Keystone, archivio
SVIZZERA
19.06.19 - 21:290

Massacro in Mali: morti partner della cooperazione elvetica

La Svizzera condanna con la massima fermezza queste nuove violenze e manifesta la sua solidarietà col popolo maliano

BERNA - Tra le vittime dei massacri avvenuti ieri e l'altro ieri nel centro del Mali figurano membri di un'associazione partner della cooperazione svizzera nel Paese africano. Lo indica questa sera una nota del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE). La Svizzera condanna con la massima fermezza queste nuove violenze e manifesta la sua solidarietà col popolo maliano.

Berna esprime la sua estrema preoccupazione per la spirale di violenza osservata nel Mali centrale. Invita il governo a intensificare gli sforzi per proteggere la popolazione, combattere l'impunità e porre fine alla serie di attacchi e contrattacchi, in particolare rafforzando la ricerca di soluzioni pacifiche.

La Svizzera porge le sue condoglianze alle famiglie delle vittime, ai maliani e al governo. Condanna con determinazione tutti gli attacchi intercomunitari e le violenze perpetrate negli ultimi mesi contro la popolazione civile del Paese e sottolinea la sua disponibilità per una riconciliazione all'interno della società maliana e per prevenire l'estremismo violento, si legge nella nota.

Almeno 41 persone sono state massacrate da non meglio identificati "uomini armati a bordo di motociclette", in due villaggi della regione di Mopti, in una zona dove i conflitti fra milizie su base etnica sono all'ordine del giorno e dove si moltiplicano gli attacchi sui civili da parte di gruppi estremisti islamici rivali, hanno indicato ieri fonti locali citate da France 24.

Gli attacchi sono avvenuti nei villaggi di Yori e Gangafani. La faida etnica più grave è quella che oppone gli stanziali Dogon, dediti soprattutto alla caccia, ai nomadi Fulani, che vivono di pastorizia.

La settimana scorsa uomini armati attaccarono un villaggio Dogon, uccidendo almeno 35 persone, secondo la versione ufficiale del governo di Bamako, ma più del doppio stando a fonti locali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
4 ore
L'ex ceo della Posta Susanne Ruoff è passata ad Ascom
Sarà membro esterno di un gruppo di lavoro incaricato di accelerare la trasformazione del gruppo tecnologico zughese
GRIGIONI
4 ore
Nei Grigioni toccato il record: 71 cm a Müstair
Bisogna andare indietro fino al novembre del 1959 quando la nevicata di novembre si fermò a 65 centimetri
GRIGIONI
7 ore
Scontro sugli sci, grave una bambina di cinque anni
L'incidente è avvenuto sulle piste di Arosa e ha coinvolto anche un 57enne
SVIZZERA
7 ore
«Voglio restare agli affari esteri altri 10 anni»
Un cambio di dipartimento non è nei pensieri di Ignazio Cassis, ma nemmeno (a suo dire) in seno all'esecutivo federale. Ma il fatto di essere ticinese lo sfavorisce
SVIZZERA
19 ore
Raiffeisen, nuove strutture per voltare pagina
Le singole banche potranno fare sentire maggiormente la loro voce presso la sede centrale. Ogni banca disporrà di un voto nelle future assemblee generali
VAUD
21 ore
In Romandia arriva il “tutor” e il web s’infiamma
La polizia ha annunciato la messa in servizio di un radar che controlla la velocità su una porzione della semi-autostrada tra Orbe e Vallorbe (VD)
SVIZZERA
1 gior
Se fai il macchinista ti diamo 10mila franchi in più
Per far fronte alla carenza di macchinisti, le FFS hanno lanciato una campagna di promozione. Che prevede ad esempio un ritocco verso l'alto della busta paga durante la formazione
FOTO E VIDEO
GINEVRA
1 gior
Attivisti per l'ambiente bloccano il terminal dei jet privati
«Vogliamo denunciare questo mezzo di trasporto assurdo», urlano a gran voce. «Un aereo privato emette CO2 per passeggero venti volte superiori a quelle di un normale aereo di linea»
SVIZZERA
1 gior
Presidenza del Nazionale, nel 2022 toccherà ai Verdi
È quanto hanno deciso ieri i capigruppo in Parlamento dei differenti partiti. Saranno i popolari-democratici a saltare il turno
ARGOVIA
1 gior
Tredici ladri arrestati, uno è scomparso nel Reno
Circa 130 agenti hanno collaborato al fermo di alcuni presunti scassinatori. A Frick gli occupanti di un'auto sono fuggiti tuffandosi nel Reno. Di uno di loro si sono perse le tracce
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile