Domenico Gravino
L'OSPITE
04.11.20 - 18:450

Risanamento o Scuola elementare nuova a Gordola

Domenico Gravino, Consigliere Comunale e Membro della Commissione della Gestione Lega-UDC di Gordola

Dopo una Legislatura prolungata di un anno al 2021 per causa del Sars-Cov2, c’è stato un polverone nell’ultima seduta del Consiglio comunale. Ponderando la trasparenza su progetti in corso e quelli già evasi da un po', trovo clamoroso e un attestato di povertà che il sottoscritto debba ricorrere a una pubblicazione ufficiale per illustrarne qualche dettaglio.

In diversi colloqui con il gruppo di lavoro municipale, progettisti e riunioni interpartitiche, il consiglio dei commissari in minoranza della Commissione della Gestione ha spulciato le diverse lacune e mancanze di comunicazione, al contrario della maggioranza. Di conseguenza il Consiglio comunale e il Municipio non sono riusciti a presentare alla Popolazione un progetto di risanamento proficuo e completo!

Per cui, il “gioco dell’Oca” come definito dai rappresentanti di maggioranza, lo trovo quasi come un inganno spudorato per “tirar la pancetta tra i denti” senza fondamenta tecniche né finanziarie verso i Gordolesi. Dal principio si basano su cifre completamente differenti da quelle da noi esaminate, preparandosi magari all’attacco finale per le prossime elezioni, “compatti” per sterminare la minoranza di Alternativa Gordola e Lega-UDC?

Il colmo è, che hanno ripresentato un risanamento incompleto con un tetto di 16 Mio., sapendo che non include il tutto previsto, senza entrare in materia e dettagli complessi, saranno 6-8 mio. in più senza l’ammortamento, oltretutto incolpano la minoranza di facile retorica e slogan, ma non si degnano di ammettere le lacune esistenti comprovate per il risanamento delle Scuole al Burio, tutt’altro che un segnale forte!

La cifra citata ufficialmente nei Media e nel volantino informativo odierno di 35 Mio., sarà basata sul loro calcolo errato ed una parentesi con Caslano come esempio, e non sul nostro calcolo più ponderato e reale! Solo per citarne una, pensando di voler garantire la struttura “solo per i prossimi vent’anni”, pagando però un credito di una durata di quarant’anni, è logico questo?

Noi da parte nostra, abbiamo accettato la decisione democratica in Consiglio comunale, se i centristi pubblicano sul loro sito o fanno notare che un Referendum sia un passo nel passato, vuol dire che prendono a calcioni la democrazia diretta svizzera, perché e logicamente è anche l’ultima opportunità di dare la parola alla Popolazione di Gordola.

Sarà il Municipio a occuparsene e portarla a votazione se passerà il Referendum, se poi il Popolo Gordolese voterà, contro o pro, si saprà almeno di aver dato il massimo possibile, e messo a disposizione tutti gli utensili della nostra democrazia diretta confederata in mano ai nostri Concittadini. Per il futuro del Paese il Municipio attuale e quello che succederà, dovrà comunque chinarsi ad altri investimenti importantissimi, anche a livello di messa in sicurezza collinare, che avranno un impatto finanziario da gestire con tatto e lungimiranza.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ospite
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile