Freepik / Rawpixel.com
Target
15.06.21 - 08:000

Local SEO: quando la promozione online comincia “da casa propria”

L’attenzione per i commerci vicini non diminuirà con la pandemia. Scopriamo il loro principale alleato sul web

L’esigenza di curare la propria “Local SEO” nel modo giusto per molti è nata nei primi mesi del 2020: per tutti quei negozi, ristoranti e studi che si rivolgono a una clientela di prossimità. Nel loro caso, l’impossibilità di ospitare i consumatori fisicamente nei propri locali ha comportato un drastico calo di lavoro, che per molto tempo solo gli strumenti digitali hanno potuto compensare.

Sebbene i grandi brand dell’e-commerce abbiano visto un aumento di volumi pressoché inedito, le realtà più piccole che si sono date da fare non ne sono rimaste schiacciate: anche le attività locali hanno presto imparato a scommettere sulla loro presenza online, che per ovvi motivi ha ricevuto un’attenzione senza precedenti. Imprenditori e commercianti si sono affrettati ad adottare o tirare a lucido strumenti a cui, magari, fino ad allora non aveva prestato sufficiente attenzione.

 

Come si può migliorare la Local SEO?

Fare un’analisi in chiave SEO può rivelarsi un lavoro esteso e complicato: per questo, per investire le proprie risorse al meglio, molte aziende e attività si rivolgono a degli esperti del settore. Lo stesso vale per le “diagnosi” a livello locale, in quanto anche per i siti e gli e-commerce rivolti ai clienti vicini valgono le stesse dinamiche che Google applica con i propri algoritmi.

Un intervento che si può fare nell’immediato è un aggiornamento complessivo dei contenuti. Si tratta di un accorgimento semplice che molti hanno teso a procrastinare, prima della pandemia. Il sito web dovrebbe sempre contenere dei chiari riferimenti alla zona di competenza dell’attività, per evitare che i visitatori si confondano o fraintendano la disponibilità dei servizi. Per la stessa ragione è bene controllare e aggiornare tutte le informazioni utili, come gli orari, la disponibilità o meno di ritiri/consegne a domicilio, tutti i riferimenti di contatto a disposizione.

Anche Google My Business, già importante prima del 2020, ha adesso un ruolo ancora più incisivo nel miglioramento della Local SEO. Google ha reso questa feature volontariamente più approfondita e intuitiva, per permettere a tutti i gestori delle tante schede locali sulla piattaforma di aggiornarle con indicazioni, post e offerte disponibili. Le informazioni che gli utenti trovano su Google My Business, infatti, hanno grande visibilità sul motore di ricerca: per questa ragione, è di nuovo importantissimo assicurarsi che i dettagli della nostra scheda siano corretti e up to date.

Se volete accingervi a fare questa operazione, non dimenticate di fare un controllo anche sulle vostre pagine social, per aggiornarle a loro volta e controllare che le informazioni siano coerenti a quelle riportate sul vostro sito e su Google My Business.

 

Cosa ci riserva il futuro della Local SEO?

In queste settimane di diffusione dei vaccini anti-Covid e di generale rallentamento della pandemia, potremmo essere spinti a pensare che la Local SEO sia destinata a ricevere meno attenzione. Le statistiche raccolte dal portale Moz, invece, raccontano una storia molto diversa.

Secondo la ricerca in questione, il 72% degli intervistati ha intenzione di fare maggiore affidamento sulle attività locali, una volta giunti a una nuova normalità. Questo interesse, di conseguenza, ci fa comprendere quanto l’attenzione sulla presenza online di negozi e studi locali non sarà assolutamente ridotta.

A questo trend si associa un ritrovato interesse per il consumo consapevole nei confronti delle realtà cittadine. Gli stessi utenti sono spinti a sceglierle per i propri acquisti per poterle sostenere e per avere un’esperienza d’acquisto più umana e confidenziale. L’83% dei consumatori, infatti, asserisce di preferire un’azienda locale rispetto a quelle più grandi, e di essere disposto a spendere di più per fare i propri acquisti nelle attività di questo tipo.

Il potenziale della Local SEO, di conseguenza, potrebbe continuare a crescere, o quantomeno rimanere stabile: sarà compito di imprenditori e imprenditrici trarre vantaggio da questa tendenza nel modo giusto, ottimizzando la propria presenza in rete e rimanendo vigili sulle esigenze dei loro clienti.

 

Da esperti in comunicazione e web marketing, siamo consapevoli dell’altissima velocità con cui piattaforme e algoritmi tendono a cambiare, dettata dal desiderio delle aziende di rendere i sistemi sempre più utili per utenti che le adoperano. Fare altrettanto, prestando la giusta attenzione alla nostra attività online, quindi, è il minimo che si possa fare.

Possiamo darvi consigli utili e supporto nell’ottimizzare tutte le vostre pagine in chiave Local SEO: contattateci per una consulenza gratuita, vi spiegheremo come possiamo aiutare il vostro business attraverso un’analisi competente e un’esecuzione fondata sui vostri obiettivi.

 

Articolo a cura di Linkfloyd Sagl, agenzia di marketing e comunicazione in Ticino.

ULTIME NOTIZIE Target
Target
5 ore
Quando la musica fa la differenza: marketing e sound design
I componenti di 8 Hz ci hanno raccontato in che modo il suono sta cambiando le regole del gioco in comunicazione
Target
1 sett
Conversational Marketing: non solo comunicazione, ma dialogo
Lo scambio di feedback tra cliente e brand è al centro di questo approccio orientato a creare relazioni di valore
Target
2 sett
Advergame: quando il marketing incontra i videogiochi
Divertenti, mai invasivi e molto coinvolgenti: ecco in cosa consiste questa interessante categoria del gaming
Target
2 sett
Ristoranti e hotel in Ticino: che cosa è cambiato negli ultimi 18 mesi?
Ne abbiamo parlato con l’esperto Gzim Sinani, che ci ha raccontato il suo punto di vista sull’argomento
Target
3 sett
Come gestire progetti digitali complessi? La parola agli esperti
Fare il Project Manager è un’avventura sfidante e articolata: ce la raccontano Emanuele De Pasquale e Marziale Brusini
Target
1 mese
L’arcobaleno dei brand: 3 iniziative di digital marketing nel mese del Pride
“Rainbow washing” o sostegno sincero alla causa LGBTQ+? Ecco cos’hanno fatto alcuni grandi marchi.
Target
1 mese
Digital Marketing per le università? Si può: vediamo come
L’esperto Francesco Laezza ci ha aiutato a scoprire di più sulla comunicazione delle istituzioni di alta formazione.
Target
1 mese
La bellezza del digitale: come si fa web marketing per il settore Beauty?
Lo abbiamo chiesto a chi se ne intende: il consulente e docente Francesco Laezza ci ha raccontato alcune curiosità.
Target
1 mese
Google riparte da MUM: quali conseguenze avrà il nuovo algoritmo
L’introduzione di un’intelligenza artificiale molto avanzata cambierà le regole del gioco in ambito SEO
Target
1 mese
Che cos’è il Nudge Marketing e perché le aziende devono usarlo
Scopriamo i segreti delle tattiche derivate da esso che molti professionisti mettono in pratica con successo
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile