Tipress (archivio)
Secondo i piccoli contadini, la modifica contenuta nella Politica agricola 22+ rischia di portare a una carenza di agricoltori.
SVIZZERA
28.05.19 - 14:330

Formazione e pagamenti, la "formula" non piace ai piccoli contadini

La proposta di aumentare le esigenze nell'ambito formativo non è considerata una buona strada. L'associazione vuole piuttosto un'offerta continua più ampia

BERNA - All'Associazione dei piccoli contadini non piace l'idea di aumentare le esigenze nell'ambito della formazione per poter beneficiare dei pagamenti diretti. A suo avviso, questa modifica delle ordinanze, contenuta nel progetto Politica agricola 22+, rischia di portare a una carenza di agricoltori.

Se il rafforzamento della formazione professionale iniziale e continua è importante, la proposta di aumentare le esigenze non è la buona strada da seguire, scrivono i piccoli contadini in una nota odierna.

Il Consiglio federale vuole mantenere soltanto la formazione classica che conduce all'Attestato federale di capacità (AFC) per aver diritto ai pagamenti diretti. Il Governo giustifica questa decisione con la complessità della gestione di un'azienda agricola.

Ma questa via è spesso ardua quando viene effettuata come formazione secondaria o di recupero. Coloro che seguono un apprendistato sull'arco di due anni o il corso di formazione per l'ottenimento dei pagamenti diretti (OPD) non avrebbero più diritto alla manna federale. Possono tuttavia seguire i moduli economici obbligatori per l'esame professionale al fine di poterli ottenere.

Più formazione - Anziché fissare più esigenze in materia di formazione, l'Associazione dei piccoli contadini vuole un'offerta continua più ampia e una migliore permeabilità in ambito formativo. A suo avviso, la formazione OPD, che è oggetto di critiche reiterate, costituisce un cursus formativo particolarmente importante.

Grazie a questa possibilità, numerose persone più in là con gli anni o che dispongono di un'altra formazione iniziale possono ancora lanciarsi nell'agricoltura. Potranno così rimpolpare i ranghi dei contadini svizzeri accanto a titolari di formazioni tradizionali e colmare una lacuna considerevole: in particolare, grazie a un contatto spesso forte con la popolazione, potranno praticare un'agricoltura più vicina ai consumatori, scrive l'associazione.

Durante la procedura di consultazione del progetto del Consiglio federale Politica Agricola 22+, l'UDC e il PPD si sono mostrate critiche nei confronti del rafforzamento delle esigenze professionali alle quali dovranno attenersi gli agricoltori per ottenere i pagamenti diretti.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VAUD / ZURIGO
1 ora
Aggredì un'operatrice con una roncola: pena confermata
La 38enne ivoriana dovrà scontrare 18 anni. Il fatto avvenne in un centro per richiedenti asilo di Embrach nel 2015
GINEVRA
1 ora
Curdo si cosparge di benzina e si dà fuoco
È successo davanti all'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati. L'uomo è stato ricoverato al CHUV di Losanna
SVIZZERA
2 ore
Stop alla triturazione dei pulcini vivi
La decisione è stata presa oggi dal Consiglio federale. La procedura sarà vietata a partire dal prossimo 1° gennaio
SVIZZERA
2 ore
San Gallo ristruttura i suoi ospedali
Cinque dei nove nosocomi a vocazione locale saranno ridotti a centri per urgenze con alcuni letti. 60-70 posti saranno cancellati, ma il taglio dovrebbe avvenire tramite fluttuazioni naturali
SVIZZERA
3 ore
È così che l'assassino Zoran P. ha ingannato le autorità svizzere
Fuggito dal carcere in Bosnia, si era rifatto una vita in terra confederata. I vicini sono scioccati
BERNA
4 ore
Da Coop niente più sacchetti di plastica gratis
L'iniziativa interessa Coop Edile+Hobby, Coop City, Interdiscount, Fust, Coop Vitality e Import Parfumerie
ARGOVIA
4 ore
Mani austriache su Mobili Pfister
Il gruppo svizzero dell'arredamento passa a XXXLutz. Non sono previsti cambiamenti per i dipendenti né licenziamenti
SVIZZERA
7 ore
Assassino plurimo latitante da 24 anni, viveva in incognito in Svizzera
In Bosnia aveva rapinato e ucciso una famiglia negli anni '90, era evaso e fuggito nella Confederazione dove si era sposato. Lunedì è stato rimpatriato
LIECHTENSTEIN
13 ore
Una Ferrari rubata rispunta dopo dieci anni
La vettura, sparita nel 2009 nel principato, è stata ritrovata a Londra
ITALIA / LUCERNA
16 ore
Cristiano Ronaldo? No, un 25enne lucernese
Il video che ritrae il "giocatore" a Torino ha totalizzato quasi quattro milioni di visualizzazioni. «L'idea mi è venuta questa estate, quando due ragazze mi hanno scambiato per CR7»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile