tipress
BERNA
08.11.18 - 08:050
Aggiornamento : 11:44

Disoccupazione stabile in ottobre

In Ticino la quota di senza lavoro è risultata del 2,8%, in progressione di 0,1 punti rispetto al mese precedente

BERNA - A fine ottobre erano 107'315 le persone senza lavoro iscritte presso gli uffici regionali di collocamento (URC) elvetici. Il tasso di disoccupazione è rimasto del 2,4% lo scorso mese, lo stesso registrato ormai da sei mesi e il più basso dall'ottobre 2001 (1,7%). A fine ottobre 2017 era del 3%, dunque di 0,6 punti percentuali più alto.

In Ticino il tasso di disoccupazione si è attestato al 2,8%, in progressione di 0,1 punti rispetto al mese precedente e in calo di 0,4 punti rispetto a ottobre 2017, rivelano i dati diffusi oggi dalla Segreteria di Stato dell'economia (SECO). Nei Grigioni era dell'1,4%, superiore di 0,5 punti rispetto a settembre e inferiore di 0,2 punti rispetto a ottobre 2017. In Ticino alla fine del mese scorso i disoccupati erano 4713 (+186/-610), nei Grigioni 1511 (+554/-264). L'aumento rispetto a settembre riguarda anche gli altri due cantoni a forte vocazione turistica, Berna e Vallese.

I tassi più alti sono stati registrati nei cantoni romandi: Neuchâtel 4,0%. Ginevra 4,3%, Vaud 3,5%, Giura 3,4%. Sul fronte opposto Appenzello Interno (0,6%), Obvaldo e Uri (entrambi allo 0,7%).

I 107'315 disoccupati registrati a livello nazionale a fine ottobre erano 729 in più rispetto a un mese prima, mentre a fine ottobre 2017 gli URC ne avevano in conto 27'485 in più (134'800), per un tasso di disoccupazione del 3,0%. Il 53,6% dei senza lavoro erano uomini, il 54,6% svizzeri. Il 63,1% era disoccupato da meno di 6 mesi, il 22,2% da 7-12 mesi e il 14,7% de oltre un anno. Il maggior numero di senza lavoro si trovava nel settore terziario (78'602), mentre nel secondario erano 22'569 e nel primario 1'006.

È migliorata la situazione per i giovani disoccupati (15-24 anni), il cui numero è diminuito di 660 unità (-4,8%) arrivando al totale di 13'064, il che corrisponde a 3'841 persone in meno (-22,7%) rispetto allo stesso mese dell'anno precedente. Il numero dei disoccupati di 50 anni e più è aumentato di 204 persone (+0,7%), attestandosi a 29'758. In confronto allo stesso mese dell'anno precedente ciò corrisponde a una diminuzione di 5'971 persone (-16,7%).

Il SECO indica ancora che secondo i dati provvisori forniti dalle casse di disoccupazione, nel corso del mese di agosto 3'148 persone hanno esaurito il loro diritto alle prestazioni dell'assicurazione contro la disoccupazione.

Quanto alle persone in cerca d'impiego registrate, a fine ottobre erano 183'446, 4'947 in più rispetto al mese precedente e 14'579 (-7,4%) in meno rispetto al corrispondente periodo dell'anno precedente. In Ticino erano 9'113 (+729/-11), nei Grigioni 2'559 (+653/-596).

Per motivi legati alle condizioni stagionali il tasso di disoccupazione dovrebbe salire leggermente nei prossimi mesi, secondo gli economisti della Confederazione, che prevedono però per l'anno prossimo in media un nuovo leggero calo, a quote vicine al 2%.

Il 1° luglio 2018 è stato introdotto in tutta la Svizzera l'obbligo di annunciare i posti vacanti per i generi di professioni con un tasso di disoccupazione pari almeno all'8%. Il numero dei posti annunciati all'URC è diminuito in ottobre di 4'198 raggiungendo le 32'090 unità. Dei 32'090 posti, 18819 sottostavano all'obbligo di annuncio.

La statistica fornisce anche i dati relativi al lavoro ridotto. Nel mese di agosto 2018 sono state colpite dalla riduzione 252 persone, ovvero 164 in meno (-39,4%) rispetto al mese precedente. Il numero delle aziende colpite è diminuito di 6 unità (-10,2%), portandosi a 53. Il numero delle ore di lavoro perse è diminuito di 5'044 unità (-23,5%), portandosi a 16'407 ore. Nel corrispondente periodo dell'anno precedente (agosto 2017) erano state registrate 68'522 ore perse, ripartite su 1'386 persone in 159 aziende.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA / ITALIA
3 ore
«La Svizzera si tiene stretta la manodopera straniera»
La bocciatura attira l'attenzione dell'Europa. Gli italiani ricordano i frontalieri. I britannici pensano a se stessi.
SVIZZERA
4 ore
Jet da combattimento: «Meglio quelli europei»
Secondo un sondaggio di 20 minuti e Tamedia, per la scelta del velivolo non sarà necessario tornare alle urne
ZURIGO
6 ore
Il nuovo stadio dell'Hardturm s'ha da fare
Il 59,1% dei cittadini ha approvato il “piano di utilizzazione speciale” che permetterà la realizzazione della struttura
SVIZZERA
7 ore
I jet superano per un soffio la contraerea popolare
I cittadini svizzeri hanno accettato sul filo di lana l'acquisto dei nuovi aerei da combattimento.
SVIZZERA
7 ore
«Una convivenza tra lupo e uomo è possibile»
Dopo un pomeriggio thriller la modifica della legge sulla caccia è stata bocciata dal 51.93% dei votanti.
SVIZZERA
9 ore
Il congedo paternità di dieci giorni è realtà
Il popolo svizzero ha detto sì al 60.1%. In Ticino la misura è stata accettata dal 67,27% dei cittadini
SVIZZERA
13 ore
Maurer contro le quote rosa
Lo scrive oggi Le Matin Dimanche, che ha avuto accesso a documenti riservati.
SVIZZERA
13 ore
Dalle urne escono due sì e tre no
Chiaro sì per il congedo per i futuri papà, mentre gli aerei da combattimento sono stati promossi dal 50.1% dei votanti.
SVIZZERA
14 ore
Quattro medici "critici" sotto sorveglianza
Sono accusati di non applicare le misure volute da Berna per contenere il propagarsi della pandemia da Covid-19
SVIZZERA
15 ore
L'epidemiologo cambia rotta: «Ora la gestione Covid funziona»
Marcel Salathé ora è positivo: le cifre sono stabili, seppur elevate, e il contact tracing finalmente funziona
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile