Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch (MATTEO CORNER)
ITALIA
20.09.21 - 06:000
Aggiornamento : 09:05

Da quando si possono raccogliere le firme per i referendum via web, l'Italia è cambiata (almeno un po')

Piace ai giovani ed è già un successo per cannabis e contro al Green Pass, resta critico però l'establishment

ROMA - È decisamente cambiato qualcosa in Italia dopo l'introduzione della possibilità di raccogliere le firme per i referendum in via digitale.

Ne dà conferma il lancio di un referendum contro l'abrogazione del Green Pass, ma anche di due altri (completati con successo) su tematiche solitamente controverse ovvero la legalizzazione della marijuana e l'eutanasia.

Ma andiamo con ordine: l'apertura al digitale, annunciata a giugno ed entrato in vigore a fine luglio, di fatto ha messo subito in secondo piano il classico banchetto posto nelle piazze, modulo e penna. A venire accettate perché si vada a referendum, oltre alle segnature fatte con l'inchiostro, anche quelle digitali certificate, attraverso diversi protocolli particolari.

Una svolta, apparentemente poco significativa, ma che in realtà è letteralmente esplosa appoggiandosi alla rete e all'attivismo via social (Instagram per i più giovani, Facebook per quelli che lo sono un po' meno) che hanno permesso a cause fortemente divisive - soprattutto se date in pasto, per così dire, ai canali mediatici tradizionali - di superare con discreto agio la soglia di sbarramento delle 500mila firme.

È il caso della legalizzazione dell'eutanasia e, in maniera ancora più meteorica, della legalizzazione della cannabis (da firmare solo in digitale e completata in pocopiù di una settimana) così come la più recente e relativa all'assai osteggiato nuovo Green Pass che dovrà consegnare le sue firme entro metà ottobre. Tutti soggetti estremamente controversi (in alcuni casi forse anche scomodi) per i quali ben pochi esponenti politici si sarebbero mossi in prima persona.

Una novità, questa delle firme digitali, forte delle nuove generazioni che vedono la politica in modo diverso e che preferiscono i canali non-tradizionali e senza intermediari. In questo senso una raccolta firme per un referendum che raggiunge il quorum totalmente via web bypassa gli schieramenti politici, mettendoli effettivamente fuori gioco.

Non è un caso, quindi, che la cosa - come altre cose nuove legate social di quest'era digitale - non piaccia a una parte importante dell'establishment. Da chi chiede un aumento delle firme (500mila sarebbero troppo poche) a chi la ritiene una novità troppo superficiale e prona agli abusi. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
REGNO UNITO
1 ora
Inflazione alle stelle in Regno Unito, un inglese su quattro salta i pasti
Con un'inflazione superiore al 9% molte le famiglie, e le aziende, alla canna del gas. Londra però indugia
MOLDAVIA
4 ore
«Qualcuno vuole trascinarci in una guerra indesiderata»
La premier moldava Natalia Gavrilita su neutralità, le bombe in Transnistria e le tensioni nel Paese
INDIA
7 ore
«Sorvegliati a ogni passo, anche a far la spesa»
Kashmir: gli occhi del Governo hanno raggiunto tutte le attività commerciali, a spese dei negozianti
REGNO UNITO
12 ore
Sui pescherecci britannici che diventano prigioni
L'industria del pesce si avvale di un visto che non permette ai lavoratori migranti di licenziarsi o di scendere a terra
REGNO UNITO
19 ore
Una morte su sei è causata dall'inquinamento
Nel 2019 nove milioni di persone sono morte a causa dell'aria tossica. «Chiediamo una transizione rapida e massiccia»
MONDO
20 ore
2020-21: l'Oms non ha lottato solo contro il Covid-19
L'impegno gigantesco per fronteggiare il coronavirus non ha impedito i successi in altri ambiti
AFGHANISTAN
23 ore
I Talebani e quei passi indietro sempre più grandi
Alcuni dipartimenti governativi sono stati eliminati, a causa della difficile situazione economica
VIDEO
CITTÀ DEL VATICANO
1 gior
«Fine regno» e pre conclave. Perché si parla del "dopo Bergoglio"?
Il ginocchio del Papa. Il toto-nomi dei papabili. La paura di arrivare impreparati alla Sede Vacante. Facciamo il punto
COREA DEL NORD
1 gior
Il coronavirus che dilaga e la (troppa) fame dei nordcoreani
I medici militari sono stati incaricati di portare con urgenza i farmaci di cui Pyongyang ha estremo bisogno
AFRICA
1 gior
«Le stuprano per curarle dall'omosessualità»
Cosa vuol dire essere gay in alcuni paesi africani? Lo spiega Sabrina Avakian, criminologa ed esperta in Diritti Umani
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile