Afp
Italia
27.09.21 - 12:460

Referendum sulla cannabis, i promotori accusano il governo di sabotaggio e di attentato alla democrazia

Raccolte quasi 600mila firme online, ma moltissimi comuni non vogliono concedere i certificati elettorali

ROMA - Diffidati 1'400 comuni italiani. Il governo accusato di sabotaggio. E i promotori del referendum per la legalizzazione cannabis annunciano lo sciopero della fame.

Da luglio è possibile partecipare al referendum sulla legalizzazione, firmando online con il sistema Spid (Sistema Pubblico di Identità Digitale, ndr.) ma la burocrazia italiana non sta al passo, così che solamente un quarto delle firme raccolte in favore di un cambiamento della legge sulla cannabis è stato certificato.

In quasi 600mila hanno aderito alle proposte di «depenalizzare la condotta di coltivazione di qualsiasi sostanza», «eliminare la pena detentiva per qualsiasi condotta illecita relativa alla Cannabis» ed «eliminare la sanzione della sospensione della patente di guida e del certificato di idoneità alla guida di ciclomotori». La deposizione del testo in Cassazione scade domani 30 settembre, ma prima i comuni italiani sono chiamati a certificare le firme in un tempo massimo di 48 ore.

I promotori hanno inoltrato la richiesta lo scorso martedì agli uffici comunali e a fronte delle 545'394 adesioni, ne sono rientrate solo 125'000. È successo che 1'400 amministrazioni non hanno risposto e sono quindi state definite inadempienti. E sabato sono state diffidate.

Il Comitato referendario, Marco Perduca, Antonella Soldo, Riccardo Magi, Leonardo Fiorentini e Franco Corleone, ha dichiarato su Instagram che «stanno mettendo a rischio l'intera raccolta firme. Nel caso in cui dovesse perdurare questo silenzio istituzionale, noi siamo pronti a diffidare anche il Ministero dell'Interno. Non permetteremo alla burocrazia di sabotare questo referendum».

Ora le richieste sono due. I promotori vogliono che il Governo Draghi intervenga al fine di prorogare al 31 ottobre la disposizione per depositare le firme in Cassazione, come tutti gli altri referendum attualmente aperti, o permettere ai comuni d'inviare i certificati elettorali anche dopo la scadenza di domani. Al momento non è arrivata nessuna risposta e da ieri a mezzanotte il comitato per la cannabis ha indetto un digiuno e invitato tutti i firmatari a partecipare e a promuovere l'iniziativa sui social.

Lo hanno annunciato in una lettera inviata al presidente della Repubblica Mattarella, ripresa da La Stampa: «La nostra colpa consisterebbe nell'adesione massiccia e straordinaria per la legalizzazione del consumo di cannabis e il paradosso inaccettabile si realizzerebbe dando un mese in più a chi ha avuto a disposizione tre mesi per la raccolta e non a chi ha avuto un solo mese. 

La discriminazione è palese e accecante. Il parlamento e il governo si rifiutano di dare un'interpretazione limpida della nuova norma. Mancano quattro giorni all'assassinio della democrazia».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
Stati Uniti
3 ore
Incriminati i genitori del killer di Oxford
La scuola li aveva convocati per esprimere alcune preoccupazioni. Irreperibili per alcune ore, sono stati arrestati
Italia
14 ore
Si spengono i riflettori sul piccolo Eitan. Dopo 84 giorni è tornato a casa
La famiglia: «Ora ha bisogno di serenità e tranquillità per affrontare un percorso di recupero delicato»
Regno Unito
17 ore
Avevano torturato un bimbo fino alla morte, condannati
Arthur Labinjo-Hughes aveva solo sei anni. Il padre con la fidanzata gli hanno fatto subire «crudeli abusi»
GERMANIA
18 ore
Il picco delle terapie intensive è previsto per Natale
«Non si può perdere tempo, non bisogna perdere neppure un giorno» secondo il presidente del Robert Koch Institut
SUDAFRICA
21 ore
La quarta ondata si muove più velocemente delle precedenti
L'incidenza dei ricoveri dei bambini sotto i cinque anni di età è inferiore solamente a quella degli over 60
STATI UNITI
23 ore
Nove colpi di pistola ad un disabile, licenziato un agente di polizia
Il 61enne in sedia a rotelle brandiva un coltello, e si stava recando in un centro commerciale
Francia
1 gior
Si candida come presidente: YouTube lo oscura e i media lo denunciano
Il saggista di estrema destra ha violato i diritti di autore e d'immagine. In totale potrebbe dover pagare 400'000 euro
MONDO
1 gior
«Omicron aveva già fatto il giro del mondo»
La virologa dell'università di Berna Hodcroft: «Le restrizioni servono solo a prendere tempo»
SVIZZERA / MONDO
1 gior
Quegli svizzeri con le piantagioni "problematiche"
Public Eye denuncia la situazione gestita dagli uffici di Ginevra e Zugo, e punta il dito contro la politica svizzera.
STATI UNITI
1 gior
Jack Dorsey, tutti i volti del più atipico dei miliardari hi-tech
Un po' donnaiolo, un po' santone il co-fondatore di Twitter ha confermato il suo addio all'azienda. Vi raccontiamo chi è
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile