Tipress
BERNA
05.09.19 - 13:390

Vendita di alcol ai giovani, i venditori spesso sono sotto stress

Nel 2017 il 28,7% dei test d'acquisto eseguiti è sfociato in una cessione illecita di birra, vino o altre bevande

BERNA - La vendita di alcool a minorenni avviene principalmente laddove il personale è sotto stress o dove il commerciante teme che i clienti passino alla concorrenza. È quanto rileva uno studio di Dipendenze Svizzera pubblicato oggi.

Nel 2017 il 28,7% dei test d'acquisto eseguiti è sfociato in una cessione illecita di birra, vino o altre bevande, ricorda la fondazione. Dal 2009 la percentuale di vendite illecite oscilla attorno al 30%.

Nel quadro di uno studio qualitativo su mandato dell'Amministrazione federale delle dogane (AFD) Dipendenze Svizzera ha condotto in tutte le regioni linguistiche del paese complessivamente trenta interviste approfondite con personale di vendita e di ristorazione.

Spesso capita che con un forte afflusso di gente i clienti diventano impazienti, a volte i dipendenti vengono perfino insultati o aggrediti fisicamente. Ma tra i punti vendita esaminati - si legge - solo il personale attivo nel commercio al dettaglio è stato formato sistematicamente in materia di vendita di alcool ai giovani e su come comportarsi nei loro confronti.

Formazioni sistematiche o perlomeno istruzioni standardizzate dovrebbero essere fornite in tutti i punti vendita di modo che i dipendenti conoscano la legge e possano reagire adeguatamente anche in situazioni difficili, rileva la fondazione. Essi hanno anche bisogno del sostegno dei propri superiori.

L'aspetto dei giovani clienti rende difficile stimarne l'età, e i dipendenti esitano a chiedere un documento d'identità. Secondo Dipendenze Svizzera, sarebbe più facile se fino a una determinata età i ragazzi dovessero automaticamente mostrare un documento quando acquistano degli alcolici.

I dipendenti accoglierebbero inoltre favorevolmente un'unificazione dell'età minima richiesta per ogni tipo di alcool, com'è il caso in Ticino e presso certi dettaglianti. Secondo un sondaggio i tre quarti della popolazione sostengono un aumento dell'età minima a 18 anni.

La situazione è particolarmente difficile nell'ambito di feste e manifestazioni, dove il personale è spesso sotto forte stress. Qui la distribuzione di braccialetti colorati faciliterebbe i controlli. Anche in bar e pub - viene affermato - ciò potrebbe rappresentare la soluzione qualora non vi siano controlli all'entrata.

Dallo studio è pure emerso che soprattutto nella ristorazione, ma anche nei piccoli spacci, sussiste il timore di subire perdite se vengono condotti controlli troppo severi e che i clienti possano acquistare l'alcool in altri punti vendita meno rigorosi.

Stando a Dipendenze Svizzera bisognerebbe quindi estendere i test d'acquisto e condurli più regolarmente. Ciò avrebbe un effetto deterrente e al contempo vigerebbero condizioni eque per tutti i rivenditori. La fondazione si dice pure favorevole a un aumento del prezzo minimo per gli alcolici.

Un altro aspetto emerso è che i venditori osservano spesso come giovani aventi il diritto di comprare alcolici li passino poi ad amici non ancora autorizzati. Qui Dipendenze Svizzera ritiene necessaria una campagna di sensibilizzazione della popolazione.
 
 

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZUGO
1 ora
Forte odore di gas, in 20 fatti uscire da un edificio
Gli specialisti hanno individuato una fuga e hanno sfollato i residenti a scopo precauzionale
SONDAGGIO
SVIZZERA
2 ore
Se l’uovo bio costa il 114% in più
Per i prodotti biologici si spende spesso molto di più che per quelli convenzionali. Ecco il motivo
ZURIGO
11 ore
Arriva Trump: gli 007 americani prendono il controllo di Kloten
Agenti statunitensi supervisioneranno la torre di controllo in occasione del WEF: «Gli americani ordinano, gli svizzeri cedono il timone»
SONDAGGIO
SVIZZERA
16 ore
Se il corso di guida entra nel simulatore
La proposta vale per la formazione complementare obbligatoria. Il promotore parla di soluzione «più ecologica e meno pericolosa»
SAN GALLO
18 ore
Incidente sul set: «Le armi erano vere»
La polizia cantonale sull’episodio che si è verificato sabato mattina a Rapperswil-Jona
GRIGIONI
19 ore
Marcia per il clima verso il WEF
Centinaia di persone sono partite da Landquart. Il messaggio: «L'economia pensi all'ambiente»
VIDEO
VAUD
21 ore
Confessa il piromane seriale che angosciava Concise
Un 54enne, residente proprio nel piccolo comune, è stato arrestato per aver appiccato sei incendi nel canton Vaud negli scorsi mesi
SAN GALLO
22 ore
Girano una scena con le armi, ma le riprese terminano nel sangue
Tre persone sono rimaste ferite ieri mattina in un ristorante di Rapperswil-Jona nel quale una troupe stava effettuando delle scene per un film
SVIZZERA
23 ore
Forze aeree isolate a causa del guasto Swisscom
È successo venerdì, proprio nei giorni in cui sono in corso i preparativi in vista del WEF di Davos
ZURIGO
1 gior
Due uomini aggrediti davanti a un cinema: uno è grave
È stato accoltellato e ha dovuto essere operato d'urgenza. Ad attaccarli è stato un gruppo di sconosciuti
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile