+ 5
PRIME IMPRESSIONI
30.12.17 - 06:000

La Porsche Panamera più potente? È ibrida!

Abbiamo guidato la Porsche Panamera Turbo S E-Hybrid, un concentrato di tecnologia da 680 cavalli che percorre fino a 50 km con il solo motore elettrico.

Se l’avventura della 918 Spyder costituiva l’avvisaglia del futuro, la consacrazione del domani a propulsione elettrica arriva con l’attuale Panamera, che adotta proprio una motorizzazione ibrida quale versione ‘top di gamma’ in termini di prestazioni. Turbo S E-Hybrid dunque è la sigla da tenere a mente per tracciare le Porsche a motore anteriore dalle prestazioni più elevate - o almeno lo è nel caso della Panamera. L’incremento di cavalli e coppia ottenuto aggiungendo l’elettrificazione plug-in è notevole ma, oltre ad estendere ulteriormente l’intensità delle sensazioni forti, ha il pregio di accrescere fruibilità e piacere di guida anche nella sfera del comfort; pur dovendo accettare il passaggio alla presa di corrente ed un volume del bagagliaio parzialmente ridotto a causa della presenza della batteria nella zona posteriore dell’auto.

Tecnicamente e strategicamente, se la mobilità elettrica diviene sempre più importante non soltanto per Porsche ma per qualsiasi altro costruttore, anche nel sistema propulsivo Turbo S E-Hybrid – come sulla Spyder – vive in primo piano la strategia di “boost” orientata alla massima prestazione, con la componente elettrica chiamata ad innalzare la spinta massima. Il V8 di quattro litri a doppio compressore della Turbo S da 550 CV è combinato ad un’unità elettrica da 100 kW/136 CV per una potenza complessiva di 680 CV, cui si aggiunge l’apporto non meno considerevole della coppia che sale dal picco di 770 Nm a 1960-4500 giri/min. a 850 Nm a 1400-5500 giri/min.. L’incremento attivo della spinta affidato alla componente ibrida – sorta di ulteriore “turbo” elettrico – è sfruttato per la massima accelerazione, che consente all’auto di raggiungere i 100 km/h da fermo in appena 3,4 secondi (velocità massima di 310 km orari); per questo, nelle modalità più sportive di marcia (Sport e Sport Plus), la batteria al litio viene continuamente ricaricata e mantenuta al livello minimo sufficiente per poter consentire la funzionalità di partecipazione alla spinta.

L’unione delle due fonti propulsive è versatile e sofisticata. La spinta dei due distinti motori è combinata in parallelo nel modulo ibrido tramite un sistema di disaccoppiamento ECA a frizione elettromeccanica, il tutto trasmesso alla trazione integrale permanente a controllo elettronico tramite il cambio PDK a otto rapporti. La batteria al litio è ricaricabile su presa di rete (sistema plug-in), richiedendo 6 ore con la normale 230V-10A e caricabatterie standard da 3,6 kW; il caricabatterie a richiesta da 7,2 kW adatto alla rete 230V-32A consente di abbattere l’attesa ad appena 2,4 ore. In marcia, quando si raggiunge lo stato di scarica della batteria non si deve tuttavia rinunciare alla componente ibrida, anche lontano dalla presa di corrente, poiché si può avviare la ricarica dell’accumulatore in movimento sfruttando lo stesso motore dell’auto (modalità E-Charge). Procedura attiva in automatico a batteria scarica, come detto, anche nelle modalità di guida più sportive per conservare sempre le prestazioni massime.

La capienza dell’unità al litio consente inoltre la marcia in modalità puramente elettrica (E-Power) con emissioni zero, variabile tra 25 e 50 km con carica all’occorrenza conservabile (E-Hold); in quella standard Hybrid Auto, se impostata la navigazione verso una meta, il sistema impiega i dati topografici per calcolare ed ottenere la massima efficienza energetica. Il manettino di regolazione della modalità di marcia sul volante consente di trasformare in un istante la Panamera Turbo S E-Hybrid da morbida su ogni asperità ed eccezionalmente confortevole, tanto più nel silenzio “elettrico”, fino a molto rigida e rapidissima nei cambi di direzione, grazie anche al sistema di annullamento attivo del rollio, nonché realmente aggressiva in accelerazione e ripresa. Dove i rettilinei spariscono con rapidità capace di sorprendere costantemente e le curve sono “digerite” potenzialmente su ritmi fuori dell’ordinario, come ci si aspetta dopotutto da una moderna ammiraglia sportiva; disponibile con carrozzeria tradizionale (da 226’600 CHF; anche a passo lungo) o nella nuova versione “station wagon” Sport Turismo (da 230’100 CHF).

Guarda tutte le 9 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Motori
TEST DRIVE
1 gior
Renault Clio, uguale soltanto nel look
La nuova generazione conserva volutamente il design apprezzato, ma offre grandi evoluzioni nell’abitacolo così come nelle tecnologie di bordo. Eccellente il 1.3 turbo da 130 cv.
PRIME IMPRESSIONI
4 gior
Volkswagen Golf
L’ottava generazione affila il conosciuto look “di famiglia”, ma evolve in profondità per digitalizzazione, tecnologie e qualità della guida: in prova col nuovo ibrido leggero 1.5 eTSI da 150 cv.
TEST DRIVE
6 gior
Grinta e agilità per la Volvo XC40 T5
Il Suv cadetto con motorizzazione benzina turbo di punta convince per prestazioni offrendo una guida docile e maneggevole. Con ottimo livello di accoglienza per l’intero equipaggio.
TEST DRIVE
1 sett
Ford Focus ST SW, sapore mordente
L’allestimento sportivo allestito dalla divisione Performance combina il turbodiesel potenziato da 190 cv all’assetto specifico con sterzo più diretto, per una guida dall’evidente dinamismo.
PRIME IMPRESSIONI
1 sett
Mercedes GLB, ama la famiglia e le curve
Il nuovo Suv di gamma intermedia strizza l’occhio alla Classe G, offre fino a sette posti e spicca per la qualità della guida dinamica, davvero convincente. Elastico e versatile il 2.0 td da 190 cv.
TEST DRIVE
1 sett
Seat Tarraco, Suv formato famiglia
Fino a sette posti in un ambiente di bordo ottimamente attrezzato ed accogliente per l’ammiraglia spagnola 4x4, dalla guida armonica e bilanciata. Anche con il 2 litri TSI benzina da 190 cv.
TEST DRIVE
2 sett
Mitsubishi ASX, più fluida e adattabile
Il restyling corposo aggiunge al look personale prestazioni in crescita con il due litri benzina da 150 cv la versatilità della trazione integrale. Crescono gli ausili attivi alla guida.
Novità
2 sett
Ford Mustang Mach-E, potenza e tradizione in un Suv elettrico
L’eredità della sportiva muscolare prende le vesti di crossover elettrico dalle linee tese e suggestive: fino a 465 cv con 600 km di autonomia, trazione posteriore o integrale. Da fine 2020.
TEST DRIVE
2 sett
Toyota C-HR 2.0L Hybrid, crescono prestazioni e ambizioni
Con il restyling di metà carriera arriva il sistema ibrido da 184 cv, che assicura una bella iniezione di brio insieme ad una guida più fluida e piacevole. Aggiornati anche design e tecnologie.
TEST DRIVE
3 sett
EQC 400, anche per Mercedes arriva il “pieno” di corrente
La prima elettrica della Casa sfoggia un carattere a tratti esuberante grazie ai 408 cv dei due motori elettrici, senza trascurare una valida autonomia. Comfort ed accoglienza di qualità.
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile