Keystone
La legale di Ringier Annegret Kammermann, promette battaglia.
ZUGO
11.06.19 - 16:220
Aggiornamento : 16:50

Doppio ricorso nel caso Jolanda Spiess-Hegglin

L'ex deputata esige le scuse del Blick, mentre Ringier si rifiuta di pagare la riparazione per torto morale decisa dal Tribunale cantonale di Zugo

ZUGO - Doppio ricorso in appello nella vertenza che oppone l'ex gran consigliera di Zugo Jolanda Spiess-Hegglin al gruppo editoriale Ringier. L'ex deputata esige dal "Blick" delle scuse, mentre l'editore si rifiuta di pagare una riparazione per torto morale.

Lo scorso 10 maggio, con la sentenza di prima istanza, il Tribunale cantonale di Zugo aveva stabilito che il "Blick" ha violato i diritti della personalità della Spiess-Hegglin. Il caso si riferisce ad articoli pubblicati dal quotidiano di Zurigo nel dicembre 2014 in relazione a un rapporto sessuale dell'allora deputata ecologista con il gran consigliere dell'UDC Markus Hürlimann.

Accogliendo la causa civile avviata dalla Spiess-Hegglin contro Ringier, il tribunale le ha riconosciuto una riparazione morale di 20'000 franchi. La richiesta di pubblicare delle scuse sulla prima pagina del "Blick" è invece stata respinta.

La notizia del ricorso in appello dell'ex deputata, riportata dalle testate di CH Media, è stata confermata a Keystone-ATS dall'avvocato di Spiess-Hegglin. Lo scopo - afferma il legale - è di lanciare un segnale contro la mancanza di una «cultura delle scuse» nei media svizzeri.

Anche Ringier non intende accettare la sentenza della prima istanza. Il gruppo ha fatto sapere di non condividere la decisione del tribunale su due punti essenziali. L'editore continua ad essere dell'opinione che non ci sia stata una violazione della personalità e che, di conseguenza, non debba essere concesso alcun risarcimento.

Sui due ricorsi si dovrà esprimere il Tribunale superiore del canton Zugo. La causa civile riguarda un articolo pubblicato dal "Blick" il 24 dicembre 2014, nel quale il quotidiano zurighese pubblicava nome e foto degli allora deputati cantonali di Zugo Spiess-Hegglin e Hürlimann e titolava: «Scandalo sessuale per un politico UDC: l'ha violentata?».

All'articolo in questione ne erano seguite altre decine, sullo stesso giornale e su altri media, tutti incentrati su quanto fosse realmente avvenuto tra Hürlimann, allora presidente dell'UDC cantonale, e la collega dei Verdi durante una festa, bagnata dall'alcol, per la nomina nel nuovo landamano (presidente del Consiglio di Stato).

Secondo i giudici della prima istanza, la violazione della personalità è legata alla pubblicazione del nome e della foto della presunta vittima di un reato sessuale, senza che ciò fosse dettato da un interesse pubblico predominante.

L'allora 34enne Jolanda Spiess-Hegglin, sposata e madre di tre figli, sosteneva che Hürlimann avesse approfittato di lei versandole nel bicchiere di vino gocce di stupefacente (la cosiddetta droga dello stupro) durante i festeggiamenti. Hürlimann ha sempre contestato questa versione, pur ammettendo che ci fu un rapporto sessuale consenziente. Il procedimento per violenza carnale contro l'uomo è stato archiviato.

In sede penale, i due protagonisti hanno raggiunto un accordo extragiudiziale nel marzo 2018: Hürlimann ha ritirato la denuncia per calunnia e diffamazione nei confronti dell'ex collega.

Il "Blick" si è finora rifiutato di presentare pubbliche scuse all'ex deputata. Numerosi suoi articoli sono stati tuttavia cancellati dalla banca dati dei media svizzeri. Il fatto ha suscitato le critiche del Consiglio svizzero della stampa, che lo scorso aprile ha puntato il dito contro Ringier. Secondo l'organo di autocontrollo dei giornalisti, questa interferenza negli archivi distorce l'immagine di ciò che i media hanno pubblicato sul caso Spiess-Hegglin/Hürlimann.

Commenti
 
lancelot_1967 5 mesi fa su tio
Domanda: chi è la persona della fotografia? Certamente non Jolanda Spiess-Hegglin!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SAN GALLO
4 ore
Auto contro un Piranha dell'esercito
I dieci militari sono rimasti illesi, mentre l'85 a bordo del veicolo è stata trasportata in ospedale in gravi condizioni
SVIZZERA
7 ore
L'invecchiamento rallenta il benessere
Quando la generazione del baby boom andrà in pensione, gli over 65 passeranno dal 30% del 2017 al 48% del 2045
BERNA
8 ore
«L'economia svizzera rallenterà»
Ne hanno preso atto i partiti di governo (Udc, Plr, Ppd e Ps) in un incontro tenutosi oggi nella capitale
BASILEA
9 ore
Roche rileva l'americana Promedior per 390 milioni di dollari in contanti
Sono previsti anche pagamenti fino a un miliardo di dollari che dipenderanno dai progressi nello sviluppo e nell'approvazione di nuovi farmaci
SVIZZERA
10 ore
Nessun "effetto Greta", gli svizzeri volano in vacanza
Kuoni, Hotelplan, ITS Coop Travel e Knecht Reisen confermano il trend. E sono ancora molto poche le compensazioni di CO2 tramite Myclimate
VIDEO
BERNA
10 ore
Il video della tempesta di neve che ha bloccato 200 persone
Venti a 180 chilometri orari. Il racconto di chi si è trovato nella tormenta
SVIZZERA
12 ore
Ex allenatore di Swiss-Ski diventa CEO di un aeroporto
Martin Rufener torna nel mondo dell'aviazione
FOTO
LUCERNA
13 ore
La tettoia finisce sui binari e il treno la centra
L'incidente si è verificato questa mattina a Escholzmatt. La causa potrebbe essere il forte vento che soffiava sulla regione
BERNA
14 ore
In 200 bloccati dalla tempesta di neve
Hanno trascorso la notte in un ristorante di montagna.
GRIGIONI
15 ore
Colpito da un cassero, gravi ferite per un operaio
Il 31enne è rimasto schiacciato sotto un peso di 250 chilogrammi
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile