Keystone
Mike Pompeo durante una conferenza stampa
CINA / STATI UNITI
04.05.20 - 15:210
Aggiornamento : 19:28

Pechino contro Pompeo: «Virus creato in laboratorio? Una tesi folle»

I media ufficiali cinesi denunciano le teorie di Washington come pura propaganda: «Presentino le prove».

PECHINO / WASHINGTON - Le tesi del segretario di Stato americano, Mike Pompeo, in merito all'origine in un laboratorio cinese del coronavirus sono «folli». Commentano così i media ufficiali cinesi le dichiarazioni dell'alto funzionario statunitense ribadite domenica in un'intervista alla Abc.

Con la Cina ferma per la festività del Primo maggio, è toccato alla televisione statale Cctv attaccare nell'edizione serale del telegiornale, la più seguita, le «osservazioni folli ed evasive» del segretario di Stato sulle origini della pandemia di covid-19, cadute come benzina sul fuoco nelle già complesse e difficili relazioni tra Pechino e Washington.

Pompeo ha detto alla Abc che «prove enormi» dimostrano che il virus ha avuto origine in un laboratorio in Cina. Una teoria, questa, che aveva già avanzato in precedenza, ma che è più volte stata smentita dall'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) e da vari esperti scientifici.

In un editoriale, il Global Times, tabloid del Quotidiano del Popolo (voce del Partito comunista), ha incalzato oggi Pompeo invitandolo a «presentare queste cosiddette prove al mondo, e in particolare al pubblico americano che cerca d'ingannare di continuo. La verità è che Pompeo non ha alcuna prova, e nella intervista, stava bluffando». L'amministrazione del presidente Donald Trump «continua a impegnarsi in una guerra di propaganda senza precedenti mentre cerca di impedire gli sforzi globali nella lotta» alla pandemia.

Il Quotidiano del Popolo ha rincarato la dose, attaccando sia il segretario di Stato Pompeo e l'ex stratega della Casa Bianca Steve Bannon. Due commenti pubblicati oggi li hanno definiti «una coppia di clown bugiardi», mentre Bannon è stato considerato anche un «fossile vivente della Guerra fredda».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ISRAELE
59 min
Eitan dovrà tornare in Italia
La decisione di oggi del tribunale di Tel Aviv ha dato ragione alla zia paterna, ma il ricorso è molto probabile
MONDO
1 ora
Plastica: Coca-Cola e Pepsi sono i più grandi inquinatori al mondo
Terzo posto per Unilever, sponsor principale del vertice sul clima COP26, quarto posto per la svizzera Nestlé
SUDAN
3 ore
Premier in manette, scontri, fiamme e feriti. Cosa sta succedendo in Sudan?
Il paese africano si stava dirigendo verso un'elezione democratica, che è messa ora in pericolo dall'esercito
STATI UNITI
5 ore
Cosa è successo quel giorno sul set di “Rust”
Tanta maretta nella troupe, un aiuto regista superficiale e molto stress dietro a quelle riprese finite in tragedia
STATI UNITI
9 ore
Ripulire le strade "razziste", il sogno americano di Alex
Si punta il dito perfino contro le vie dedicate a Cristoforo Colombo
ITALIA
16 ore
Dallo sballo allo stupro, Ghb la droga che dilaga
Disinibire ma anche sedare fino quasi al coma, perché questo stupefacente non è mai stato così popolare
STATI UNITI
18 ore
Milioni di guanti sporchi venduti come nuovi
In Thailandia esiste un mercato nero dei guanti per uso medico, che vengono semplicemente ridipinti
GERMANIA
21 ore
Tragico incendio a Reisbach, quattro morti tra cui una giovane incinta e il suo bambino
I soccorritori hanno tentato di salvare il bimbo che aveva in grembo con un parto cesareo, ma senza successo
ITALIA
22 ore
Berlusconi contro le elezioni anticipate: «Sarebbe irresponsabile»
Per l'ex premier è importante il sostegno interpartitico a Draghi, per l'uscita dalla crisi sanitaria ed economica
STATI UNITI
1 gior
Qualcuno ha giocato con la pistola di Baldwin
Dei membri della troupe avevano usato proiettili veri per divertirsi fuori dal set. Lo ha scoperto la polizia
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile