+ 11
Auto
15.01.18 - 06:000

Subaru Impreza: nuova generazione, vecchi valori

Pur effettuando solo una timida evoluzione nel design, la Subaru Impreza è tutta nuova. Scopriamo quali sono le sue principali novità.

La guardi e ti sembra uguale a prima, anche se in realtà non è così. La nuova Subaru Impreza, pur molto frizzante ed attuale, resta volutamente conservativa nonostante un’evoluzione molto approfondita.

Misure alla mano è appena 4,5 cm più lunga. Ma sotto sotto ci dovrà pur essere qualcosa di più…

In primo luogo, la scocca è integralmente di nuova progettazione e presenta diverse migliorie: è stata studiata per risultare ben più resistente alle sollecitazioni torsionali e in grado di offrire una sicurezza passiva significativamente superiore (la Casa parla di +40%; nei test EuroNCAP ha ottenuto il massimo punteggio). In secondo luogo, il baricentro è stato ulteriormente abbassato, mentre le nuove geometrie delle sospensioni consentono anch’esse movimenti laterali dell’auto molto più contenuti: la nuova Impreza guadagna sensibilmente in reattività al volante, in agilità ed in piacere di guida. Cresce, inoltre, la protezione attiva, poiché l’auto ora adotta la soluzione Eyesight a doppia telecamera, già impiegata sugli altri modelli della casa delle pleiadi, per “guidare” tutta la serie di servizi di ausilio alla conduzione: inclusi frenata automatica di emergenza con riconoscimento pedoni e ciclisti e regolatore di velocità adattivo.

 

Tecnicamente ci sono grandi cambiamenti?

La Impreza ha cambiato “veste” ed ha un carattere dinamico più piacevole, ma per il resto conferma le classiche caratteristiche Subaru sin qui apprezzate, tra cui proprio le motorizzazioni boxer e la trazione integrale permanente. A disposizione sono previste due unità benzina aspirate, di 1.6 (114 cv) o 2.0 litri, riviste a fondo sul piano tecnico (80% parti nuove, -12 kg). Quella più grande, 156 cavalli, è la più adatta alla vettura per un impiego a tutto campo; rispetto ai piccoli 1.2-1.5 Turbo della concorrenza, qui manca un po’ di elasticità supplementare specie ai regimi più bassi (la coppia massima di 196 Nm giunge solo a 4000 giri), il che si riflette in un’elasticità solo discreta. L’allungo ai regimi superiori è invece allegro e permette uno scatto piuttosto godibile (0-100 km/h in 9,4 secondi).

 

È vero che la si può acquistare solo con il cambio automatico?

Si. Subaru ha fatto una scelta un po’ coraggiosa ma condivisibile, equipaggiando le nuove Impreza unicamente con la trasmissione Lineartronic a variazione continua. Anche per poter offrire tutte le funzionalità tecnologiche di ausilio alla guida che dipendono dalla doppia telecamera EyeSight, a sua volta legata alla presenza del cambio automatico. La soluzione Lineartronic non è nuova, ma è stata anch’essa affinata: sempre dolce e reattiva nell’uso normale, pur contraddistinta dal consueto funzionamento un po’ trascinato stile scooter, con poco o nullo freno motore in rilascio; ma nell’uso quotidiano si rivela assolutamente comoda, risultando inoltre molto rapido il passaggio alla modalità manuale sequenziale, con sette rapporti pre-impostati, tramite il tocco sulle palette al volante. La trazione integrale permanente è di serie ed ora può includere la ripartizione elettronica attiva della coppia sulle singole ruote (Active Torque Vectoring; solo allestimento di punta) in funzione dell’aderenza disponibile e dello stile di guida: contribuisce ad affinare la guida dinamica quando si guida su ritmi piuttosto allegri.

 

Parliamo invece della vita a bordo…

L’interno resta lineare, senza grosse sorprese, ma tutto è organizzato per apparire di semplice ed immediato utilizzo; l’arredo è in ogni caso rifinito con buona cura. Spicca il doppio schermo centrale, con quello rialzato multifunzione da 6,3 pollici (anche con informazioni basilari sulla navigazione) affiancato dal display tattile da 8 pollici più in basso, completo di interfacce per smartphone Android e Apple. Lo spazio a bordo beneficia del passo allungato per garantire valida libertà di movimento su entrambe le file di sedili; la posizione di guida è molto piacevole, però posteriormente l’allestimento è minimalista, limitandosi ad una tasca nello schienale lato passeggero e nulla più. Il vano di carico è ben sfruttabile, include un piccolo doppio fondo e ha un volume nella media (385/1565 litri). Le sospensioni hanno una taratura un po’ “consistente” ma assorbono con efficacia i difetti del manto stradale, filtrando giusto un po’ meno le asperità isolate; la silenziosità di marcia è apprezzabile, anche se percorrendo asfalti drenanti aumenta considerevolmente il rumore di rotolamento delle ruote. Già in vendita, la rinnovata gamma Impreza parte da 24’150 CHF.

Guarda tutte le 15 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Motori
PRIME IMPRESSIONI
13 ore
Seat Mii Electric, vivace e scattante
Il debutto della marca spagnola nell’elettrificazione pura parte dalla citycar convertita a batteria: che è agile, ben brillante e piuttosto confortevole, con autonomia dichiarata di 260 km.
TEST DRIVE
2 gior
Renault Clio, uguale soltanto nel look
La nuova generazione conserva volutamente il design apprezzato, ma offre grandi evoluzioni nell’abitacolo così come nelle tecnologie di bordo. Eccellente il 1.3 turbo da 130 cv.
PRIME IMPRESSIONI
5 gior
Volkswagen Golf
L’ottava generazione affila il conosciuto look “di famiglia”, ma evolve in profondità per digitalizzazione, tecnologie e qualità della guida: in prova col nuovo ibrido leggero 1.5 eTSI da 150 cv.
TEST DRIVE
1 sett
Grinta e agilità per la Volvo XC40 T5
Il Suv cadetto con motorizzazione benzina turbo di punta convince per prestazioni offrendo una guida docile e maneggevole. Con ottimo livello di accoglienza per l’intero equipaggio.
TEST DRIVE
1 sett
Ford Focus ST SW, sapore mordente
L’allestimento sportivo allestito dalla divisione Performance combina il turbodiesel potenziato da 190 cv all’assetto specifico con sterzo più diretto, per una guida dall’evidente dinamismo.
PRIME IMPRESSIONI
1 sett
Mercedes GLB, ama la famiglia e le curve
Il nuovo Suv di gamma intermedia strizza l’occhio alla Classe G, offre fino a sette posti e spicca per la qualità della guida dinamica, davvero convincente. Elastico e versatile il 2.0 td da 190 cv.
TEST DRIVE
2 sett
Seat Tarraco, Suv formato famiglia
Fino a sette posti in un ambiente di bordo ottimamente attrezzato ed accogliente per l’ammiraglia spagnola 4x4, dalla guida armonica e bilanciata. Anche con il 2 litri TSI benzina da 190 cv.
TEST DRIVE
2 sett
Mitsubishi ASX, più fluida e adattabile
Il restyling corposo aggiunge al look personale prestazioni in crescita con il due litri benzina da 150 cv la versatilità della trazione integrale. Crescono gli ausili attivi alla guida.
Novità
2 sett
Ford Mustang Mach-E, potenza e tradizione in un Suv elettrico
L’eredità della sportiva muscolare prende le vesti di crossover elettrico dalle linee tese e suggestive: fino a 465 cv con 600 km di autonomia, trazione posteriore o integrale. Da fine 2020.
TEST DRIVE
3 sett
Toyota C-HR 2.0L Hybrid, crescono prestazioni e ambizioni
Con il restyling di metà carriera arriva il sistema ibrido da 184 cv, che assicura una bella iniezione di brio insieme ad una guida più fluida e piacevole. Aggiornati anche design e tecnologie.
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile