Keystone
Grecia
06.09.21 - 20:000

Il diario che racconta gli orrori vissuti dai bambini nel campo profughi di Moria

L'Organizzazione internazionale per la migrazione incapace di vegliare su di loro

ATENE - Violenza, droga e auto-mutilazioni. È la vita dei bambini profughi in un giornale di bordo ritrovato dopo il devastante incendio dello scorso 9 settembre nel campo di Moria, sull'Isola di Lesbo.

Tenuto dagli impiegati dell'organizzazione internazionale per la migrazione, il diario parla delle condizioni estreme in cui versavano gli abitanti più giovani non accompagnati del campo profughi di Moria. Ratti, inondazioni e pericolo di folgorazione. Ma non solo. Questi ragazzi vivevano in uno spazio a loro adibito, diviso dal resto del campo, e definito sicuro. Aspettavano di essere trasferiti nel continente o in un Paese europeo. L'Oim avrebbe dovuto vegliare su di loro 24 ore su 24, ma gli autori del giornale di bordo hanno ammesso la loro incapacità di mettere in pratica la promessa.

Il diario è stato compilato in greco da novembre 2018 a maggio 2020. Tra le righe si possono leggere situazioni di violenza, di consumo di droga, di auto-mutilazioni e ancora di abusi sessuali perpetrati da abitanti adulti del campo. In una nota del 18 novembre si legge che «all'interno di un cartone di arance è stato trovato un ratto morto». Il 22, invece, le piogge torrenziali avevano inondato d'acqua i prefabbricati, alzando a un livello clamoroso il pericolo di folgorazione. Si legge inoltre che spesso mancava anche la corrente.

Il primo dicembre un impiegato riporta sul giornale di quanto facesse freddo e della difficoltà di aiutare un neonato malato e sua madre, un'adolescente. Senza elettricità né riscaldamento «il bambino aveva freddo e piangeva ed era sicuramente malato». Ma «il medico militare da cui lo abbiamo portato ha detto di non avere esperienza con i neonati e che dobbiamo aspettare domani».

TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
3 min
«È uno sforzo coordinato per dipingere una falsa immagine di Facebook»
Per il Ceo della piattaforma social, l'azienda ha una «cultura aperta» e accoglie le «critiche in buona fede»...
CINA
2 ore
Vaccino ai bimbi dai tre anni e lockdown, la stretta cinese
Diversi focolai sono emersi dal 17 ottobre in diverse parti della Cina, a causa di alcuni turisti
MONDO
3 ore
«La salute deve diventare una priorità»
La lezione appresa dopo la pandemia è che il settore sanitario deve tornare al centro delle attività economiche
ITALIA
5 ore
Quella terza dose sempre più «scenario verosimile»
Con i contagi che rialzano la testa, è fra le misure tenute in considerazione, Brusaferro: «Ci faremo trovare pronti»
AFGHANISTAN
14 ore
A otto anni con l'ombra della fame: «A volte dormo senza aver mangiato»
La testimonianza di una famiglia di Kabul, sentita da Save The Children: «Tutto è diventato costoso».
ARABIA SAUDITA
16 ore
Mohammed bin Salman suggerì di uccidere re Abdullah?
Lo ha dichiarato un ex alto funzionario dell'intelligence saudita alla trasmissione 60 Minutes
REGNO UNITO
18 ore
La talpa ed i "Facebook Papers", il social vede sempre più buio
Dopo il suo esposto negli Stati Uniti, l'ex dipendente ha oggi raggiunto anche i legislatori britannici
GERMANIA
21 ore
Sposò la causa dell'ISIS, condannata a dieci anni di carcere
La donna, oltre a far parte del gruppo estremista, avrebbe assistito senza agire all'omicidio di una bambina
ISRAELE
22 ore
Eitan dovrà tornare in Italia
La decisione di oggi del tribunale di Tel Aviv ha dato ragione alla zia paterna, ma il ricorso è molto probabile
MONDO
22 ore
Plastica: Coca-Cola e Pepsi sono i più grandi inquinatori al mondo
Terzo posto per Unilever, sponsor principale del vertice sul clima COP26, quarto posto per la svizzera Nestlé
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile