AFP
MONDO
04.10.21 - 21:420
Aggiornamento : 05.10.21 - 01:31

Social media giù: «Improbabile che sia stato un attacco hacker»

Lo hanno rivelato due membri del team di sicurezza di Facebook al New York Times

Secondo l'ipotesi più quotata, il problema è relativo al sistema che associa l'indirizzo effettivo del server di Facebook al nome "Facebook.com"

MELNO PARK - Durante la giornata di oggi, la popolazione mondiale ha dovuto rinunciare a diverse piattaforme social. Niente WhatsApp, niente Instagram, Niente Facebook. 

Le applicazioni sociali sotto il "tetto" di Facebook sono infatti diventate inaccessibili a partire dalle 17.30 circa, per un'interruzione che sta durando da diverse ore. In passato è già successo che le piattaforme andassero offline, con il caso più conosciuto quello del 13 marzo 2019, quando gli utenti non hanno potuto accedere alle applicazioni per circa 14 ore.

Ma cosa è successo?
Il quotidiano statunitense New York Times è riuscito a sentire due membri del team di sicurezza di Facebook, che hanno parlato a condizione di anonimato perché «non autorizzati a parlare pubblicamente». I due hanno sottolineato l'alta «improbabilità» che sia stato un attacco informatico a causare i problemi, in particolare perché la tecnologia dietro alle applicazioni «è ancora diversa», e che quindi non era probabile che un hacker colpisse tutte le piattaforme in un colpo solo.

Il problema è quindi presumibilmente da ricondurre ai server di Facebook, che per qualche motivo non permettono alle persone di connettersi ai siti collegati, come Instagram e WhatsApp.

«I computer non sanno dove trovare Facebook»
L'ipotesi più quotata, al momento, riguarda un problema relativo ai DNS (Domain Name System), ovvero quei sistemi che associano gli indirizzi del web (come ad esempio "tio.ch") con gli indirizzi IP dei server - in questo caso - di Tio. Tornando alla vicenda, Facebook.com ha smesso quindi di indicare dove si trova il sito del social network, e gli utenti di conseguenza non possono vederlo. 

In altre parole, Facebook ha rimosso la "mappa" che indica ai computer del mondo come trovare le sue proprietà digitali. «Di conseguenza, quando qualcuno digita Facebook.com in un browser web, il browser non ha idea di dove trovare Facebook.com, e quindi mostra una pagina di errore», ha spiegato il giornalista ed esperto di nuove tecnologie Brian Krebs.

Ad un certo punto, la piattaforma Facebook.com è apparsa persino in vendita, ciò che ha provocato l'ilarità di utenti ed esperti di tutto il mondo.

«Stiamo lavorando al problema»
«Siamo consapevoli che alcune persone hanno problemi ad accedere alle nostre app e ai nostri prodotti. Stiamo lavorando per riportare le cose alla normalità il più rapidamente possibile e ci scusiamo per gli eventuali disagi», ha intanto dichiarato la società, come riporta l'agenzia Keystone-ATS, ma senza rendere note le cause del disservizio. 

Però, da quanto riportano i media statunitensi, i problemi sono parecchio grandi per i dipendenti di Facebook. Secondo un tweet del giornalista della NBC Kevin Collier, l'accesso a molti uffici di Facebook è legato a internet e quindi paralizzato, e anche il sistema di comunicazione interno a Facebook sarebbe bloccato, ovvero niente e-mail e niente strumenti interni classici, quelli usati normalmente per lavorare.

Mentre i tecnici del gigante di Mark Zuckerberg cercano di lavorare ai server fisici per risolvere i problemi, agli utenti non resta che attendere.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
MONDO
LIVE
Omicron ha una variante “occulta” che la rende difficile da tracciare
In Austria ospedali allo stremo, in Spagna si vaccinano i bambini e l'Oms ragiona sull'obbligo vaccinale
GERMANIA
14 ore
Dalla paura alla strage, così si è svolto il dramma di Brandeburgo
Una coppia e i loro tre bambini sono stati trovati morti in casa nel fine settimana
EGITTO
16 ore
Patrick Zaki sarà scarcerato (ma non assolto)
La conferma oggi da parte delle autorità egiziane che confermano come il processo si farà, ma a febbraio 2022
STATI UNITI
17 ore
Quel processo da 50 miliardi al sedicente creatore dei Bitcoin
Si è tenuto a Miami e ha visto sul banco degli imputati un informatico australiano 46enne che sostiene di averli creati
LE FOTO
FRANCIA
21 ore
L'esplosione e poi il crollo, in piena notte
All'origine del crollo, informano i pompieri, potrebbe esserci stata una fuga di gas
MONDO
23 ore
Covid, l'Oms "boccia" il plasma dei convalescenti
La terapia «non incrementa le chance di sopravvivenza né riduce la necessità di ricorrere alla ventilazione meccanica»
REGNO UNITO
1 gior
«Facebook ha lucrato sul genocidio dei Rohingya»
Lo sostiene una doppia class action che chiede al social di Zuckerberg 150 miliardi di dollari
Francia
1 gior
Ordinano stupri online, è la nuova frontiera del turismo sessuale
Chi paga questo "servizio" è nel 100 per cento dei casi un uomo e non è escluso che sia un padre di famiglia
ITALIA
1 gior
Brevettato il "trucco" per ingannare il coronavirus
I risultati di uno studio italiano. Basato sull'uso di aptameri, potrebbe essere il primo tassello di un nuovo farmaco.
LA FOTO
STATI UNITI
1 gior
La foto di Natale con i fucili d'assalto che fa discutere gli USA
L'albero addobbato, la famiglia riunita, e i... fucili d'assalto. Un'immagine che ha provocato una marea di polemiche
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile