Deposit
SVIZZERA
17.06.19 - 06:050

Rimborsi “mini” per le vittime di stupro: «È una presa in giro»

Per chi è vittima di violenze è previsto un indennizzo statale fino a 15'000 franchi, di solito però si arriva a molto meno. Come mai?

ZURIGO - Chiunque sia stato vittima di un crimine grave che ne abbia leso l'integrità fisica, psicologica o sessuale ha diritto a ricevere dallo Stato una somma come riparazione. L'importo è generalmente regolato dall'Ufficio federale di giustizia in una linea guida. Per quanto riguarda i reati di stupro alla vittima il totale massimo stabilito è di 15'000 franchi. In pratica però questa cifra non viene mai assegnata ed è spesso di molto inferiore.

Il motivo è da ricercare in tutta una serie di “attenuanti” che riducono la somma anche in casi parecchio gravi, come riportato dalla rivista giuridica Jusletter. Un esempio che può valere per diversi altri: il caso di una donna che, dopo la violenza, ha necessitato di tre settimane di ricovero in clinica. Per lei sono stati erogati solo 7'000 franchi. Come mai? Prima dello stupro – al quale si era opposta con forza – aveva avuto un rapporto consensuale con quello che sarebbe poi diventato il suo aguzzino.

«In generale c'è una certa resistenza, si tende a fare il possibile per non dare troppo», spiega la consigliera al Nazionale Rosmarie Quadranti (Pbd) che ha sottoposto al Consiglio federale un'interpellanza per l'aumento degli importi. Si schierano con lei Verdi liberali, Ps e Ppd per chiedere alle autorità che non si tiri in ballo la presunta complicità per ridurre riparazioni.

«Con queste decisioni si prendono in giro le vittime», commenta Regula Schwager portavoce dell'associazione contro gli abusi Castagna, «la colpa in questi casi dev'essere sempre al 100% del perpetratore».

Stando a Sandra Müller Gmünder che si occupa dell'Aiuto alle vittime del Cantone Zurigo, le cose stanno cambiando: «I casi gravi sono rari», conferma lei che garantisce, «ci si sta muovendo perché le cose, anche dal punto di vista della cultura, cambino». E pure a livello federale «l'ammontare massimo verrà rivisto verso l'alto».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
AUSTRALIA
1 ora
Ci sono 28 svizzeri a bordo della crociera contagiata in Australia
La Artania, che per giorni non ha potuto attraccare a causa del coronavirus. Previsti presto voli di rimpatrio
SVIZZERA
5 ore
«Non è il momento per andare a fare la spesa all'estero»
A Berna si è tenuta la consueta conferenza stampa con diversi rappresentanti della Confederazione.
BERNA
5 ore
Maurer: «Potrebbe essere necessario stanziare nuovi fondi»
«È necessario trovare un equilibrio tra economia e banche»
BERNA
6 ore
Coronavirus, più di 13'000 persone positive
I decessi ammontano a 235. I dati sono stati comunicati dall'Ufficio federale della sanità pubblica
SVIZZERA
10 ore
Koch: «Non c'è penuria di mascherine»
Al momento la Confederazione dispone di circa 17 milioni di maschere protettive
BERNA
10 ore
Berset: «Stiamo correndo una maratona, non i 100 metri»
«Gli esperti sostengono che il virus rimarrà. Dobbiamo ascoltarli. Occorre sviluppare un vaccino».
BERNA
11 ore
Stöckli: «La democrazia e lo stato di diritto non devono essere vittima del coronavirus»
«L'Assemblea federale non deve in alcun caso rinunciare all'obbligo costituzionale di vigilare sul Consiglio federale»
BERNA
19 ore
Uomo uccide l'ex figliastra con cui ha avuto quattro figli
A raccontarlo è la «sorellastra» della vittima: «Mio padre ha già due donne sulla coscienza».
ZURIGO
22 ore
Penuria di personale negli ospedali: c'è la piattaforma
Si chiama Care Now Platform e serve a dislocare i professionisti della sanità a seconda del bisogno.
BERNA
1 gior
La Posta dice stop ai pacchi ingombranti
Per l'invio di divani, mobili, biciclette sono necessarie più persone. Impossibile garantire il "distanziamento sociale"
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile