GINEVRA
16.08.19 - 14:170
Aggiornamento : 15:22

«Lanciati», è polemica sul video promozionale di una scuola

Comune e abitanti di Vernier contestano la pubblicità di un istituto ginevrino che mostra un base-jumper gettarsi dal tetto della torre di Lignon: «È scioccante e totalmente irresponsabile»

GINEVRA - Sullo sfondo arancione, una sagoma si alza dal tetto della Torre di Lignon, un palazzo di 30 piani. Poi l'uomo si butta aprendo il paracadute. A questo punto appare la scritta: «Lanciati». Pubblicato online la scorsa settimana, questo video, fatto per attirare nuovi studenti a un corso di Bachelor di un istituto privato nel canton Ginevra, ha creato scalpore e incredulità negli abitanti di Vernier (GE).

Spesso criticato per la sua pericolosità, il base-jumping viene da molti considerato "fuori-legge" quando viene praticato da edifici. E il fatto che una scuola usi questo sport per far pubblicità ai propri corsi proprio non va giù al sindaco della cittadina ginevrina. «Non è una cosa intelligente promuovere la propria scuola incoraggiando una pratica molto pericolosa, soprattutto se fatta nelle aree urbane. Si rischia l'emulazione», sottolinea Martin Staub.

«Scioccante e irresponsabile» - Francois, Ambrosio, uno degli amministratori della torre, rincara la dose: «È scioccante e irresponsabile da parte dell'istituto». Un cittadino si chiede poi come la scuola possa farsi pubblicità «con il base-jump quando potrebbero benissimo verificarsi incidenti con i passanti che camminano sotto». La portavoce della Swiss base association, Géraldine Fasnacht, spera che questo salto «realizzato a fini pubblicitari in luoghi privati abbia ottenuto tutte le autorizzazioni necessario, in modo di non screditare il nostro sport».

«Rischi controllati» - Chiamata in causa, la scuola rimanda al mittente tutte le accuse. «Il video, realizzato diversi anni fa e acquistato per la campagna pubblicitaria non ha nulla d'irresponsabile», precisa il portavoce dell'istituto Aurélien Mabon. «Il salto è stato eseguito da un professionista ed i rischi (minimi) erano sotto controllo». Mabon ammette che la scuola voleva «immagini forti, che creano una reazione. Cercavamo la visibilità, ma non per fare il botto». Il base-jump è uno degli sport più apprezzati dai giovani e «questo è precisamente il nostro pubblico di riferimento». Il portavoce conclude gettando ulteriore acqua sul fuoco: «Se questa pubblicità ha offeso qualcuno ci dispiace. Ma finora non abbiamo ricevuto alcuna lamentela».

Quello che (non) dice la legge - Non esiste una norma legale specifica che vieti la pratica del base-jump da un edificio. Nel 2015, a seguito di una denuncia dei comproprietari dopo un salto (sempre) dalla torre di Lignon, il pubblico ministero non era entrato in materia. Ma aveva avvisato il saltatore: il tetto dell'edificio era un luogo privato e lui non aveva il diritto di entrare nella proprietà di altri senza autorizzazione. Quindi saltare non è fuorilegge, ma chi accede senza permesso ad uno stabile per farlo potrebbe venir perseguito. Pertanto, i base-jumper che saltano dal ponte dell'autostrada tra Yverdon (VD) e Payerne (VD) sono punibili dalla legge perché in precedenza stavano camminando sull'autostrada, il che è severamente vietato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
22 min
Swiss: entro l'autunno sarà servito l'85% delle destinazioni
La compagnia aerea continua ad ampliare la sua offerta: a fine giugno voleranno 37 aerei su 91
SVIZZERA
26 min
I viaggi all'estero sono a proprio rischio
La Confederazione sottolinea che non saranno più organizzati voli di rimpatrio
SVIZZERA
1 ora
No al taglio dell'IVA per sostenere ristorazione e turismo
Il Consiglio degli Stati è stata respinta una mozione in tal senso di Marco Chiesa
SVIZZERA
1 ora
La distanza sociale? È raccomandata, ma non c'è più la multa
Nell'ambito dell'attuale situazione epidemiologica, per il Consiglio federale le sanzioni non sarebbero più giustificate
VAUD
2 ore
Uccise il figlio di 11 mesi, 6 anni ed espulsione
La morte è stata provocata scuotendo il piccolo con violenza
FOTO
SVIZZERA / MALDIVE
2 ore
Da 4 mesi alle Maldive a causa del Coronavirus
Lo svizzero Tom Allemann e la sua ragazza cinese stanno vivendo un'esperienza alla Robinson Crusoe
Berna
4 ore
Noi succubi dell'OMS? Scatta l'interpellanza ticinese a Berna
L'accusa di Lorenzo Quadri: "Svizzera ancora una volta acritica e succube nei confronti di organismi sovranazionali"
SVIZZERA
4 ore
Violenza domestica, con la quarantena non sono aumentati i casi
In alcuni cantoni dalla metà di maggio è però cresciuto il numero delle consulenze
SVIZZERA
4 ore
Coronavirus: altri 20 casi, ma nessun morto
Dall'inizio dell'emergenza nel nostro Paese 30'913 persone sono state infettate. I decessi sono 1'660.
SVIZZERA
4 ore
A marzo -62% di passeggeri negli aeroporti svizzeri
A gennaio e febbraio si era invece registrato un lieve aumento
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile