keystone-sda.ch / STF (ROMAN PILIPEY)
CINA
09.04.20 - 23:070
Aggiornamento : 10.04.20 - 08:20

Il ritorno alla normalità e la paura della seconda ondata del virus

La preoccupazione fa da sfondo alle decisioni delle autorità in merito all'allentamento delle restrizioni

WUHAN - L’ondata pandemica di Covid-19 non si è ancora placata, ma lo spettro di una possibile seconda tornata si staglia già sullo sfondo nei paesi che hanno raggiunto il cosiddetto “picco” dei contagi e iniziano a discutere le fase di un lento e graduale ritorno alla normalità; che non vanifichi gli sforzi compiuti.

Il rischio è concreto e va prevenuto. «Non c'è mai una sola ondata e tutto sparisce; normalmente ce n'è almeno una seconda», aveva ricordato alcuni giorni fa ai microfoni di Piazza Pulita l’epidemiologo Pierluigi Lopalco. L'influenza "spagnola" tra il 1918 e il 1919 ne registrò tre, e la seconda fu la più violenta.

Occhi su Wuhan - In questo senso gli occhi sono ora tutti puntati sulla Cina e in particolare su Wuhan, uscito ieri dalla quarantena dopo 76 giorni di lockdown totale, nel vedere come sarà gestita questa transizione. Più preoccupante è invece la situazione di Singapore, che dopo aver allentato le misure restrittive ha registrato negli ultimi giorni un incremento importante di nuovi casi (142 nella giornata di ieri, il numero più alto registrato sull’arco di 24 ore), portando le autorità a chiudere scuole e uffici per un mese.

Oltre agli evidenti rischi legati a un allentamento troppo rapido delle restrizioni, vi è poi la grande incognita legata ai pazienti asintomatici e alla loro contagiosità. In un commento pubblicato (e poi rimosso) dalla rivista Health Times, affiliata al Quotidiano del Popolo cinese, il direttore del servizio di pneumologia dell'ospedale di Wuhan stimava che nella città ci fossero dai 10'000 ai 20'000 portatori "silenziosi" del coronavirus.

Segnalazioni rapide - Per arginare il pericolo di contagio da parte degli infetti asintomatici il governo cinese ha adottato ieri nuove linee guida. Queste stabiliscono che un paziente che non presenta, o non ha ancora sviluppato, i sintomi del Covid-19 vada segnalato entro due ore dal momento in cui la diagnosi conferma la sua positività.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
UNIONE EUROPEA
1 ora
La proposta dell'Ue: aiuti di Stato fino al 31 dicembre
«Le aziende europee hanno bisogno di ulteriore supporto»
STATI UNITI
1 ora
Rubò il laptop di Nancy Pelosi, arrestata
La donna, secondo le indagini dell'FBI, voleva venderlo all'intelligence russa
ITALIA
3 ore
Vaccino-Pil, Moratti fa retromarcia
Il riferimento alla Lombardia era legato all'inserimento alla zona rossa, assicura l'assessora al Welfare
STATI UNITI
5 ore
Isolata una nuova variante in California
Gli scienziati sono prudenti ma affermano: «Ci sono segnali che potrebbe essere altamente trasmissibile»
UNIONE EUROPEA
6 ore
737 Max di nuovo autorizzato a volare in Europa dalla prossima settimana
Lo fa sapere l'Agenzia europea della sicurezza aerea (AESA), alla quale partecipa anche la Svizzera.
STATI UNITI
7 ore
Troppi morti, ora i crematori possono lavorare ancora di più
Migliaia le vittime di coronavirus stipate negli ospedali e obitori della contea di Los Angeles.
ITALIA
8 ore
«Zona rossa penalizzante», la Lombardia ha fatto ricorso
Il presidente regionale Fontana contesta la prevalenza data al parametro Rt al momento di classificare le varie aree
STATI UNITI
10 ore
400mila americani sono morti in un anno a causa del Covid-19
Sono oltre 24 milioni i contagi, preoccupa particolarmente la California
MONDO
10 ore
Vaccini a due velocità: solo 25 dosi finora nei paesi più poveri
In tutto il mondo i vaccinati contro il Covid sono oltre 40 milioni. E l'Oms lancia l'allarme
DIRETTA TV
ITALIA
11 ore
Al Senato Conte si gioca il futuro
È la giornata decisiva: si comincia alle 9.30 con il discorso del premier, il voto di fiducia è atteso in serata
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile