keystone-sda.ch / STF (Mark J. Terrill)
+22
LOS ANGELES
26.01.20 - 23:450
Aggiornamento : 27.01.20 - 14:10

«Egoista e spietato, per questo amo Kobe Bryant»

Dominatore in campo e con una vita privata turbolenta, l'ex cestista ha lasciato un vuoto enorme nel cuore di tanti. Parlare al passato è difficile

LOS ANGELES  - Se hai tra i 35 e i 45 anni sei cresciuto con lui. Se ne hai di meno lo hai idolatrato. Se ne hai di più lo hai mal sopportato perché è stata la cosa che più si è avvicinata a Sua Maestà Michael Jordan.

In ogni caso, hai respirato a pieni polmoni il suo talento, il suo gioco, il suo carisma, il suo sconfinato ego. E ne sei rimasto rapito. Lui è Kobe Bryant.

Il tempo presente è un obbligo perché davvero, nonostante il rincorrersi delle notizie, dei tweet, dei post, di tutto quello che oggi ci regala questa informazione orizzontale e immediata, si fa fatica a credere a quanto successo a uno dei più grandi atleti della storia dello sport.

Non si sta parlando di basket, non solo di quello. Ci fermassimo alla palla a spicchi, probabilmente impiegheremmo ore per raccontare una carriera che definire leggendaria è il minimo. Si sta parlando di sport. A livello globale. Kobe è stato grande tanto quanto Muhammad Ali, Fausto Coppi, Michael Schumacher, Babe Ruth e pochi altri. In più, ha avuto la fortuna-sfortuna di vivere un'epoca nella quale l'esposizione mediatica era già diventata un fattore. E questo ha reso la sua leggenda ancora più grande.

Figlio di un buon giocatore, cresciuto in Italia, esploso giovanissimo nell'High School statunitense, capace di portare nuovamente in trionfo i Los Angeles Lakers – il suo grande amore mai tradito – e poi, una volta ritirato, di mettere le mani su un Oscar per il Miglior cortometraggio d'animazione: Kobe ha consumato la sua vita senza mai staccare il piede dall'acceleratore. E questo, oltre che un vincente, lo ha reso scomodissimo. Già perché nel giorno dello sbigottimento, della tristezza, del cazzotto ricevuto in pancia e che ti lascia senza fiato, sarebbe sbagliato non ricordare i tanti spigoli dell'ex 8 e 24 gialloviola. Uno che si è creato la propria grandezza anche sulle maledizioni dei tifosi delle squadre rivali, uno che si è distinto per aver fatto saltare la coppia più devastante del basket moderno (chiedere a Shaq O'Neal, per conferma), uno accusato di aver distrutto mentalmente ogni compagno non disposto a dare il massimo.

Era duro. Era talvolta egoista ed accentratore. Era spietato. Era schietto. E per tutto ciò è stato rispettato. E amato come pochissimi prima di lui. Da chi lo ha incrociato almeno una volta sul parquet più ancora che dai supporter. E questo è tutto dire.

His Airness Michael Jordan, quello che ha esportato il basket nordamericano in ogni angolo del pianeta, ha unito. Kobe, quello che lo ha fatto diventare un affare per tutti, ha diviso. Entrambi, grandissimi, sono entrati nell'immaginario collettivo come simboli stessi della palla a spicchi. Come presenze indefinite davanti alle quali anche i campioni di oggi hanno sempre chinato il capo. Uno di questi, LeBron James, proprio poche ore prima del tragico schianto aveva superato Bryant al terzo posto della classifica dei migliori marcatori della storia NBA. Aveva ricevuto i suoi complimenti – via social, ovviamente – e li aveva custoditi gelosamente come fossero un regalo preziosissimo. Glieli aveva fatti il suo idolo...

Lo stesso LeBron James, saputo della notizia, come ogni appassionato è tornato a casa per piangere con la sua famiglia. Con i suoi figli. Pure Kobe, che mollato il basket si era ammorbidito, aveva seppellito l'ascia di guerra, aveva una famiglia bellissima e che amava alla follia. Sposata giovanissima, la moglie Vanessa lo aveva supportato e sopportato e gli aveva dato quattro figlie. Natalia Diamante, Gianna Maria-Onore, anch'essa morta nell'incidente, Bianka Bella e la piccolissima Capri Kobe, di neppure un anno. Una volta che il clamore mediatico si sarà placato, una volta che si comincerà a ripensare all'ex Laker con un piccolo sorriso, perché l'incredulità avrà lasciato spazio alla routine, saranno loro, le donne Bryant, a continuare a soffrire. A continuare a ricordare ogni giorno un uomo imperfetto come tutti ma, nella sua ostinazione, grandissimo.

Questo è il tempo delle lacrime.
Ciao Kobe, che la terra ti sia lieve.

SPORT: Risultati e classifiche

keystone-sda.ch / STF (LARRY W. SMITH)
Guarda tutte le 26 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Lena Salitto 10 mesi fa su fb
Questo è giornalismo? A poche ore dalla morte di un’atleta, definendolo “la cosa che si è più avvicinata”.... ??? Questo sarebbe giornalismo? Questo è uno che non sa nulla e vuole fare il protagonista scrivendo il classico TIO articolo colmo di supponenza e verità ad effetto da emerito non conoscitore... una “cosa” ... impara il rispetto
NENO 10 mesi fa su tio
Complimenti a Giraldi per l'ottimo ricordo e una scrittura assolutamente godibile...questo è giornalismo!!
Frankeat 10 mesi fa su tio
Da quache anno gira su Youtube un filmato dove mettono a confronto le azioni da MJ e KB e il secondo sembra la fotocopia identica del primo. Gli stessi identici passi, gli stessi movimenti, gli stessi tiri dalle stesse posizioni, le stesse espressioni facciali, smorfie, risate. Neanche Hollywood sarebbe arrivata a creare una cosa simile. Cercate su youtube "Kobe Bryant vs Michael Jordan - Identical Plays" (non metto il link perché penso che sia ancora vietato farlo)
tazmaniac 10 mesi fa su tio
@Frankeat ma infatti, secondo me, raramente, per non dire mai si è visto un "passaggio di consegne" più simile a questo. Penso di poter tranquillamente dire che più di così puoi solo farlo con la clonazione.
tazmaniac 10 mesi fa su tio
Non concordo con l'articolo. Ho più di 45 anni, ho "amato" MJ ma da tifoso dei Lakers, non posso che essere stato ammaliato da Kobe, che appunto ha raccolto l'eredità pesante lasciata da MJ. Grazie Kobe, RIP con il tuo piccolo angelo al tuo fianco ;o(
Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
MOTOMONDIALE
3 ore
«La malattia mi sta distruggendo»
Da due anni l'australiano convive con una rarissima sindrome da stanchezza.
HCAP
7 ore
L'Ambrì perde Conz: fuori 2 mesi
Brutte notizie per coach Cereda, che dovrà fare a meno del portiere 29enne
HCAP
8 ore
Pestoni di ritorno ad Ambrì?
Dall'anno prossimo l'attaccante ticinese del Berna potrebbe rientrare in Ticino.
BUNDESLIGA
8 ore
«Favre? Chi giudica solo i titoli ha una visione limitata»
Joachim Watzke, direttore generale del club tedesco: «Al momento non ci sono decisioni prese».
SUPER LEAGUE
11 ore
Ancora imbattuto, il Lugano non si ferma
Solidi e ben organizzati, i bianconeri - secondi a -2 dall'YB - non perdono da 16 incontri ufficiali (15 in campionato)
SUPER LEAGUE
14 ore
Accettata una modifica regolamentare essenziale per il Lugano
I bianconeri potranno continuare a disputare il campionato di Super League, nonostante uno stadio non a norma
HCAP
17 ore
Un Ambrì altalenante spinto da Nättinen
I leventinesi a corrente alternata: deludente a Rapperswil, convincente (e vincente) contro il Ginevra
SERIE A
1 gior
Ibra show, il Milan vola: sbancato il San Paolo
I rossoneri, trascinati dal solito Ibrahimovic (salito a quota 10 gol in campionato), passano anche a Napoli (1-3).
AIROLO
1 gior
Doris De Agostini, orgoglio ticinese
Da Airolo alla conquista del mondo, poi a 25 anni lo stop alla carriera.
SUPER LEAGUE
1 gior
Lavanchy regala un punto al Lugano
A Ginevra i bianconeri, sotto 1-0 dopo 45', sono riusciti a conquistare un punto prezioso.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile