+ 5
SALONE DI GINEVRA 2018
09.03.18 - 19:350
Aggiornamento : 12.03.18 - 16:01

Porsche: elettrificazione e guida autonoma rispettando la propria filosofia

Il responsabile dello sviluppo tecnico di Porsche ci spiega come verranno investiti i 6 miliardi destinati alla mobilità elettrica.

La mobilità elettrica è ormai sulla bocca di tutti e sembrerebbe che nessuno possa escludersi da questa corsa. Nemmeno un costruttore di automobili sportive come Porsche, che oltre ad aver sempre dimostrato una certa sensibilità verso l’argomento presentando prodotti e prototipi molto interessanti ha anche recentemente dichiarato di investire sei miliardi di Euro nella mobilità elettrica entro il 2022. Un argomento del quale abbiamo parlato, in occasione dell’ottantottesimo salone di Ginevra, con il Dr. Michael Steiner, responsabile ricerca e sviluppo del costruttore di Zuffenhausen.

Qui a Ginevra Porsche ha presentato la Mission E Cross Turismo, un derivato della Mission E il cui compito è quello di tastare il polso per comprendere se vi sia spazio per una sorta di (passateci la definizione) piccola Panamera con richiami Off-Road. Tecnicamente è invece identica alla Missione E presentata nel 2015 che tutti conosciamo, vale a dire due motori elettrici (uno per assale) per una potenza complessiva di oltre 600 cavalli, trazione integrale a regolazione elettrica, scatto da 0 a 100 km/h coperto in meno 3,5 secondi, una velocità massima superiore ai 250 orari e un tempo di ricarica che in quattro minuti consente di percorrere 100 chilometri.

Dr. Steiner, quando potremo vedere la Mission E su strada?

"Molto presto. La vettura è tecnicamente matura e pressoché pronta per entrare in produzione, fatto che dovrebbe avvenire alla fine del 2019. L’accoglienza della vettura è stata molto buona sia in Europa che Nord America e proprio per questo motivo non vediamo l’ora di cominciare.”

Porsche sta effettuando grandi investimenti nella mobilità elettrica. Dato che questo argomento comprende molti aspetti, dai propulsori alle reti di ricarica, come verranno impiegate le risorse all’interno del vostro marchio?

“Circa la metà è destinata allo sviluppo tecnico e l’altra metà in infrastrutture come per esempio i siti produttivi, strutture di ricarica, e via dicendo. Questo significa che i soldi da noi investiti vanno nella direzione della Missione E, dei suoi possibili futuri derivati nonché delle vetture sviluppate sulla base della piattaforma per veicoli elettrici “PPE” che condividiamo con Audi.”

Porsche già ora è forte di una gamma piuttosto ampia di modelli elettrificati, avendo Panamera e Cayenne ben due versioni ibride plug-in ciascuna. L’elettrificazione si estenderà ad altri modelli?

“Per quanto concerne le plug-in ibride continueremo a lavorare sui modelli esistenti a motore anteriore a benzina. Per quanto riguarda invece le vetture puramente elettriche ci concentreremo appunto sulla nuova Missione E o su modelli basati sulla citata piattaforma PPE. Da un punto di vista ingegneristico è certamente possibile progettare una vettura ed equipaggiarla con tutte le tipologie di propulsori di cui disponiamo (a benzina, ibridi, puramente elettrici) ma questo significa effettuare dei compromessi che vanno a discapito di uno di queste tecnologie che non potrebbero quindi esprimere al massimo la loro efficienza e il loro potenziale. Per questo motivo abbiamo deciso di procedere con lo sviluppo su due strade separate.”

Le recenti Panamera Turbo S E-Hybird e Cayenne Turbo S E-Hybrid hanno dimostrato che l’approccio di Porsche alle tecnologie del futuro è focalizzato si all’efficienza ma d’altro canto anche finalizzato all’ottenimento delle massime prestazioni. In quest’ottica come si pone il marchio nei confronti della guida autonoma?

“In realtà è molto semplice. Da un punto di vista tecnico potremmo senza problemi produrre un’auto a guida completamente autonoma, d’altro canto sappiamo che la nostra clientela apprezza guidare. Di conseguenza il nostro obiettivo è quello di cerare delle tecnologie le quali sgravino il conducente dalle operazioni più noiose, per esempio stare in colonna o cercare il posteggio.”

 

Le ultime novità del mondo Porsche le trovi da...

Centro Porsche Lugano
Via Pian Scairolo 46A
6915 Pambio-Noranco
091 961 80 60

Centro Porsche Locarno
Via San Gottardo 131
6596 Gordola
091 735 09 11

www.porsche-ticino.ch

Guarda tutte le 9 immagini
TOP NEWS Motori
TEST DRIVE
11 ore
Supra, nuova vita per la sportiva “top” Toyota
Dopo lunga attesa torna in vita la tradizionale coupé sportiva di punta della marca giapponese: forte del sei cilindri da 340 cv, spicca per la guida guizzante, incisiva e rapidissima.
PRIME IMPRESSIONI
3 gior
Morde la strada, aggredisce la pista: BMW M8 Competition
La grande coupé bavarese sfrutta tutta la tecnologia della divisione M per offrire un potenziale dinamico capace di renderla davvero rapida ed incisiva. Ma sempre piacevolmente “trattabile”.
TEST DRIVE
5 gior
Kia Sorento, regina di viaggio e di relax
La coreana al vertice della gamma Suv premia i passeggeri con una marcia fluida, versatile e conviviale, all’insegna dell’equilibrio e del comfort. Spazio ed abitabilità in rilievo.
PRIME IMPRESSIONI
1 sett
Turismo di gran carriera per la McLaren GT
Pensata per l’impiego quotidiano e sulle lunghe percorrenze, l’inedita sportiva inglese vanta un look più affusolato con molto più spazio per il bagaglio. Senza rinunciare alla sua anima corsaiola.
PRIME IMPRESSIONI
1 sett
BMW M8 Competition Cabriolet, “pedigree” sportivo anche a cielo aperto
La meccanica di punta della divisione M Sport sprigiona grinta e dinamismo di vertice anche con carrozzeria convertibile: per un raro mix di esuberanza, sportività e coinvolgimento.
TEST DRIVE
1 sett
Ford Focus Active Wagon, la giardinetta veste “offroad”
L’allestimento crossover conferisce più relax e versatilità, grazie all’assetto rialzato e ai programmi aggiuntivi per la gestione della motricità. Vivace ed autorevole il 2.0 turbodiesel.
PRIME IMPRESSIONI
2 sett
Taycan, velocità e curve nel cuore anche con anima elettrica
La berlina “zero emissioni” a quattro posti offre prestazioni entusiasmanti e un carattere dinamico cristallino. Accompagnando la notevole esuberanza con un’autonomia di tutto rispetto.
PRIME IMPRESSIONI
2 sett
Gran Coupé, Serie 8 a metà tra berlina e sport
Strettamente derivata dalla sportiva di lusso, l’inedita variante a quattro porte garantisce tanto più spazio e versatilità con la promessa di conservare lo stesso, pregevolissimo dinamismo.
Novità
2 sett
Koenigsegg Regera, nuovo record di accelerazione… e frenata
La hypercar svedese da oltre 1500 cv abbassa ulteriormente il proprio record nella prova combinata di accelerazione fino alla velocità massima e successivo arresto. In condizioni non ottimali…
TEST DRIVE
3 sett
“Pieno” di corrente e di sostanza per la Optima Sportswagon PHEV
La grande wagon ibrida ricaricabile, ulteriormente affinata, convince per autonomia e rendimento offrendo buone prestazioni ed un’accoglienza di qualità. Leggermente sottotono il vano di carico.
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile