Keystone
ITALIA
22.02.20 - 16:190
Aggiornamento : 18:15

Coronavirus, in Italia 52 casi. «Primi per numero di contagi»

La prima vittima è un 78enne veneto. La seconda una 77enne che viveva da sola a Casalpusterlengo. Stabile il "paziente1"

MILANO - È salito a 39 il numero di contagiati da Coronavirus in Lombardia. Lo ha spiegato in conferenza stampa il presidente della Regione Attilio Fontana, sottolineando che si sono «tutti verificati» nella stessa area a sud di Lodi. In Veneto sono invece 12 al momento, tra cui il 78enne deceduto ieri a Schiavonia. 

Degli altri 11 contagiati in Veneto, solo uno è al di fuori del comune di Vo' Euganeo: il 67enne di Mira (Venezia) portato la notte scorsa dall'ospedale di Dolo a Padova, in rianimazione. I restanti 10, tra cui «altri sette casi registrati oggi» ha spiegato il governatore veneto Luca Zaia, fanno riferimento tutti a residenti del comune di Vo'. Un nuovo caso è stato nel frattempo segnalato in Piemonte.

Focolaio, non pandemia - Le nuove infezioni da coronavirus registrate in Lombardia sono «tutte riferibili al territorio di Codogno e del Lodigiano» ha sottolineato dal canto suo Fontana. «Abbiamo la conferma che l'area del basso lodigiano è centro di un focolaio. Possiamo dirlo in maniera abbastanza certa, tutte le situazioni di positività hanno o avuto contatti nei giorni 18 e 19 con il pronto soccorso e l'ospedale di Codogno», ha aggiunto l'assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera, facendo il punto sulla situazione del coronavirus in Lombardia. «Non è una situazione di pandemia, per ora non ci sono motivi perché nel resto della regione vengano prese misure di alcun tipo dal punto di vista sanitario».

Sono risultati positivi circa il 13% dei tamponi fatti finora per verificare il contagio o meno dal Coronavirus in Lombardia, ha aggiunto l'assessore, sottolineando che c'è una «contagiosità evidente». Si tratta di un virus «abbastanza virulento ma che nella metà delle persone ha un decorso ordinario».

Test positivo post mortem - Ieri «è stata rinvenuta nel proprio domicilio una donna di 77 anni deceduta che aveva tutta una serie di patologie. A questa persona post mortem è stato fatto il tampone ed è risultato positivo, ma ad oggi non possiamo dire, visto che manca l'autopsia e altri esami, se è morta a causa del coronavirus o per altre situazioni», ha detto Gallera, parlando del primo decesso in Lombardia per coronavirus. La vittima ultrasettantenne era residente a Casalpusterlengo.

«Italia prima in Europa per casi» - «L'Italia si colloca, al momento, al primo posto tra i Paesi europei per numero di contagi da nuovo coronavirus SarsCoV2». È stato Walter Ricciardi, membro del Consiglio Esecutivo dell'Organizzazione mondiale della Sanità, a sottolineare il triste primato. Un quadro preoccupante, spiegano gli epidemiologi, poiché si tratta di casi a trasmissione "secondaria" locale, ovvero verificatisi in soggetti che non provenivano da aree a rischio. Per questo è scattata la caccia ai focolai.

A colpire è, anche, la repentinità con cui sono emerse le decine di nuovi casi, tra ieri e oggi. Il direttore del dipartimento Malattie infettive dell'Istituto superiore di Sanità italiano Gianni Rezza, osserva come «nell'ultimo periodo l'attenzione è aumentata e si sono fatti più esami con tampone su una platea più estesa e questo ha portato alla rilevazione di un maggior numero di casi». Il «vero problema però - sottolinea - è che in Lombardia, il paziente "uno", ovvero il 38enne di Codogno, non proveniva da aree a rischio ed è stato in ospedale determinando anche un focolaio al suo interno, dando inizio presumibilmente alla catena dei contagi. È lo scenario più difficile che si potesse presentare». Proprio il fatto che il paziente "uno" fosse un italiano in un certo senso "insospettabile" perché non proveniente da aree a rischio, ha portato a «un ritardo nella diagnosi del caso, e questo ha favorito l'innescarsi dei contagi», afferma il presidente della Federazione nazionale italiana degli ordini dei medici (Fnomceo) Filippo Anelli.

 

«Ogni giorno che passa ne sappiamo un pò di più sul coronavirus e la malattia che provoca. Sappiamo che oltre l'80% dei pazienti ha una malattia lieve e guarirà». Si è espresso con queste parole Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'Oms, a un meeting d'emergenza con i ministri della Sanità africani. 

L'ultimo aggiornamento dalla John Hopkins University: i contagi accertati di Covid-19 nel mondo sono 77'917, di cui 76'291 in Cina. I morti 2'361 (2'250 in Cina) e i guariti sono 21'216. Il conteggio dei morti non comprende ancora il secondo caso italiano, in attesa di conferma del test. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
LUGANO
1 ora
Il peso delle parole quando si parla di violenza sulle donne
Quanto sono sensibili i mass media nell'utilizzare i termini appropriati senza finire per ferire le vittime?
ITALIA
8 ore
Il lockdown totale «non ha più senso»
La posizione del professor Ranieri Guerra dell'Oms sull'evoluzione della seconda ondata, in Italia e in Europa
ITALIA
14 ore
Covid, l'Italia supera i 50mila decessi
Le vittime nelle ultime 24 ore sono state 630. Quasi 23mila i nuovi contagi
STATI UNITI
15 ore
Covid nei bambini? Solo il 4% dei test è positivo
Lo rivela uno studio su vasta scala pubblicato dalla rivista JAMA Pediatrics
STATI UNITI
16 ore
Trump vorrebbe un'alleanza anti cinese
Lo riferisce il Wall Street Journal. L'intesa informale sarebbe volta a contrastare le pressioni commerciali di Pechino.
ITALIA
17 ore
Italia verso un inverno senza discese sulla neve, ma le regioni non ci stanno
La Lombardia: «Mentre si scierà in Svizzera, in Austria e in Francia secondo il Governo qui dovrà essere tutto chiuso».
MONDO
18 ore
Il Covid non ha pulito l'aria
Gas serra e polveri sottili continuano ad aumentare, al contrario di come inizialmente si era sperato
ITALIA
18 ore
Vigili urbani fanno sesso nell'auto di servizio
La coppia ha però dimenticato di spegnere la radio e la centrale ha sentito tutto. Ora i due sono sotto inchiesta
REGNO UNITO
20 ore
200 milioni di dosi del vaccino Oxford-AstraZeneca pronte per la fine dell'anno
I 20 centri di produzione sparsi per il mondo ne potranno sfornare fino a 200 milioni al mese
ITALIA
20 ore
Quei milioni di italiani messi in ginocchio dal coronavirus
Incertezza, buste paghe magre o svanite nel nulla, il triste bilancio al di là del Covid-19
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile