CR
In barca alle cascate del Reno
SVIZZERA
17.09.20 - 17:270

Sciaffusa, città rinascimentale bagnata dal Reno

"Suisse Parc": fine settimana alla scoperta del centro storico, dei bovindi e delle cascate monumentali

SCIAFFUSA - La bella e antica città di Sciaffusa si trova nella parte settentrionale della Svizzera, nel cantone omonimo. Questo piccolo borgo è bagnato dalle acque del Reno e questo fiume rappresenta da sempre una ricchezza per la regione. Infatti, grazie soprattutto all’interruzione delle acque presso alle imponenti e famosissime cascate, poco fuori dal centro abitato, la città nel passato diventava scalo commerciale e base importante di rifornimento.

Percorrendo, nel centro storico, la strada centrale, chiamata Vordergasse, arriverete ad un punto lievemente collinare dal quale potrete ammirare la fortezza di Munot, simbolo indiscusso della città, emergente accanto alla sponda del Reno. In questo luogo simbolo di Sciaffusa si celebrano le festività importanti; soprattutto in estate si anima di balli e di rievocazioni storiche accompagnate dagli immancabili spumeggianti fuochi d’artificio capaci di emozionare non solo i grandi, ma anche i piccoli compagni di viaggio. Dall’alto si scorge meglio la pianta circolare della grande superficie su cui si sviluppa la fortezza. La torre che svetta sulla circonferenza della fortezza garantisce un punto di avvistamento panoramico eccezionale, proprio sulle sponde del Reno, dal quale osservare il fitto reticolato delle abitazioni di Schaffhausen. La fortezza di Munot venne costruita nel sedicesimo secolo, sin dalle origini si tiene traccia di tutti i guardiani della fortezza che nel tempo si sono succeduti. Questi da sempre danno inizio alla serata cittadina con il suono della campana (intorno alle ore 21). Vi consigliamo di proseguire la visita recandovi nel ricco giardino di rose nei dintorni della fortezza dove un profluvio di profumi e colori vi lasceranno a bocca aperta.

Il centro storico è uno straordinario esempio di arte e architettura rinascimentale. Le fortificazioni della città medievale sono state in gran parte demolite a metà del XIX secolo. L'Obertorturm e lo Schwabentor, dove si sono separate le due rotte commerciali verso la Germania meridionale, sono ancora oggi conservate. Ancora oggi un detto sopra l'arcata avverte "Lappi tue d'Augen uf" (Apri gli occhi, tu cancello). Forse un suggerimento per il visitatore di non passare ciecamente davanti a tutte le bellezze nascoste! Nella città vecchia chiusa al traffico, con i suoi vicoli, le porte e i passaggi, ci si sente riportati indietro nel tempo. Le belle case di città del periodo gotico e barocco presentano con orgoglio le loro facciate riccamente dipinte e scolpite. Particolarmente degni di nota sono gli affreschi tardo-rinascimentali della casa "Zum Ritter", i sontuosi stucchi della facciata della casa "Zum Steinbock" o la facciata riccamente decorata della casa "Zum goldenen Ochsen". Nell'incantevole città medievale di Sciaffusa ci sono 171 bow window (bovindi) da scoprire - nessun'altra città della Svizzera ne ha di più. Che si vada a fare shopping nei vicoli tortuosi, a guardare il trambusto in uno dei tanti caffè di strada o ad esplorare uno dei rinomati musei: Anche Sciaffusa vi incanterà. Sciaffusa si sente improvvisamente come se fosse stata riportata indietro di 1000 anni.

Quasi 10 minuti a piedi tra le vie del centro, partendo da Munostieg e arrivando a Klusterstrasse, si può ammirare un’altra fantastica attrazione di Schaffhausen, il Convento di Ognissanti (Allerheiligen). Questo edificio venne costruito nel dodicesmo secolo e ospita una comunità benedettina. Lo stile architettonico d’origine è quello romanico; se però ci si addentra nel complesso monumentale si resta colpiti dal rigoglioso e splendido chiostro dove stile romanico e gotico si incontrano armoniosamente. Esso rappresenta il più ampio chiostro della Svizzera, quindi fate in modo di non farvi scappare alcuni scatti fotografici interessanti. Nei dintorni del monumento trovate anche una zona allestita a museo, dove approfondire la storia del sito religioso; lasciatevi coinvolgere in una delle frequenti e sempre rinnovate mostre d’arte e incuriosire con le esposizioni legate alla scienza per scoprire maggiormente le bellezze della natura.

Nella zona periferica di Schaffhausen si nasconde uno dei luoghi più preziosi della Svizzera: le cascate del Reno. Le cascate del Reno di Sciaffusa, alte 23 metri e larghe 150 metri, sono le più grandi e più ricche d'acqua d'Europa. Non perdetevi l'impressionante fenomeno naturale delle cascate del Reno quando siete in vacanza sul Lago di Costanza o nelle immediate vicinanze. Prendere il treno fino alla stazione FFS "Neuhausen am Rheinfall" e poi utilizzare l'ascensore verticale e il sentiero pedonale per le cascate del Reno (ca. 10 minuti). Se viaggiate in auto: sul posto vi sono parcheggi, ma a dipendenza della stagione, gli spazi liberi sono limitati. La cascata più grande d'Europa vi offre uno spettacolo grandioso. Ogni secondo, fino a 700 mila litri d'acqua si tuffano fragorosamente dalla scogliera. Scalare la roccia è, insieme alla gita in barca nel bacino delle cascate del Reno, una delle esperienze indimenticabili per ogni visitatore. Sul posto vi sono diversi percorso (indicati con colori diversi): da 15 a 30 minuti a seconda del giro. Un linea, quella gialla, si ferma presso la roccia in mezzo alla cascata.

Per vivere al meglio questa esperienza naturalistica, viaggiate poi sul battello che vi farà solcare le acque del Reno, per ammirare la città da un’altra prospettiva. Il vostro viaggio fluviale partirà dalla terra sulla quale sorge il castello di Laufen, al cui interno, se avrete tempo di vistarlo, troverete un museo della storia millenaria di quel luogo (l’Historama) e il Panorama Lift, l’ascensore di vetro dal quale poter ammirare dall’alto e col fiato sospeso le meraviglie di Schaffausen.

“Suisse Parc” è un’iniziativa del mio blog volta a promuovere le attrazioni svizzere vicine e lontane. Una bussola turistica che nel corso dei prossimi mesi vi accompagnerà attraverso valli, cantoni, villaggi e sulla vetta di montagne, nonché all’interno di musei ed esposizioni. Non esitate a contattarmi per sottopormi le vostre idee, gli intinerari che vi sono particolarmente piaciuti oppure i luoghi che ritenete paradisiaci. Unica condizione: devono trovarsi all’interno della Svizzera, dello “Suisse Parc” appunto. Continuate a seguirmi!

Testo a cura di Claudio Rossetti

Contatto: newsblog@viaggirossetti.ch
Link utile: www.viaggirossetti.ch

 

 

ULTIME NOTIZIE Viaggi & Turismo
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile