul turismo dall'inizio dell'emergenza coronavirus.
GINEVRA
6 ore
Altra partitella "selvaggia", allontanate 300 persone
La polizia cantonale è intervenuta oggi al centro sportivo di Vessy.
SVIZZERA
9 ore
L'ufficio di casa te lo paga il datore di lavoro
Una recente decisione del Tribunale federale potrebbe fare scuola.
SVIZZERA
11 ore
Coronavirus: 11 casi in più, nessun decesso
Il numero dei casi positivi accertati nel nostro Paese sale a 30'736. I morti restano 1'641
SVIZZERA
11 ore
«Tenere aperto così non è redditizio»
Lo sostiene un sondaggio effettuato da GastroSuisse durante la prima settimana di riapertura.
SVIZZERA
14 ore
Protezione dati ed equivalenza: l'Ue deciderà a breve
Il verdetto sul riconoscimento è previsto il 3 giugno. L'Ufficio federale di giustizia è ottimista
SVIZZERA
15 ore
«Una seconda ondata durante l'inverno»
È la previsione del delegato delll'UFSP per l'emergenza Covid-19 Daniel Koch.
SVIZZERA
1 gior
Estrae il Joker dal cilindro e vince un milione
Il fortunato giocatore ha giocato la schedina nella Svizzera tedesca o in Ticino.
FOTO
VAUD
1 gior
Via le porte dopo la partita "selvaggia"
Le autorità hanno reagito ieri sera per prevenire ulteriori assembramenti nel quartiere di Boveresses.
SVIZZERA
1 gior
I ristoratori faticano: «Provvedimenti da allentare»
Per il presidente due metri di distanza, non più di quattro persone al tavolo e il coprifuoco sono misure troppo severe.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile