BERNA
19.08.15 - 18:550
Aggiornamento : 22:40

100'000 firme raccolte per annullare il voto del 9 febbraio

L'iniziativa "Fuori dal vicolo cieco! Rinunciamo alla reintroduzione di contingenti d'immigrazione" vuole annullare gli effetti del voto del 9 febbraio 2014 contro l'immigrazione di massa

BERNA - Ha già superato le 100'000 firme l'iniziativa popolare "Fuori dal vicolo cieco", lanciata all'inizio del dicembre scorso con l'obiettivo di abrogare dalla Costituzione federale le disposizioni dell'iniziativa UDC "contro l'immigrazione di massa" approvate dal popolo il 9 febbraio 2014.

"A metà agosto sono state raccolte un po' più di 100'000 firme" e l'iniziativa "è in dirittura d'arrivo", si legge sul sito web del comitato promotore (http://www.initiative-rasa.ch), che punta ora a convincere altri 20'000 cittadini per essere sicuro della riuscita. Il 29 agosto si terrà un'ultima giornata nazionale di raccolta. Obiettivo dei promotori è di consegnare i moduli alla Cancelleria federale "il più presto possibile, al più tardi tuttavia a fine ottobre 2015". Il termine ufficiale di consegna scade soltanto il 2 giugno 2016.

L'iniziativa "Fuori dal vicolo cieco! Rinunciamo alla reintroduzione di contingenti d'immigrazione", pubblicizzata con la sigla tedesca RASA ("Raus aus der Sackgasse"), si propone di annullare gli effetti del voto del 9 febbraio rinunciando così alla reintroduzione dei contingenti per gli stranieri.

Il testo è considerato dagli stessi iniziativisti come un piano B qualora l'articolo costituzionale approvato dal popolo svizzero non potesse essere attuato. Esso è volutamente ultraconciso: chiede semplicemente che le disposizioni introdotte il 9 febbraio 2014 (art. 121a e 197 n. 11) vengano abrogate. Secondo i promotori, l'approvazione dell'iniziativa dell'UDC (con una stretta maggioranza del 50,34%) ha rimesso in questione la via bilaterale e condotto la Svizzera in un vicolo cieco, da cui bisogna uscire.

Il comitato si dice formato da un gruppo di cittadini non legati ad alcun partito politico ed è sostenuto da circa 300 personalità del mondo della formazione, della scienza, del lavoro e della cultura. Vi figurano, ad esempio, il rettore designato dell'Università di Ginevra Yves Flückiger, l'artista Pipilotti Rist, l'ex direttore di Pro Helvetia Bernard Cathomas, l'ex calciatore Andy Egli, l'ex presidente del Tribunale federale, Giusep Nay, il clown Dimitri nonché il professore di storia Georg Kreis. L'iniziativa è appoggiata anche dal Sindacato dei servizi pubblici (SSP/VPOD) e dall'associazione swisscleantech.

ats

Commenti
 
TOP NEWS Svizzera
LUCERNA
5 ore

L'aggressore 23enne affronta la Polizia. La vittima: «Non vedo più da un occhio»

Il 21 settembre aveva letteralmente spaccato la faccia a un 33enne incontrato in stazione. La polizia, quindi, aveva diffuso le immagini della video sorveglianza

VALLESE
7 ore

Chamoson, l'auto trovata nel Rodano è quella della tragedia

I cadaveri dei due dispersi non sono stati per contro ritrovati nell'abitacolo

SVIZZERA / SPAGNA
9 ore

Gli indipendentisti catalani in Svizzera: «Viste da qui, queste sentenze sono inconcepibili»

Per la sezione elvetica dell'Assemblea Nacional Catalana, le condanne di oggi sono «uno scandalo nell'Europa democratica»

GINEVRA
9 ore

A processo il vicepresidente di Exit Romandia: «Ha aiutato un'86enne a morire»

I fatti risalgono all'aprile del 2017: la donna, in buona salute, aveva chiesto di poter lasciare questo mondo insieme al marito gravemente malato

FOTO
ZURIGO
11 ore

Ruba l'auto, forza il posto di blocco e investe una poliziotta

Un'agente di 39 anni è rimasta ferita gravemente. Il conducente, un cittadino svizzero, è stato fermato e arrestato

FOTO
BASILEA CITTÀ
12 ore

Bus frena bruscamente per evitare una bicicletta, sette feriti

Diversi passeggeri sono caduti a terra a causa della frenata d'emergenza del mezzo. Il ciclista non si è fermato sul luogo dell'incidente. La polizia cerca testimoni

LOSANNA
12 ore

Il Politecnico di Losanna rinuncia al concorso di Elon Musk

I ricercatori intendono concentrarsi sull'aspetto ecologico di questo tipo di trasporto del futuro

VIDEO
ZURIGO
14 ore

Un'enorme pozza di sangue sul tram, è mistero sulle cause

La vicenda è avvenuta attorno alla mezzanotte di domenica sul tram numero 2 della città di Zurigo. La compagnia di trasporti: «Oltre 2000 orme insanguinate». La polizia: «Stiamo indagando»

ZURIGO
16 ore

I costi della salute crescono? Ha la febbre e chiama l’ambulanza

L'uomo, che aveva 37,8, ha aspettato i soccorritori sulla porta di casa ed è subito montato sul mezzo di soccorso. «Ho preso una pastiglia, ma la temperatura non scendeva»

GRIGIONI
17 ore

Precipita per 200 metri sotto gli occhi del marito

La vittima è una 52enne che stava scalando la cima del Piz Arlos, sopra Savognin

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile