Tipress
SVIZZERA
26.02.18 - 10:580
Aggiornamento : 12:09

Sempre più posti di lavoro

Complessivamente in Svizzera si contavano 4,962 milioni di addetti nel settore secondario e terziario

BERNA - Il numero dei posti di lavoro in Svizzera è cresciuto nel quarto trimestre dello scorso anno dello 0,8% rispetto allo stesso periodo del 2016, mentre è salito dello 0,4% nel raffronto con i tre mesi precedenti. In Ticino su base annua la progressione è stata dell'1,0%, mentre rispetto al trimestre precedente vi è stato un calo dello 0,1%.

È quanto indica stamane l'Ufficio federale di statistica (UST) nel suo periodico barometro dell'impiego. Complessivamente in Svizzera si contavano 4,962 milioni di addetti nel settore secondario e terziario (+41'000 su base annua; +0,8%). Nel secondario l'occupazione è salita dello 0,7% (+8000 posti), mentre nel terziario dello 0,9% (+34'000 posti).

Calcolata al netto delle variazioni stagionali, l'occupazione totale in Svizzera ha subito un incremento rispetto al trimestre precedente dello 0,4%, mentre in Ticino una diminuzione dello 0,1%.

Espresso in equivalenti a tempo pieno, il volume di addetti ammontava complessivamente a 3,864 milioni di posti (+0,6% rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente). Nel settore secondario il rialzo è stato di 7000 unità (+0,8%) e in quello terziario di 17'000 (+0,6%).

Forte incremento nell'industria

Nel settore secondario la crescita dell'occupazione è tornata ad essere positiva per la prima volta dal primo trimestre del 2015. Il balzo in avanti è da ricondurre soprattutto al ramo "Attività manifatturiere" (+6000; +1%), ma anche a quello delle costruzioni (+1000; +0,2%). Il settore terziario si è sviluppato diversamente a seconda della sezione economica: la crescita maggiore si osserva nel ramo "Alberghi e ristoranti" (+5000; +1,9%), mentre il "Commercio" ha accusato un calo dell'occupazione (-5000; -0,7%).

L'andamento delle cifre occupazionali presentava un quadro al rialzo in tutte le "Grandi Regioni": su base annua, il numero di impieghi è salito tra lo 0,3 (Svizzera orientale) e il 2,4% (Svizzera centrale). Il Ticino ha registrato un +1,0%. Nel secondario, solo Zurigo e il Ticino hanno registrato un calo (entrambi dello 0,2%), mentre le rimanenti aree geografiche hanno fatto segnare aumenti compresi tra lo 0,3 (Svizzera nordoccidentale) e l'1,6% (Svizzera centrale). Il terziario ha invece registrato una crescita degli addetti ovunque (in Ticino dell'1,4% su base annua).

Aumentano i posti liberi, ma non in TI

Sulla piazza economica svizzera sono stati contati 62'100 posti liberi, pari a un aumento del 16,8% rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente. L'ultima volta che si è registrato un numero di posti vacanti maggiore è stato nel secondo trimestre del 2011. Sono saliti sia nel settore secondario (+30,1%) sia nel terziario (+13,2%). In Ticino, nel periodo in rassegna vi erano 1000 posti liberi, pari a un calo del 53,3% su base annua.

A livello nazionale, il tasso di posti liberi complessivo è stato pari all'1,2%. Nel secondario la quota si è attestata all'1,4% e nel terziario all'1,2% del totale. In Ticino il tasso era dello 0,4%.

Nel quarto trimestre 2017 le imprese che intendevano mantenere stabile il proprio organico nel trimestre successivo rappresentavano il 72,3% dell'occupazione totale (contro il 65,8% nello stesso periodo dell'anno precedente). Le aziende che prevedevano di aumentare gli effettivi ammontavano al 10,7% degli addetti (8,2%) e quelle che prevedevano di ridurli erano il 4,6% (4,6%). La quota delle imprese che non si sono pronunciate in merito si attesta al 12,3% sulle 18'000 interrogate (21,4% nello stesso periodo dell'anno precedente).

L'indicatore delle prospettive d'impiego calcolato in base a tali dati è salito rispetto all'anno precedente (1,04; +1,2%), raggiungendo un livello che non si era più visto dal secondo trimestre 2014. L'aumento è da ricondurre soprattutto al settore secondario (1,06, +4,7%), mentre nel terziario è salito solo leggermente (1,03, +0,2%). In Ticino, l'indicatore è cresciuto dell'1,0% all'1,05.

Nella Confederazione, le difficoltà nel reclutamento di personale qualificato sono però cresciute rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente (30,4%; +1,3 punti percentuali). In Ticino sono aumentate del 16,4% (-6,4 punti percentuali).

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Bandito976 3 anni fa su tio
In Ticino non ci sono posti di lavoro. Anzi se ne perderanno altri. Quando nel cantone non si potrá piú lavorare faremo noi i frontalieri. Poi vediamo se l'Itaglia é contenta!
miba 3 anni fa su tio
E piantatela con queste cifre farlocche! Considerate anche le persone che sono uscite dalla disoccupazione e che sono in assistenza ed alla ricerca d'impiego
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
42 min
La selezione dei pazienti? «È eticamente devastante»
Con le terapie intensive che si riempiono presto i medici dovranno di nuovo effettuare il tanto temuto "triage".
SVIZZERA
3 ore
L'industria degli eventi si prepara alle restrizioni
La regola delle 2G piace alle discoteche. A Zurigo un concerto punk-rock aggiunge il requisito del test antigenico
ZURIGO
11 ore
Quanto è pericolosa Omicron?
Potrebbe essere peggiore della già temibile delta. La parola agli esperti
SVIZZERA
17 ore
Omicron, chiudono i voli diretti con l'Africa australe
La decisione comunicata in serata, dopo l'emergenza della nuova variante, è valida a partire dalle ore 20 di oggi.
BERNA
18 ore
Dopo Pfizer anche Moderna mette il booster
Intanto l'Ufsp raccomanda la dose di richiamo per tutti. La spiegazione: «Migliora la protezione e frena la diffusione»
SVIZZERA/CINA
19 ore
La missione di Cassis non decolla
Il consigliere federale ticinese dovrà tornare in patria a seguito del guasto all'aereo. «Cercheremo una nuova data»
SVIZZERA
19 ore
Vaccino ed effetti collaterali: in Svizzera 10'386 casi
Il 65% delle notifiche è stato classificato come non serio. I preparati impiegati nel nostro paese restano sicuri
SVIZZERA
20 ore
Mascherine, certificati e booster: nuove misure a Berna, Sciaffusa e Uri
Dopo che il Governo federale ha rinunciato a un inasprimento dei provvedimenti, altri Cantoni si sono attivati
SVIZZERA
22 ore
Anche oggi più di ottomila contagi in ventiquattro ore
Nelle strutture sanitarie elvetiche sono stati effettuati 106 nuovi ricoveri per Covid
SVIZZERA
23 ore
Nuova variante: l'Ufsp non si scompone
Per il momento la Svizzera non prende nessuna misura. «Monitoriamo la situazione»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile